Il concorso

Scritto da , il 2016-08-26, genere etero

La premiazione
Non è la prima volta che arrivo in finale. E sempre con lei! Ma questa volta credo di avere buone possibilità di sottrarle il premio che da tre anni consecutivi è andato a lei, il mio romanzo "Perversioni" è testa a testa con il suo nelle vendite e molti lo definiscono un capolavoro della narrativa erotica. Un romanzo che racconta quattro storie, non collegate tra loro, di altrettanti protagonisti e descrive le loro perversioni erotiche.
Ecco la proclamazione. Il cuore inizia a battere più forte, il presentatore sa fare il suo mestiere e tiene tutti con il fiato sospeso. Io mi giro di lato e lancio un'occhiata alla mia sfidante. Lei fa altrettanto verso di me e accennando un sorriso mi fa l'occhiolino.
Ecco il nome del vincitore...Lei! Sempre Lei!
Provo un blocco allo stomaco e una profonda delusione, ci tenevo veramente. Lei si alza sgargiante e si avvia sul palco per ricevere la statuetta mentre dozzine di flash la immortalano.
La guardo, e più la guardo meno sento quel malessere che mi ha preso nel sentire pronunciare il suo nome quale vincitrice del concorso letterario. E' davvero affascinante e devo ammettere che sa scrivere bene, molto bene, accidenti!
Pazienza, faccio un profondo respiro e mi unisco agli applausi. Poi mi alzo e vado a complimentarmi. Qualche flash è anche per me. Vogliono mettere a confronto coloro che al momento sono i due i più acclamati scrittori di racconti erotici.
Le stringo la mano e provo come una scossa. La fisso negli occhi e lei mi cattura con il suo sguardo. Si avvicina a me, mi sussurra di non andarmene, che ha una sorpresa per me.


Il ristorante
Non sapevo se crederle o meno quando mi ha detto che aveva organizzato questa cena perché convinta della mia vittoria e con essa congratularsi con me. Fatto sta che ora è la cena di consolazione.

L'ha organizzata nello stesso ristorante dove cenammo l'altra volta. Ma oggi ci andiamo in taxi, insieme. D'altronde al party del dopo premiazione era impossibile sottrarsi dal bere qualche cocktail e non sarebbe stato consigliabile avventurarsi lungo una strada piena di curve e tornanti per raggiungere il ristorante.
Quando scendiamo dal taxi noto che non ci sono auto parcheggiate nell'apposita piazzola del ristorante, solo alcune davanti alla cucina. Un cartello annuncia: "Chiuso il lunedì". Faccio mente locale, oggi è lunedì.
Quando Venere, pagato il tassista, viene verso di me lo faccio presente ma lei mi sorride e mi invita ad avviarmi verso l'ingresso.
La porta è aperta, entriamo e un cameriere ci accoglie invitandoci a seguirlo. Ci accompagna ad un tavolo, ad un unico tavolo disposto accanto una parete della sala principale, è l'unico, tutti gli altri tavoli sono stati tolti lasciando così vuota la sala.
Ci sediamo e ordiniamo il vino, un Chianti.


La cena
Mentre mangiamo parliamo un po' dei nostri romanzi in concorso. Venere si complimenta ancora con il mio ultimo lavoro e mi dice che se avessi vinto io lo avrei meritato. Mi confessa che lo ha letto tutto in una sola notte perché era impossibile separarsi. Aggiunge anche che si è eccitata molto, in particolare per alcune parti davvero particolari.

Io ne sono lusingato. Pensare che la scrittrice, che con oggi ha vinto quattro premi di seguito per la categoria romanzi erotici, si sia eccitata dal mio ultimo lavoro, è davvero da esserne orgogliosi.
Non appena ci portano il secondo mi confida che anche lei ha una perversione e senza che io le chieda nulla inizia a raccontarla.


"Sono ad una festa con il mio fidanzato. C'è parecchia gente, alcuni li conosco, altri no. E mentre mi intrattengo con i primi noto un uomo che mi fissa. Non l'ho mai visto, ma ha qualcosa che mi attira. Io cerco di non farci caso ma capita spesso che i nostri sguardi si incrocino. Mi turba. Ogni volta provo sempre più forte uno strano turbamento.
Ad un certo punto vado per prendere qualcosa da bere e un uomo mi offre un calice di champagne. E' lui. E mi fissa diritto negli occhi. Vorrei rifiutare ma non riesco, accetto. Non lo ringrazio nemmeno, prendo il calice e continuiamo a fissarci negli occhi. Mi volto e vedo il mio fidanzato che fa altrettanto ad una decina di metri salutandomi con un sorriso. Non sa del turbamento che sto provando. Io non gli rispondo nemmeno, ho quelli occhi su di me che mi bloccano. Uno sguardo che ora mi sta spogliando, penetra all'interno del mio abito nero aderente che copre solo una piccola parte delle mie gambe, lasciandole così quasi interamente esposte, e penetra anche nella mia ampia scollatura. E' come una mano, anzi come più mani che accarezzano il mio corpo. E mi sta eccitando. Molto. Troppo.
Poggio il calice sul tavolo e mi avvio verso la toilette. Ho bisogno di rinfrescarmi. Getti di acqua fresca sul volto e poi profondi respiri per allontanare quello sguardo, quelle mani sul mio corpo, sui miei seni, sui miei fianchi, sul mio sesso pulsante.
Mi trucco di nuovo e dopo aver fatto l'ennesimo respiro profondo mi avvio all'uscita. Sulla soglia lo vedo. E' appoggiato al muro e sta aspettando qualcuno. Sta aspettando me!
Io mi blocco. Tutto riprende come prima. Il turbamento si impossessa nuovamente dei miei sensi.

Ci fissiamo negli occhi e poi lui si incammina verso la sala dove ci sono tutti gli altri, dove c'è il mio fidanzato.

Ma ad un certo punto anziché entrare nella sala, sale le scale che conducono al piano di sopra. E io non vado dal mio fidanzato, seguo costui, uno sconosciuto. Percorriamo alcuni metri di un corridoio e lui apre una porta, entra dentro e mi aspetta. Io potrei tornare indietro, dovrei, ma non lo faccio. Entro in quella camera buia e lascio che la porta si chiuda lasciandoci li nell'oscurità. In sottofondo voci di persone che parlano ad alta voce, che ridono, che si divertono.

Io faccio fatica a respirare e sento delle mani. Questa volta sono mani vere, siamo al buio più completo, non può essere il suo sguardo. Ora sono le sue mani che guardano il mio corpo. E come prima il suo sguardo, ora sono queste mani, grandi, forti, maschili, che perlustrano ogni centimetro del mio corpo, ogni curva.

Io non rimango inerme. Anche le mie mani vogliono sentirlo. E ne appoggio una sul suo petto, ne tasto i possenti muscoli pettorali. Saggio i suoi bicipiti. Poi scendo a toccare il suo ventre. E poi più in basso fino a tastare la sua virilità coperta solo dal tessuto dei suoi pantaloni.

E' grosso, lo sento. E' duro come il marmo! La sua erezione è davvero imponente. Mi eccito. Lo voglio.

Apro la cerniera, sbottono i pantaloni e libero quella meraviglia che nell'oscurità solo le mie mani possono vedere. Ne tasto la consistenza e la forma. Lo accarezzo con il palmo della mano per l'intera lunghezza e mi eccito sempre più mentre lui mi bacia il collo e poi un seno. Succhia un capezzolo e poi si dedica al suo gemello.

Sento voci. Voci maschili che si avvicinano e ne riconosco una: è' quella del mio fidanzato. Per qualche secondo mi blocco, ho paura che possa scoprirci. Ma nonostante la paura non mollo la presa. Mi prende come una strana perversione. Mentre sento la voce del mio fidanzato parlare di chissà quale episodio sportivo mi abbasso. Raggiungo con la bocca la punta di quel magnifico cazzo e inizio a leccarlo. Lo lecco dalla base alla punta. Poi lo assaggio, mentre fuori il mio fidanzato ride e scherza con altri due uomini. Più lo sento e più mi eccito, più mi eccito e più sono ingorda.

Devo fare un ottimo lavoro a giudicare dai gemiti del mio sconosciuto. Succhio con voluttà quel grosso cazzo pulsante, duro, venoso, eccitato di me come io lo sono di lui. Sentendo la sua voce è come se il mio fidanzato fosse li a guardarmi, a guardare la sua donna che succhia un poderoso membro maschile e la mia eccitazione sale alle stelle. Ora lo voglio dentro di me, voglio che dilati per bene le pareti della mia figa, che mi riempia e mi massaggi completamente.

Mi alzo e mi giro, appoggio le mani al muro, verso quelle voci la fuori, verso il mio fidanzato. Il mio occasionale amante capisce e mi solleva il vestito e mentre io mi scopro un seno e lo accarezzo, lui sposta le mie mutandine e infila un dito lentamente per sentire se sono pronta. Lo sono, sono davvero molto bagnata, lui lo estrae e tasta il mio sapore. Poi avverto la grossa cappella del suo magnifico cazzo bussare alla porta della mia intimità. Non fa fatica ad entrare e penetra, si fa strada sempre di più fino ad arrivare in fondo. Lo sento, lo sento benissimo e quasi vengo in quel momento. Poi inizia a scoparmi lentamente e profondamente roteando il bacino per stimolare ogni punto della mia più intima femminilità. Inizio a gemere. A fatica, sforzandomi parecchio, cerco di soffocare il mio piacere ma le difese si fanno sempre più deboli perché ora lui, lo sconosciuto, mi sta scopando con sempre maggiore vigore. E fuori continuano a ridere, a parlare di fuorigioco e di goal annullati inesistenti. Mentre io godo, il mio fidanzato ride, mentre io sono sconvolta dai sensi, lui scherza. E godo ancora di più perché mi sembra che il mio fidanzato con i suoi due amici mi stiano osservando, vedono quanto possa godere una donna.

Quando vengo non riesco a fare a meno di lanciare un urlo soffocato solo parzialmente, ma per fortuna il mio fidanzato fa una battuta e tutti e tre si abbandonano in una fragorosa risata. Viene anche il mio stallone.

Potrei finire li, ma sono ancora troppo eccitata. Quando lui esce da me io mi abbasso, mi inginocchio verso di lui e lo prendo nuovamente in bocca. Lo voglio pulire, pulire per bene dal nostro peccato. E lo faccio lentamente, gustandomelo, mentre immagino il mio fidanzato che mi osserva.

Dopo alcuni minuti ci rilassiamo e ci rassettiamo e non appena sentiamo che i tre ignari uomini la fuori se ne sono tornati di sotto usciamo. Io mi reco subito in bagno e cerco di liberarmi di ogni possibile segno.
Torno nel salone e il mio fidanzato mi viene incontro chiedendomi dove sia stata.
Vorrei dirgli "non molto distante da te caro" ma mi limito ad un "qui fuori a parlare con una amica".
Mi chiede se mi stia divertendo. "Sì, mi sto divertendo" gli rispondo."



Sono riuscito a mangiare solo metà del mio filetto al pepe verde perché Venere mi ha letteralmente catturato con il suo racconto, o meglio la sua fantasia. Accidenti, lo ha raccontato così bene e con così tanta partecipazione che mi ha eccitato. Sento il membro duro dentro i pantaloni.

"Ho preparato una sorpresa per te" mi dice. Un'altra? Penso tra me e me. Fa un cenno al cameriere che risponde con un gesto di intesa. Il volume della musica in sottofondo si alza e anche il genere, ora si sentono note di musica pop.
Si presenta in sala una giovane ragazza in lingerie e cammina con passo da modella professionista davanti al nostro tavolo. E' seguita poco dopo da un'altra ragazza, sempre in intimo. Ne seguono altre due e si alternano alla nostra vista mostrando completi intimi tutti davvero provocanti. Molti raffinati, non volgari.
E Venere mi chiede se lo spettacolo sia di mio gradimento. E io che volevo rilassarmi dal suo racconto! Sento la mia erezione spingere e gli occhi fanno fatica ad abbandonare quelle stupende curve. Non saprei davvero quale intimo sia il più provocante. Se fossi una donna li comprerei tutti.
Le modelle lasciano la sala per un minuto per poi riapparire indossando altri quattro diversi completi e io non posso fare altro che deglutire, inspirare profondamente e pensare a qualcosa che mi permetta di mantenere il controllo.
Per fortuna questa seconda sfilata è anche l'ultima. Applaudo e mi concentro sulla metà di filetto che è rimasta da mangiare.


Il dopocena
Quando arriva il dessert, sotto al piattino che contiene il semifreddo noto un tovagliolo di carta con scritto un numero. Mi sembra scritto a penna. Lo prendo e lo osservo. 201 è scritto.

Lo dico a Venere e chiedo che cosa possa significare. Lei prende il cucchiaino per assaggiare il dessert e risponde che è il numero di una camera: "Stanza 201. Secondo piano, prima camera a destra".
Io rimango senza parole. Vorrei chiedere cosa significhi ma credo non sia necessario.
Terminato il dessert ordino un amaro mentre invece Venere dice di non volere altro. Anzi, appena il cameriere si allontana lei si alza e passandomi vicino mi dice: "Ti aspetto, non tardare troppo". E si congeda temporaneamente con un bacio sulla guancia.
Io aspetto il mio amaro e mi verrebbe voglia di mandarlo giù tutto d'un fiato, ma cerco di mantenere un minimo di autocontrollo. Guardo l'orologio e mi dico che 10 minuti possono essere adeguati. Sorseggio a più riprese il mio digestivo e guardo continuamente l'orologio. Sono trascorsi 8 minuti. Mi dico che due minuti serviranno per salire e così non aspetto altro tempo. Mi alzo, saluto il cameriere che mi augura una buona serata e lentamente salgo le scale.
Secondo piano, prima stanza a destra. La porta è socchiusa. Dentro la stanza è illuminata da diverse candele. Le avrà sicuramente portate lei penso. Quando sono dentro e mi volto alla mia sinistra la vedo. E' distesa sull'ampio letto matrimoniale. Non indossa più il vestito con cui ha cenato fino a poco fa. Ora indossa uno splendido completo intimo che ricorda molto lo stile della lingerie vista prima. Reggiseno e mutandine rosa-fucsia e nere, calze nere e reggicalze. Ma noto anche un bellissimo paio di eleganti scarpe con i tacchi che si abbinano perfettamente al resto.
Lei mi chiede di avvicinarmi e di spogliarmi, lentamente. Mentre io ammiro il suo corpo e mi tolgo capo dopo capo lentamente come mi ha chiesto, lei si muove con grazia e sensualità sul letto cambiano continuamente posa come a voler esibire il suo nuovo abbigliamento e così facendo a volermi eccitare. E ci sta riuscendo.
Mi rimane solo l'intimo che ha fatica contiene la mia esuberanza. Mi libero anche di quello e il suo sguardo si abbassa sul mio sesso. Ora sono completamente nudo di fronte a lei. Mi fa un cenno di avvicinarmi e io non aspetto nemmeno un secondo. La raggiungo e le nostre bocche si uniscono. Ha delle labbra davvero morbidi e sensuali. Assaporo la sua lingua e perlustro l'interno della sua bocca. Una mia mano si posa sul suo ventre, salgono verso i suoi seni e ne afferrano uno accarezzandolo con voluttà. Mi abbasso e la bacio sul collo, poi le spalle, dietro l'orecchio e poi scendo a sostituire la mano con la bocca su quei seni stupendi. Le tolgo il primo capo di quella elegante e sexy lingerie e succhio delicatamente a turno i suoi capezzoli che non fanno fatica ad irrigidirsi. La sento respirare profondamente, con una mano sulla nuca mi spinge verso di se.
La sento gemere, il suo corpo inizia a contorcersi. La sua pelle vellutata è deliziosamente profumata, profuma di mora.
Scendo verso il ventre baciando e lasciando una scia di saliva lungo il percorso fino ad arrivare all'estremità delle sue mutandine. Vorrei mangiarla subito ma uso il poco autocontrollo che mi è rimasto per baciare la sua intimità da fuori il tessuto delle sue mutandine. Percepisco distintamente il suo intimo aroma, me ne inebrio inspirando profondamente. Lei mi posa nuovamente una mano sulla nuca e spinge verso il centro del suo piacere. Muove il bacino e geme più forte. Si occupa lei ora dei suoi splendidi seni mentre io le abbasso le mutandine e le faccio cadere per terra. Per stasera non le serviranno. Torno ad immergermi tra le sue gambe e la sento davvero bagnata. Assaporo i suoi umori mentre con la lingua percorro il solco delle sue grandi labbra, dal perineo al clitoride. Cerco di separarle spingendo la punta della lingua irrigidita come fosse un piccolo cazzo. Questo la fa eccitare sempre di più, così la lecco con maggiore ardore.
Il suo intenso odore di donna mi sconvolge i sensi e mi eccita ancora di più. Il mio cazzo vorrebbe attenzioni ma dovrà aspettare il suo turno.
Lei si inarca mentre io mi occupo del suo clitoride succhiandolo come fosse un piccolo cazzo, leccandolo delicatamente disegnando sempre diverse figure. Il suo respiro si fa sempre più profondo e i suoi gemiti sempre più intensi. I suoi umori scendono come un fiume in piena e io li bevo senza trascurare nemmeno una goccia. Il suo boschetto ben curato è intriso della sua forte fragranza di donna e io me ne delizio posando le narici su di esso.
Viene, mi viene in bocca e io ripeto a me stesso che non c'è cosa più eccitante di una donna che viene nella tua bocca. Mi allontano, il suo clitoride ora è molto sensibile e ha bisogno di essere lasciata un momento tranquilla per riprendersi dagli spasmi del suo orgasmo. Io la osservo e ammiro quanto sia bella una donna mentre sta godendo. Mi avvicino al suo viso e le bacio dolcemente sulla guancia, la accarezzo lungo le braccia.
Mi stendo al suo fianco e aspetto. Lei pian piano ritorna in se e si volta, avvicina il suo viso al mio e mi bacia, vuole condividere il suo sapore, quello che ancora è ben presente nella mia bocca.
Poi è lei questa volta a scendere. Bacia ogni centimetro di pelle che trova e scende, scende fino a raggiungere il mio membro rigido. Lo prende con una mano e inizia a baciarlo. Lo ammira, gratifica il mio ego maschile dicendomi che è davvero molto bello. Mi dice che è come quello del suo sogno proibito, grosso, lungo quanto basta, duro e venato.
Lo lecca con la punta della lingua per tutta la sua lunghezza e in quel mentre mi tornano alla mente le parole del suo racconto quando descriveva il rapporto orale con lo sconosciuto. La vedo farlo con grande passione, lecca da parte a parte, non trascura nulla, poi lo accoglie nella sua bocca e cerca di inghiottirlo più che può . Io chiudo gli occhi e con la testa reclinata all'indietro mi concentro sulle sensazione che provo.
Ad un certo punto si ferma, io apro gli occhi e vedo che lei mi osserva con uno sguardo come a chiedere che vuole ora passare ad altro, così mi alzo e lei fa lo stesso. Insieme ci avviamo verso la finestra che da sulla strada, lei si china in avanti voltata verso l'esterno. Le auto che passano, anche se non molte, illuminano la stanza mentre percorrono una curva e si trovano ad avere il fronte verso di noi. Potrebbero vederci anche se per pochi secondi e questo ci eccita. Io la penetro dolcemente aspettando che si adatti alle mie dimensioni. Poi inizio a muovermi lentamente, ricordo come aveva descritto la scena nel suo racconto durante la cena e cerco di imitare ogni movimento. Ondeggio il bacino cercando di stimolare ogni angolo della sua intimità e pian piano aumento la frequenza delle spinte.
I nostri gemiti si fanno sempre più profondi. Le auto illuminano i nostri corpi. L'autocontrollo ci sta via via abbandonando. Anche le parole ora sono forti, volgari, ne sottolineano l'eccitazione.
"Quando mi piace il tuo cazzo...oh...siii...mi fai impazzire...così si...cazzo che bello!"
Una macchina si ferma, forse ci ha visti, o forse stanno cercando di capire dove sono oppure se il ristorante sia aperto o chiuso. Le luci delle candele non sono intense ma sufficienti a farci notare dall'esterno. Questo pensiero ci eccita ulteriormente e l'amplesso prosegue con sempre maggiore foga. L'auto è sempre li e non si capisce se dall'interno stiano guardando verso di noi. Venere inarca la schiena e con una mano che si poggia su un mio gluteo spinge il mio bacino verso di lei, lo vuole sentire tutto dentro mentre gode e io l'accontento. Dopo una breve pausa riprendo a scoparla ed è il mio turno venire e credo che anche lei stia venendo una terza volta contando anche quella di prima sul letto.
Mi accascio sulla sua schiena ma lei mi invita a rialzarmi perché le gambe non la sorreggono più. Torniamo sul letto, la macchina la fuori se n'è andata.
Ci abbandoniamo in un tenero abbraccio e io le accarezzo il corpo. Parliamo un po' del più e del meno. Poi il desiderio si impossessa nuovamente di noi. Lei mi massaggia il cazzo con le mani e lo lecca assaggiando quel che resta dei suoi umori, poi si siede su di me e se lo infila dentro. Inizia a cavalcarmi come una amazzone roteando e muovendo il bacino affinché il mio cazzo la stimoli per bene. La sua figa è morbida, mi stimola stupendamente e così chiudo gli occhi e mi concentro sulle contrazioni che i muscoli del suo sesso fanno sempre più frequentemente massaggiandomi il cazzo. Il suo ritmo aumenta e io le afferro i seni che oscillano davanti ai miei occhi e ne stuzzico i capezzoli. Lei posa le sue mani sopra le mie e preme, vuole essere accarezzata con vigore. Sento i suoi umori scendere dalla sua figa e bagnarmi la base del cazzo. Lei cavalca davvero come una amazzone e quando sto per venire geme sempre più vistosamente. Veniamo. Veniamo entrambi nello stesso momento e ci gustiamo ogni istante di quel momento.
Si accascia su di me, poi, ancora uno dentro l'altra e abbracciati, ci addormentiamo.
Ha vinto, ha vinto anche stavolta.

Questo racconto di è stato letto 3 2 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.