Ma che buono e' sto salame?!

Scritto da , il 2016-08-20, genere etero

Che ore sono? Con gli occhi ancora chiusi dal sonno, che strofinai come una gatta, cercai di ricordarmi dove diavolo fosse il mio cellulare. Cercai nervosamente in giro per casa, notando che era tutto in disordine. Una vita troppo sregolata. Sentivo la voce di mia madre rimbombarmi nel cervello. Che palle, pensai, come se avessi ancora 16 anni. Da quando vivo per i cazzi miei non fa altro che vomitarmi raccomandazioni a dosso. Ma si, mamma, e' tutto ok. La rassicuravo sempre. Vedi di non farti mettere in cinta dal primo caprone che incontri. Continuava. Come se fossi una deficente alle prime armi. A 25 anni, devo ancora sentirmi dare lezioni di educazione sessuale! Comunque, dove cazzo e' andato il mio stramaledetto telefono, bastardo che quando lo cerco non lo trovo mai?!... Ah, per fortuna, eccolo. 12 chiamate senza risposta. 3 della rompicoglioni di mia madre, 1 di Stefano, 4 di Gloria e 4 di Alessandra...oh cazzo , la cena!!!! Stasera c' e' la cena a casa mia!!!! Chiamai Alessandra. Ale, mi sono svegliata ora, ieri sera ho fatto tardi con Pamela al Sefty, sapessi, poi ti racconto, cmq che minchia di ore sono, casa mia e' un bordello totale e in frigo non c'e' nulla. Devo sbrigarmi, perche' non mi vieni a dare una mano? Dai che lo sai che ci tengo a fare bella figura con Stefano!. Sei sempre la solita , io non verrei mica a darti una mano se non fosse che ci tengo anche io a sta cena. Chissa' che figaccione mi pOrta , l'amichetto tuo stasera. Pero' ti devi sbrigare ad andare a comprare qualcosa , sono le 7 mica rimangono aperti per te! Dai , io intanto vengo da te cosi, metre cucini, io metto in ordine quella stalla di casa tua. Ok, grazie amica. Chiusi la chiamata e uscii di casa cosi com'ero. Vestitino casalingo bianco con delle idiotissime farfalle stampate sopra, di quelli sintetici di bancarella a 5 euro. Niente reggiseno, ma chisse ne frega, me lo posso permettere, con tutta la palestra che faccio! Ups... Le mutandine...ma tanto chi si accorge, in fretta come vanno tutti. Saranno tutti in super ritardo come me. Odio le mutandine, soprattutto per la notte. Mi affretto ad uscire di casa, prendo le chiavi al volo, chiudo la porta e giu' per le scale. In un attimo sono in strada. Deserta e silenziosa. E', cazzo vuoi, e' il sabato dopo Ferragosto. Mi sovviene il dubbio che dovro' cercare un po' prima di trovare qualcosa di aperto. Caldo, cazzo che afa oggi. Nemmeno mi sono data una rinfrescata alla faccia, devo avere un aspetto da barbona! Chissene, basta che trovi un negozio che spacci roba da mangiare. Percorro tutta la strada che da casa mia porta alla piazza centrale del quartiere. Un bar tabacchi aperto e tanto triste, tutto vuoto, ma dove sono i vecchietti e gli ubriaconi abituali? Boh, cmq, devo comprare sigarette e cartine, fammi entrare cosi' chiedo pure dove posso trovare qualcosa di aperto. Un giovanotto dalla faccia stanca e annoiata stava riordinando le tazzine del caffe' e cappuccino sopra la macchina del caffe'. Ciao scusa, senti, ma qualcosa dove posso comprare da mangiare c'e' da queste parti vicine senza prendere la macchina? Il giovane si gira e senza guardarmi in faccia si fissa sulle mie bocce prominenti. Mi sa che non mi sono regolata ad uscire senza reggiseno e mutande. Va beh, sto guardone mi dicesse dove cazzo posso trovare da mangiare. Eh veramente, penso che sia difficile oggi, qui nel quartiere. Se vuoi ti faccio due tramezzini al volo. Balbetta impacciato il barista.
Se mi guardi in faccia mi fai un favore. Cmq va bene, grazie lo stesso. Intanto mi dai 2 pacchetti di Marlboro rosse e un pacchetto di Ritzla blu lunghe? Grazie
Nel frattempo un avventore casuale era entrato. In effetti mi sentivo osservata. Prendo quanto avevo chiesto , pago, e faccio per andarmene. Il signore appena entrato mi stava fissando il culo quando ero girata, una volta voltata dall'altra parte dal suo sguardo, ho capito che aveva intuito il "senza mutandine". Ok, va bene, senta scusi, sa dove posso trovare qualcosa di aperto per comprare da mangiare? La crisi, la crisi, pero' tutti in vacanza stanno!
Guarda, bellissima, all' angolo della strada ho visto un alimentari aperto. Che ti devo dire prova li. Ah, complimenti comunque!
Sorrido compiaciuta in realta', mi piacciono i complimenti. Da uomini maturi cone quello, poi, magari navigati abbastanza per capirci di figa vera, mi fanno ancora piu' piacere! Mi piace compiacermi. Sei una narcisista. Sta voce di mia madre sempre dentro le orecchie. Si', mi piaccio e quindi? Che vuoi farmi? Stronza!
Vabbe', andiamo da questo alimentari. Finalmente arrivo in fretta e furia davanti la serranda semi chiusa del negozio. Tutta sudata, proprio un gran caldo per essere le 715 del pomeriggio, busso alla saracinesca semi chiusa. No semi chiusa no, e' semi aperta. Scusateeee, per favoreee, posso entrare a comprare qualcosa che qua e' tutto chiuso, non pensavo chiudeste a quest'ora. Per favoreee. Quasi disperata. Pensavo a quel bel ragazzo che stasera avrebbw dovuto mangiare il mio cibo. Anzi, il cibo dell'alimentari. Ma non mi poteva invitare a cena fuori, sto tirchio? Ah no, ho insistito particolarmente perche' venisse lui, cosi' magari mi aggiustava la pedana per correre, era flippata. Ho pensato a quel sorriso magnetico e lo sguardo da stronzo che ha! Quanto mi piacciono i ragazzi con la faccia da stronzi! Soprattutto poi, quando la stronza divento io! Ahahaha, che cattiva che sono.
Va beh, insomma mi apriteeee.
Sento i passi un po pesanti quasi trascinarsi sul pavimento. La serranda si tira su mentre ero ancora piegata per cercare di sbirciare all'interno. La faccia del salumiere mi si para esattamente davanti alle tette scoperte praticamente tutte. Capelli arruffati malamente, ricci, mai pettinati credo, barba di qualche giorno, occhi sgranati , grandi a palla, naso a patata, bocca larga e carnosa. Un forte odore di prosciutti e mortadelle si cosparge nell'aria. Buonooo ho una fame a pensarci bene
Che ti serve, bella moretta? Io, pero' sto chiudendo devo raggiungere al mare la compagnia. Non so se....
Lascio che i suoi occhi ora stabuzzanti a palla rimangano fissi nell'incavo del mio seno e anzi, mi muovo un po'ancora piegata com'ero per offrirgli meglio la vista. Signore so che e' tardi , ma e' un' urgenza veramente urgente! Per favore prendo due cose due e me ne vado.
Alza un po la serranda acconsentendo in silenzio, mi fa entrare puntandomi gli occhi addosso stavolta, dal davanzale in giu'. Potrei dire di essermi accorta del momento preciso in cui ha capito perche' ha visto, il mio essere completamente nuda sotto quel vestitino caldissimo di viscosa bianco da due soldi. Ho percepito un sospiro vittorioso di goduria. Mi piace , ho pensato. Mi diverte questo giochetto. Giochiamo un po'.
Senta io devo fare una cena, ma ho veramente zero tempo, mi consiglia lei qualcosa?
Fai cosi, passa dietro il bancone e vedi quello che vuoi, cosi io intanto finisco di pulire il banco del pane.
Si, va bene, ma mi dia un filone. Grazie.
Passo veloce dietro il bancone, cercando di capire che cosa cavolo dovevo mettere in tavola. Gia' ero stanca del ruolo della padrona di casa!
Olive nere, verdi, mmm buone queste salsicce di fegato. Senti che profumo sto salame alla cacciatora. Poi e' grosso, quanto fa questo qua?
Il salumiere rozzo, si introduce dietro al bancone fino a raggiungermi. Lo spazio li dietro e' stretto , una persona normale come me, con uno con una pancia come la sua, se non si strusciano e rimangono incastrati, non ci stanno insieme. Il suo camice bianco da lavoro e' unto e odora chiaramente di salumeria. Tutto li' ha un forte, piacevolissimo odore di salumi. Mm che fame !
Mentre fa per per superarmisento la sua pancia grossa strusciarmi sulle reni, e qualcosa di moscio premere appositamente con forza tra le mie natiche. Ci sto salumiere! Ho pensato divertita! Con un minuscolo movimento di bacino assecondo il tentativo dello sporcaccione. Gli faccio sentire chiaramente, ma non palesemente, che se vuole continuare io sono disponibile.
Chissene importa, i miei ospiti aspetteranno. Il suo fiato sul collo, fortunatamente odora di fumo. Mi piace anche queat'odore di fumo. Le sue mani sui fianchi adesso sono piu' strette e sento che il suo movimento oscillante del membro ancora moscio, da destra a sinistra , si fa piu' veloce. Mi piego leggermente in avanti e faccio finta di voler guardare ancor piu' attentamente gli alimenti esposti nella vetrina sottostante il bancone.
Penso che prendero' anche questo profumato cacciatorino. Mica tanto ino. E' grosso. Dico ad alta voce. Con un cenno della testa mo giro a guardarlo. Ha la faccia di un disperato. Gli sorrido. Di solito e' efficace anche solo questo. Voglio facilitargli il lavoro, mi rendo conto che per la sua eta', quanto avra' 60 anni, magari e' piu' complicato farselo drizzare, anche con una come me...
Con le mani, ancora un po' piegata in avanti, tiro su il vestitino bianco che ora che mai, e' divenuto davvero fastidioso ed inutile. Ma mi solletica di piu' l' idea di essere presa vestita e lascio che rimanga appoggiato appena sopra le natiche. Allargo un po di piu' le gambe e con ancora la presa delle sue mani sui finchi, ora si struscia con piu' vigore si prima. Ma nulla. Tutto addormentato. Cerco di tirargli giu la cerniera dei pantaloni. Ma lui mi blocca la mano. Moretta bella, se ti presentavi qui anche solo 5 anni fa ti facevo piangere. Sto maledetto diabete non ha pieta'!
Con tono di sconfitta lascia con una mano la presa su un fianco e se la porta davanti gli occhi, quasi si vergognasse.
Dopo un secondo in cui mi sono resa conto che e' finito quel giochino cosi' divertente , il suo indice ed il suo medio iniziano a segnare la traccia di divisione tra il mio sedere prima, poi tra le mie grandi labbra. Inarco la schiena e sporgo di piu' le mie mele sode, mostrando in tutta la sua bellezza, il mio sesso depilato con cura. Nel frattempo mi giro adesso mi fai divertire, vero ?
Faccio quello che posso, signorina. La servo con riguardo! Le sue dita diventano tre e, dopo aver fatto in modo che fossi lubbrificata a dovere mi mette una mano sulle reni chiedendomi in silenzio di allargare le gambe di piu' . Cosi' va bene?
Perfetto signorina!
Si piega sulle ginocchia , non senza difficolta' e insinua la sua testa sotto le mie gambe. Con la testa schiacciata quasi ad altezza bancone, mi fa mettere dritta all' inpiedi e infila la testa sotto il vestito che nel frattempo si era tirato giu e ci si copre la testa tutta . La sua lingua non esitava, dall' alto in basso, cercava invano di asciugare quanto la mia vagina aveva espulso nei momenti precedenti. Stuzzicava con la punta della lingua il mio clito ora gonfio e prominente. Cazzo sto salumiere che doti nascoste! Da giovane sara' stato un maiale, appunto, a furia di starci in mezzo!
Lo stuzzicava con i denti, lo massaggiava con il palmo della lingua spingendolo in dentro, schiacciandolo. I miei sospiri erano diventati gemiti gutturali. Quando godo faccio sempre un casino di rumore.
Le sue labbra presero a succhiare avide.
Sta venendo signorina? Sembra una lumachina! Mentre con la lingua si asciugava gli angoli fradici della mia bava di fica , sulla sua bocca. Si tira all' impiedi, io tento di nuovo di vedere se e' possibile fare qualcosa per compiacere anche lui. Poveretto, mi dispiaceva lasciarlo cosi'!
Mi scansa di nuovo la mano con una spinta secca, poi mi esce le tette dalla prominente scollatura e me le massaggia un po'.
Qual'era il salame che aveva preso prima? Tenga, cosa..?
Gia' sapevo cosa ne sarebbe stato di quel salame lungo e cicciotto.
Ridevo da puttanella eccitata e da sola mi sono reimpostata alla posizione di partenza appoggiata con i gomiti sul bancone, stavolta piegata a 90 gradi. Con le mani ho allargato il passaggio, mostrandoglielo con fierezza. Potrei giurarci, gli umori erano filamenti che toccavano terra. Non strilli pero', potrebvero sentirci ed entrare. Ho una moglie a casa che mi aspetta.
Povera lei, avevo pensato. Ma questi gran cazzi della gente che passa e ci sente. Anzi mi sente. Bisognosa con'ero in quel momento di avere un orgasmo, figuriamoci se mi importava della gente.
Il bel salamotto promettente era tra le mani di questa gran bella sorpresa che era mr. Salumiere, e con un gesto quasi gentile mi fece aprire la bocca per leccarlo un po. Lo leccavo e lo spompinavo tutto, mentre con tre dita mi sditalinava , anche se quelle dita, ormai, si perdevano nel tunnel del piacere.
Mentre sentivo entrare il cacciatorino dentro me, si appoggia con un gomito sul bancone accanto alla mia testa e, facendo dentro e fuori con una mano, mi slinguazza sulla bocca perche' aveva intuito che dovevo avere per la bocca qualcosa. La libidine era davvero al massimo. Godevo veramente tanto, mentre slinguazzavo la bocca del salumiere, con le mani mi aggrappavo al bancone lateralmente. Che buono sto salame. Strillavo, lo voglio, dammelo tutto, tuttooo, oooh. Tutto, dammelo tutto.
Finalmente e' esploso questo benedetto orgasmo. Sono rimasta astrusciarmi sul salame per un un po. Fino a quando il salumiere lo leva e me lo fa asciugare tutto. Flebilmente, spossata, Questo lo compro. Poi mi riaggiusto alla bell'e meglio. Con un pezzo di scottex sul bancone cerco di asciugare e pulire cio' che posso dalla mia figa ormai sazia. L'omaccione , nel frattempo, era tornato dietro il banco del pane. Mi stava preparando il filone da me chiesto prima di iniziare a farmi divertire.
Sara' impotente, ma la fantasia non ti manca.
Ah more', stasera m' hai fatto ricorda'bene che sofferenza sia essere impotenti.
Guardi che esistono le medicine.
Eh , parli bene, parli te. Mo che l' ho finite pe anda' a mignotte che faccio? Aspetto st'altro mese che me le faccio risegna' dal medico. Una scatola al mese Giovannini. Mi dice, se no te scoppia er core.
Pero' stasera, almeno t' ho fatto diverti', no more'?
Bhe, lei che dice? Va bene, quanto le devo per tutta questa roba?
Sono 18.90 col filone
Ammappela! Nemmeno un po di sconto?
Sei te che me dovresti paga' more', non te pare?
Ho pagato quanto dovevo allo sporcaccione pure tirchio e ho iniziato a camminare veloce facendomi tornare tutto a un tratto in mente, la cazzo di cena. Che angoscia! Che palle! Ma la vita non puo' essere tutta cosi', cone dentro quell'alimentari?
Comunque fame ne avevo pure io.
Avevo comprato tutta roba fredda. Tanto era caldo, molto caldo, caldissimo. Ero tutta sudata. Speravo di avere il tempo quanto meno di lavarmi e cambiarmi.
Pero' che monella che ero. Forse mammina ha ragione! Anzi per niente. Mi diverto un mondo! Ahahhahaha ho riso dentro di me
La mia amica era sotto casa ad aspettarmi incazzata nera.
Ma non vedi che ore sono , ma dove cazzarola eri finita?
E i negozi sono tutti chiusi, pero' ho preso un salame che non sai che meraviglia che e'!
Non vedo l' ora di farvelo assaggiare, 30 cm di puro piacere maialesco!



Questo racconto di è stato letto 5 5 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.