Una notte in monastero (racconto di fantasia)

Scritto da , il 2016-08-21, genere gay

A causa del mio lavoro, da qualche mese mi trovo a vivere nella parte a sud della Germania; ho sempre amato quei luoghi, ricchi di paesaggi da cartolina, tra fiumi, foreste e villaggi isolati ove il tempo sembra essersi fermato. Nel poco tempo libero che ho a disposizione, potendo godere della comodità di un' auto, amo esplorare la ricchezza del territorio che mi circonda, visitando chiese, castelli medievali e monasteri. Un tardo pomeriggio di gennaio, decisi di andare a visitare un monastero distante circa due ore di macchina dal luogo in cui abitavo; abituato a vivere a Roma, dimentico sempre che in inverno, nei pesi del nord, vi è il rischio concreto di improvvise bufere di neve (e io, da perfetto sprovvisto, abituato agli inverni con quindici gradi, dimenticai anche di mettere in auto le catene). Arrivai al monastero verso le diciassette, parcheggiai l' auto e scesi cercando qualcuno che potesse darmi delle indicazioni. L' abbazia era bellissima: immersa nel verde, sorgeva imponente tra abeti ruscelli, e io non persi l' occasione di scattare qualche foto. Mentre ero impegnato a scattare foto da usare per ricordo, il silenzio monastico del luogo venne interrotto da una voce soave e cordiale che, in italiano, seppur con forte accento tedesco, mi disse:
-"salve, è un turista alla ricerca della pace interiore, o un fotografo mandato da qualche giornale locale?"
Girandomi di scatto, vidi un simpatico monaco, non troppo alto e abbastanza paffuto, sulla quarantina, che mi stava fissando curioso di sapere cosa stavo facendo.
-"buonasera padre, sono solo un turista, e stavo giusto cercando qualcuno a cui chiedere informazioni su come visitare il monastero".
Mi guardò con aria dolce, e mi disse che se volevo visitare l' interno della struttura, dovevo sbrigarmi, in quanto a breve sarebbe scaduto il tempo per le visite e i monaci avrebbero riniziato a svolgere le loro funzioni religiose. Accettai l' invito, e mi feci accompagnare da lui in un piccolo tour in cui mi mostrò le parti più interessanti dell' edificio; mentre camminavamo, Hans, questo il nome del monaco, alternava spiegazioni di carattere religioso, a domande sulla mia provenienza e sulla mia età, dicendomi che non di frequente gli capitava di chiacchierare con persone provenienti da fuori il monastero. Concluso il tour, mi invitò a bere una cioccolata calda in una sorta di "bar" interno ove i monaci passavano il loro tempo libero tra una birra e un libro.
-"spero che la cioccolata sia di tuo gradimento", disse sorridendomi.
-"si, davvero buona, e molto utile per scaldarsi", risposi.
-"certamente, con questa bufera di neve che c'è fuori, una cioccolata calda è proprio ciò che ci vuole".
Spalancai gli occhi. La neve era un fattore che non avevo per niente considerato, e non avendo neanche le catene in auto, la probabilità di finire in qualche burrone, considerata la stradina stretta che dovevo percorrere e le mie scarse doti di guidatore, iniziava ad essere piuttosto alta. Appoggiai la bevanda sul tavolo, e mi affacciai dalla prima finestra: i fiocchi erano enormi, e cadevano copiosamente dal cielo, ricoprendo il terreno con uno strato di neve e ghiaccio ormai spesso diversi centimetri. Avessi potuto bestemmiare, in quel momento credo che lo avrei fatto per una o due ore di seguito. Ma non era il caso, e avevo da pensare a cose più importanti: come tornare a casa?
intanto la bufera continuava, e non sembrava aver intenzione di arrestarsi; provai a chiamare un mio amico tedesco che lavorava con me, ma non rispondeva al cellulare (quello stronzo starà divertendosi con la sua ragazza, pensai tra me e me).
-"se vuoi, puoi passare la notte qua nel monastero, abbiamo delle camere per gli ospiti che solitamente offriamo ai parenti dei monaci ma ce ne sono alcune libere" dissero alcuni religiosi che stavano ascoltando le nostre conversazioni.
In realtà, l' idea di passare una notte in monastero mi scocciava un po, avevo molto lavoro da portare a termine a casa, e inoltre non avrei saputo come comportarmi in un contesto del genere... ma per qualche strano motivo, l' idea di dormire in un luogo del genere in parte mi eccitava. Non vedendo altre soluzioni, se non quella di rischiare un incidente, decisi di accettare, ringraziando tutti quei monaci che si stavano dimostrando così gentili con me. La cena passò in fretta, grazie a dio: percepivo una costante sensazione di imbarazzo, loro erano vestiti tutti con l' abito, io indossavo abiti streetwear e una felpa giallo-evidenziatore... inoltre, mentre pregavano prima di mangiare, io non conoscevo neanche una parola.
Finta la cena, due di loro, tra cui Hans, mi mostrarono la camera in cui avrei passato la notte, dunque ringrazio e chiudo la porta. Affacciandomi dalla piccola finestra che dava su un cortile, mi accorgo che ancora nevica abbondantemente, dunque mi sdraio sul letto e mi metto a giocare con lo smartphone; erano le ventuno, non proprio l' orario in cui solitamente vado a dormire, e inizio a rassegnarmi all' idea che quella notte mi sarei addormentato molto tardi. Dopo aver finito il gioco al quale stavo giocando, e aver passato un po di tempo su facebook, la batteria del cellulare si scarica, e, non avendo il caricabatterie con me, rinuncio anche a questo mio passatempo. non è ancora mezzanotte, ma nel monastero regna il silenzio più totale, tutti dormono, ed io, per ammazzare il tempo, inizio a scattare qualche foto al bel paesaggio che vedo dalla finestra. All' improvviso, qualcuno bussa alla porta della mia cella ed io, in parte incuriosito, in parte spaventato, vado ad aprire; vedo davanti a me Hans, il monaco con cui avevo chiacchierato nel pomeriggio, con in mano due bibite calde e una coperta.
-"ho pensato che potesse farti piacere bere qualcosa con qualcuno, e ti ho portato anche una coperta, pensando che potevi avere freddo";
-"Ah, grazie, accomodati..." risposi io, quasi imbarazzato da tutta questa gentilezza e disponibilità alla quale non ero abituato affatto.
mentre beviamo la bibita calda, parliamo del più e del meno, mi racconta della gioa che quella vita gli procura ancora, pur a distanza di tanti anni, mentre io gli racconto di come il mio lavoro mi stressa e spesso mi rende insoddisfatto; mi spiega di come sia difficile certe volte riuscire a comportarsi bene e non cedere alle tentazioni terrene, e di come vorrebbe avere qualcuno da abbracciare ogni tanto, quando si sente solo e la preghiera non basta a colmare il desiderio di affetto.
Sebbene non capivo il motivo per cui mi diceva queste cose, devo ammettere che mi rispecchiavo nelle sue parole, anche io spesso mi sentivo solo, e anche io ogni tanto mi lasciavo andare a tentazioni non proprio ortodosse.
-"posso abbracciarti?" disse;
-"si, certo che puoi" risposi io con aria compassionevole.
Mentre mi abbracciava, sentii le sue mani toccarmi su tutto il corpo, poi mi guardò negli occhi e mi baciò, regalandomi il bacio più bello della mia vita.
Era fatta: il mostro della libidine stava per uscire dall' urna in cui lo avevo confinato, e l' idea di far sesso con un religioso mi eccitava a livelli che non potrei descrivere. Gli chiesi allora cosa voleva fare,e lui mi rispose che gli sarebbe piaciuto assecondare i miei gusti, per rendermi felice:
-"ho solo una piccola richiesta, me te la esporrò più tardi" mi disse ridendo.
Allora gli chiedo di stendersi sul letto, e inizio a spogliarlo lentamente, lasciandolo in mutande; lui fa lo stesso con me, ma cede alla tentazione e mi toglie anche l' intimo, iniziando a toccare l' arnese con il quale, evidentemente, non giocava da molto tempo. Il mio cazzo diventa subito durissimo come il marmo, le sue manine fredde massaggiavano le mie palle gonfie, causando già la fuoriuscita di liquido; allora, gli chiesi di togliere le mutande, ed esibì un pisello che, seppur leggermente più piccolo del mio, aveva una forma perfetta ed era drittissimo: iniziammo un piacevolissimo sessantanove, io arrotolavo la mia lingue intorno alla sua cappella infiamamta, e mi piaceva sentirlo ansimare dal piacere, piacere al quale evidentemente non era molto abituato. Lo sentivo divincolarsi nella mia bocca come un' anguilla, sapevo che gli stava piacendo, ma ora volevo di più.
-"Ascolta Hans, non vorrei sembrare inopportuno, ma a me piacerebbe..."
-"si, voglio essere penetrato" disse lui, senza farmi finire la frase.
-"Ma", disse, "ora è giunto il momento di farti la richiesta di cui ti parlavo prima".
tirò fuori da una tasca dell' abito che precedentemente gli avevo tolto, un paio di manette, con tanto di chiavi, e mi chiese di incatenarlo al letto mentre lo penetravo.
-"Sai, è il mio sogno erotico da quando ero ragazzo, mi eccita l' idea di essere dominato e non poter far nulla per evitarlo, mi piace farmi montare e non potermi opporre" disse lui con aria timida, guardandomi fisso negli occhi.
Solitamente non è il genere di cose che amo fare, ma l' idea mi arrapava, e non riuscivo a dire di no a quel volto angelico. Capii in un istante che al monaco piaceva essere dominato, dunque avrei dovuto comportarmi da padrone, trattandolo come un prigioniero. Incatenai le sue mani alle sbarre del letto, mettendolo a novanta gradi; poi, iniziai a leccargli dolcemente il buco, spingendo con la lingua di tanto in tanto, e sentivo i suoi muscoli contrarsi dal piacere. Iniziai con un dito, ma ebbi qualche difficoltà, in quanto il buchino era piuttosto stretto... di quel passo, il mio pisello largo e vibrante non sarebbe mai entrato. Ma, all' improvviso, l' illuminazione: in auto avevo del popper, che spesso portavo con me per i suoi effetti ricreativi, ma questa volta lo avrei usato nel modo corretto, forse. Preso il popper, gli chiesi di inalare dalla fialetta, e in un battito di ciglia iniziò ad ansimare, e dimenarsi, ma ora il suo buco era nettamente più rilassato, e di dita ne entravano tre. Era il momento. Infilai il cazzo nel suo bel culo chiaro, appoggiati le mie mani sulle sue spalle e iniziai la cavalcata; intanto,' effetto del popper era finito, e ai suoi sospiri di piacere, si alternavano lenti mugolii di dolore; quei capelli biondo chiaro, la sua carnagione candida e il suo ansimare mi eccitavano all' inverosimile, e iniziai a schiaffeggiare con forza le sue belle chiappe chiare. Sapevo che non sarei riuscito a resistere ancora molto. Uscii dal suo culo, lo liberai dalle manette e lo misi a pancia in su, sdraiato con la schiena sul letto, poi incatenai nuovamente le sue mani alle sbarre: volevo che mi guardasse negli occhi mentre gli sfondavo il culo. Gli alzai dunque le gambe, i suoi piedi poggiavano sulle mie spalle, e io riniziai il lavoro che avevo lasciato in sospeso: mentre lo penetravo con forza, guardavo la sua faccia sconvolta dal piacere, dunque iniziai a masturbarlo mentre lo inculavo con forza, seguendo il ritmo oscillatorio della penetrazione: sentivo il sui pene indurirsi sempre di più, era diventato rosso in viso, e capivo che stava per venire, ma non era l' unico. Velocemente, afferrai il flacone di popper dal comodino, ne respirai un po, e glielo passai. Era fatta. Il popper moltiplicò il nostro piacere a tal punto che, contemporaneamente, io venni dentro di lui, inondando le sue viscere con il mio caldo seme, e lui venne mentre io continuavo a masturbarlo con forza, schizzando così tanto da sporcare il letto e il muro. Mi chiese di non uscire subito da suo culo, dunque aspettai che il pisello diventasse moscio per sfilarlo. Lo baciai in bocca, e rimanemmo per circa un' ora abbracciati sul letto, senza parlare, fissando il soffitto.

Questo racconto di è stato letto 3 6 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.