La ragazzina del piano di sotto giorno 3 – Strana esperienza

Scritto da , il 2016-09-10, genere etero

La giornata scorre tranquilla, solo qualche messaggio su telegram, quei messaggi che si cancellano da soli, dove Serena mi dice della voglia che l’assale, un pensiero fisso. Memore della frase che mi rimbombava in testa “sento di appartenerti” gli dico….
- Hai detto che quando sei con me senti di appartenermi, di essere mia vero? Quindi se sei mia fai tutto quello che ti dico, ho capito bene?
- Si, ma cosa vuoi dirmi?
- Di non messaggiarmi più fino a stasera e prima di uscire devi masturbarti due volte, a distanza di mezz’ora e devi resistere il più possibile ed interrompere prima di venire.
- Nooooo, cosi muoio, poi se mi eccito e non vengo continuo a bagnarmi tantissimo ed in continuazione, arrivo a casa che sono un lago….
- Appunto, fidati…
- Come vuoi… lo faccio.
- A Stasera allora.
L’assenza di messaggi mi dava la possibilità di portare la mente al mio lavoro senza pensare ad altro, mentre l’eiaculazione interrotta di Serena avrebbe sortito altri risultati…

Alle 18 circa… Toc Toc, apro, sorrisone ma la faccia è un po' turbata, probabilmente per l’eccitazione continua. La bacio appassionatamente e lei ricambia, ci tocchiamo, palpeggiamo lecchiamo per cinque minuti buoni, poi mi dice.
- Sai cosa hai combinato?
- Cosa?
- Metti la mano in mezzo alle cosce
Infilo la mano e sento all’interno coscia gli umori che colano, le mutandine sono fradice
- Bene
- Non è finita qui, guarda dietro
si gira e la gonna ha la forma del culo, intriso di umori.
- Te la sei fatta addosso? (sorrido)
- Te sei matto, stavo impazzando per strada…..
Adesso ho proprio bisogno di una doccia e di cambiarmi. Vai pure ma non ti masturbare sotto la doccia…. Io preparo qualcosa e ci vediamo tra poco, altro bacio appassionato e scende.
Trenta minuti spaccati… Toc Toc, sono io, apro ridendo
- Chi vuoi che sia, ci siamo solo noi due….
- Già, vero…
altra risata
La stringo a me poi gli metto un dito sulle labbra come segnale che non deve fiatare.
Le faccio chiudere gli occhi e le metto una sciarpa, quella tipo foulard ma da uomo, tutto in totale silenzio….
Le sussurro all’orecchio
- Shhhhhhh….
Annuisce
La guardo: minigonna a fiori attillata, canottiera bianca dove i capezzoli turgidi fanno capolino ed un paio di ciabatte comode.
La prendo per mano, lei mi segue fino alla porta di camera. Gli lego i polsi con due federe che passo dietro la porta che chiudo. Questo blocca il suo movimento, è in piedi con le mani bloccate in alto.
- Allarga le gambe
Esegue ed inizio a far scorrere le mie mani all’interno dei polpacci a salire, fino all’interno coscia e appena sfioro le mutandine sento che sono intrise di umori; è ancora eccitata….
La gonna stretta impedisce i movimenti e glie la tolgo; tolgo anche le mutandine e tiro su la canottiera…. Appallottolo le mutandine e gli dico di aprire la bocca… come la apre le infilo dentro dicendogli…
- Lo senti il sapore dei tuoi umori? Non sei una porcellina ma una porca davvero, lo sapevi? Annuisce di si
Vedo i capezzoli che sono dritti, “eccitazione in corso”, li tocco, li stringo anche un po più forte e sento un mugolio, ma sono davvero duri….
Prendo le due mollette che ho preparato e ne apro una e Zac su un capezzolo e subito Zac sull’altro…. Sento un lamento strozzato dalle mutandine in bocca, lamento che si interrompe quasi subito, mentre le smorfie riprendono quando tocco le mollette…..
Sento la passerina sfiorandola con un dito… emana un calore intenso…. Spingo sul perineo e faccio scorrere il dito in mezzo allo spacco fino al clitoride che è vigile e quando lo sfrego Serena fa un sobbalzo e geme di piacere….
Prendo il ghiaccio che ho preparato in una ciotola e mi avvicino, apro la fica , infilo un dito poi due , un paio di movimenti e poi li tolgo e lascio lo spazio al ghiaccio…. Come frego la fica col ghiaccio Serena tenta di chiudere le gambe ma gli arriva subito uno sculaccione…. Riapre subito le gambe… tolgo le mutandine e la bacio… le lingue si intrecciano , mi stacco…. I cubetti di ghiaccio sono pronti…. Ne inserisco uno, vedo che gli danno fastidio e si contorce un po, ma inserisco il secondo e cosi via fino a finire la ciotola, dodici cubetti sono dentro di lei. Tendo le labbra chiuse, lei si divincola un po ma dopo poco allento la presa e il ghiaccio sciolto misto ad umori gocciola nella coppa che conteneva il ghiaccio. Fino a che non gocciola più…
Mi abbasso ed inizio a leccare la fichetta che è fresca e saporita, ma dopo poco si scalda nuovamente e dai gemiti che Serena fa sembra proprio che le stia piacendo molto…
L’eccitazione della situazione insolita fa si che riprende al produzione di umori che scendono copiosi e che lecco con piacere mentre lecco succhio e mordicchio il clitoride.
Mi stacco dal boschetto e la bacio, la sua risposta è immediata e presa dai fumi dell’eccitazione sembra voglia mangiarmi…. Nel mentre tolgo le mollette e massaggio i capezzoli…..
- Ahhhhhhh
Un Gemito di dolore lascia spazio alla goduria della liberazione dei capezzoli… Mi spoglio e la libero dai legacci, la prendo in braccio e la adagio sul letto…..
E’ distesa e bellissima come sempre, mi distendo in modo invertito rispetto al suo e la trascino sopra di me…. Dal suo buio un 69 prende forma ed inizia a divorare il mio cazzo mentre io mi godo gli umori della fichetta ed il clitoride che è gonfio di eccitazione. Ad ogni slinguata Serena sussulta, sobbalza, geme…… velocizzo e rallento le slinguate che si protraggono per dieci o quindici minuti e quando sento che sto per eiaculare, aumento il ritmo delle slinguate e della masturbazione del clitoride. I gemiti aumentano da entrambi e veniamo all'unisono, con la differenza che lei ha una vera e propria esplosione, sembra indemoniata, si contorce, trema e non si ferma, mugola, le escono versi gutturali profondi per circa un minuto ininterrotto, poi crolla….. sembra uno straccio appoggiato sopra di me, non da segni di ripresa, vedo solo che respira ed ogni tanto fa un piccolo scossone come fossero scosse di assestamento di un terremoto…..
- Tesoro tutto apposto?
Dalla sua bocca esce un si molto flebile… e poi qualcosa tipo “...pet...” che tradotto penso volesse dire “aspetta”……
Dopo un paio di minuti si sposta, mi guarda e mi dice…..
- Questa valeva per venti….
Ed accenna appena un sorriso, poi prosegue…
- Mi gira la testa
- Aspettami qui ti prendo un bicchiere con un po di acqua e zucchero.
Gli porto da bere, ha un volto sconvolto, pare sia scesa dal ring dopo aver combattuto con Tyson…. Beve, dopo qualche minuto il respiro si normalizza, la gola non è più secca e riprende colore…. Ero preoccupato….
- Come stai? Ce la fai a rispondere?
- Si si, sto bene…. l’orgasmo che ho avuto è stato ...non so definirlo, mi ha sconquassato tutta, non capivo più dove ero…. Adesso mi riprendo….dammi due minuti.
- Queste giovincelle, non hanno il fisico
- Marco…. Ma V@#]+@^=&%$£”o, vai… cosi mi uccidi altroché….
Io rido, lei no
Passa ancora qualche minuto poi si alza e l’accompagno in bagno….. sono davvero preoccupato, è la prima volta che un orgasmo sorte questo effetto….
In bagno si lava, l’acqua fresca fa miracoli, torna nuova…. Mi sorride…
- Adesso SI !!!
Sorrido, sono felice che si sia ripresa….. lo si nota perché inizia a parlare come sempre, ovvero a raffica :-)
- Ora sto bene!
- Mettiamoci un po sul divano
Mi siedo sul divano, la prendo in braccio, raggomitolata ed avvolta nelle mie braccia, ci scambiamo effusioni dolci e delicate, baci leggeri, sfioramenti di labbra…. Rimaniamo li per una mezz’oretta, tempo necessario a far si che Serena torni come nuova….
- Andiamo a preparare qualcosa per cena?
- Andiamo.
Ci alziamo e cuciniamo delle verdure e delle bistecche, beviamo un po' di vino, il tutto senza fretta, parliamo e riparliamo di cosa è successo e nemmeno lei si capacita della reazione, ma mi dice che è come aver avuto venti orgasmi insieme, devastante…. E’ dispiaciuta... compiaciuta…. disorientata… tante situazioni contrastanti, ma convinta che un orgasmo per volta va più che bene….
Tanto per cambiare, diciamo un sacco di cavolate e ridiamo….
Andiamo fuori a prendere una boccata d’aria, facciamo una camminata, un’oretta al fresco della campagna toscana tenendoci a braccetto o per la mano è un toccasana. Rientriamo e decidiamo che una doccia calda non può fare che bene. Ci infiliamo insieme in doccia e ci laviamo a vicenda, come abbiamo già fatto, ma in modo molto rilassato, eroticamente perfetto, una doccia d’amore e di comprensione mai fatta.
Asciugati andiamo a letto, dove la tempesta lascia posto alla quiete assoluta, ci guardiamo ed abbiamo sensazioni come due fidanzatini, forse ideale per Serena me anomalo per me…. Troppa quiete però è deleteria, allora decido di scoprire le carte domandandogli:
- Ma tu stamattina verso le 6 cosa hai fatto?
La risposta non c’è stata ma solo una risata e una battaglia di cuscini e solo dopo dice:
- Volevo andare al lavoro col tuo sapore…. Portarti con me…
- Sei dolcissima, ma anche una pompinara a tradimento!
Altra risata di entrambi.
- Stanotte voglio fare l’amore con te, l’amore, quello dolce, delicato, mentale, con calma, senza fretta.
- Si Marco, anche io….
Ci abbracciamo ci tocchiamo, sfreghiamo ed iniziamo, non a fare sesso, non qualcosa per raggiungere livelli mai provati di eccitazione ma l’amore….
Mezz’ora per godere entrambi dei nostri corpi e questa volta l’atto più erotico e causa di eccitazione è stato dettato dagli sguardi, dagli scambi di frasi dolci e delicate dal profumo di rosa.
Ci addormentiamo rilassati e compiaciuti….

Questo racconto di è stato letto 3 3 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.