Erotici Racconti

La prima volta

Scritto da , il 2016-07-30, genere pissing

Era una sera di luglio e nonostante io e la mia Paola (nome di fantasia) avessimo avuto una giornata molto intensa e faticosa, decimmo di approfittare della bella serata per uscire per una cenetta romantica. Andammo in bagno a farci la doccia e nonostante la stanchezza, mi si accese subito qualcosa nella visione di lei nuda e non resistii dall’entrare con lei con la scusa di lavarle la schiena. La situazione prese in breve tempo una piega molto eccitante promettendo un rapporto intenso e bagnato, ma subito venne interrotta da una sua presa vigorosa del mio membro che cercò di spostare dalla pericolosa vicinanza alle sue intimità; fu però anche una scusa per stuzzicarlo con dei movimenti molto decisi come per portarlo all’orgasmo. La cosa la sospendemmo lì promettendoci di concluderla al ritorno dalla cena.
La serata proseguì con un ottima cena in un ristorante molto carino all’aperto; mangiammo e soprattutto bevemmo tanto. In tutti e due quel mix tra l’aria aperta che stimola i sensi e la voglia di riprendere la faccenda iniziata sotto la doccia, continuò ad accrescere un eccitazione che a volte, dati i pantaloni attillati, feci fatica a nascondere ai vicini di tavolo.
Finalmente arrivò il momento del conto, ci alzammo e ci diressimo verso casa. Fu troppa la voglia e dopo pochi chilometri di marcia, gli infilai la mano sotto la gonna scoprendo con sorpresa la marcata umidità delle sue mutandine…Dio mio da quanto è che si stava bagnando? Lei mi sorrise, mi sbottonò i tre bottoni dei pantaloni e a fatica tirò fuori il mio membro che durissimo usci come una molla. Mi consigliò di stare attento alla strada ed intanto si abbassò prendendolo in bocca con una passione vista poche altre volte, scendendo a volte fino alla base dell’asta. Succhiava come se dovesse tirare fuori qualcosa dalla mia cappella, ma poverina allo stesso tempo il diametro accentuato dalla mia forte eccitazione, le impediva una discesa sicura dovendo stare attenta a non far sentire troppo i denti. Gli proposi data la serata di farlo in macchina come ai vecchi tempi, quando da appena conosciuti ci appartavamo nelle zone industriali, lontani da occhi indiscreti. Paola accettò subito e mi raccomandò di cercare un posto ben appartato ma in fretta perché aveva voglia di sentirsi penetrata con vigore. L’attesa fu abbastanza ristretta visto che mi diressi a colpo sicuro in un posto che conoscevo molto bene e parcheggiammo.
Lì lei tirò su la testa smettendo di fare quello che stava facendo e vide con sorpresa che eravamo praticamente circondati da cespugli e piante di una discreta altezza e che promettevano la riservatezza più assoluta. Non rimane felice della cosa; io me ne accorsi subito e gli chiesi: “che c’è? Non ti piace? Lei rispose: “certo che mi piace però devo fare pipì e tra tutte quelle piante ho paura che qualche insetto mi becchi o mi punga…come facciamo? Mi scappa troppo…” Come potrete immaginare, era già da un po’ che il sangue nel mio corpo aveva deciso di abbandonare il cervello a vantaggio di qualcos’altro e l’unica mia reazione fu quella di infilargli due dita in mezzo alle gambe, alzargli il cappuccio con il pollice, stimolargli il clitoride e l’uretra e dirgli “ok dai, la bevo io basta che vai piano…un po’ per volta”. Mi fece una faccia a metà tra lo stupore e il disgusto ma la mia mano invece sentì che la cosa le creò un certo che dando qualche piccola contrazione di approvazione. Abbassammo lo schienale del suo sedile, si sdraiò, si alzò la gonna e si tolse le mutandine, strofinandomele sul naso. Si prese le ginocchia con le mani e mi ordinò di aprire la bocca e di appoggiarla all’altezza dell’uretra. L’eccitazione le creò qualche problema e dovette per un attimo concentrarsi; poi a un certo punto con una voce eccitata che dimostrò quanto il sangue gli stesse bollendo mi disse: “eccola amore, bevitela tutta che non dobbiamo sporcare la macchina”. Uscì un getto potente che quasi andò in gola da sola ma che per fortuna finì abbastanza in tempo per chiudere la bocca e inghiottirla. Il gusto non fu per niente forte e fu fantastica l’espressione di godimento che ebbe Paola nel guardarmi finché mandavo giù la sua pioggia dorata con tutte le vene del collo gonfie e quel labbro morso tra i denti. Mi schiaccio la faccia in mezzo al suo sesso e mi riempì con un altro getto; appenami vedeva che mandavo giù, mi riempiva ancora. Per mia felicità aveva bevuto parecchio e la cosa proseguì per diverse volte; mi sentivo il suo servo e il sentirmi usato in maniera così diretta e spudorata, cominciò a farmi andare in ecstasy con il mio attrezzo che faceva male dall’eccitazione che continuava a pulsare, quasi stesse per scoppiare. Finito tutto mi disse: “ah adesso sto meglio, adesso usa bene la lingua e puliscimi tutta!”. Non la delusi e la pulii come una gatta fa con i suoi piccoli, poi mi alzai e la penetrai come non avevo mai fatto. Fu una delle trombate più belle del nostro rapporto finché non venii con una copiosi schizzi che riempirono il suo sesso di caldo sperma. Lo estrassi per darglielo in bocca da pulire come sempre si faceva ma quella volta, trascinata dall’esperienza di un’ora prima, mi ordinò di scendere e di pulirla facendomi sapere che non aveva nessuna intenzione di consumare un fazzoletto visto che ormai mi ero affermato come ottimo bidè. Scesi e gliela pulì ma ogni volta pensavo di aver soddisfatto la mia mansione, lei con piccole contrazioni faceva uscire gocce di sperma costringendomi a ricominciare dovendo bere quello che era il dolce del mio seme e l’amaro della sua lubrificazione. Con quella volta venni battezzato come suo wc e bidè personale e dovetti per diverse volte accontentarla, ma queste sono tante altre storie ma magari non mancherò di scrivere.

Questo racconto di è stato letto 1 1 9 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.