Durante il tirocinio, anni fa

Scritto da , il 2016-07-28, genere gay

Durante il tirocinio, anni fa …

Da oltre dieci anni svolgo con scrupolo la professione di medico presso un ospedale di una piccola città del Nord Italia, i miei pazienti in genere mi apprezzano e anche i dirigente sono soddisfatti,nessuno però sa che in passato, durante la specializzazione, ci fu un episodio che mi segnò fortemente nelle mie scelte professionali e di vita.

Per la specializzazione fui assegnato a due medici, uno una sorta di “barone”, l’altro meno famoso ma molto preciso. Tralascio, per motivi comprensibili, i loro nomi; mi limiterò ad indicare solo le iniziali: O. D., il primo, A. M., il secondo.

Il primo era solito fare assistere anche alle visite che svolgeva sui pazienti, i quali venivano preventivamente avvisati della presenza del tirocinante.
Un giorno si presentò nell’ambulatorio un uomo, giovane, sulla trentina: capelli corti, carnagione chiara, castano, alto, magro; da quanto disse successivamente rispondendo alle domande del medico praticava sport (nuotava, correva, a volte giocava a calcio). Arrivò a confessare che era molto preoccupato: avvertiva da un po’ un appesantimento allo scroto e da una settimana un dolore ad un testicolo.
Il dottor O. D. ascoltò, trascrisse qualche appunto, poi chiese al paziente se fosse sessualmente attivo. Il giovane rispose di sì e che quando faceva sesso avvertiva una certa sensazione dolorosa, tanto che cominciava a farlo con meno gioia e frequenza.
Il dottor O. D. precisò che la visita sarebbe avvenuta in mia presenza, in quanto tirocinante e chiese al paziente di spogliarsi.
Fu qui che io cominciai a provare un’insolita curiosità.
Mi attirava il fisico di quel giovane uomo ? Possibile ?
Il dottore lo fece spogliare completamente per poterlo pesare: il petto leggermente muscoloso, ricoperto di una peluria che si infittiva a livello dello sterno e dei capezzoli, attirò la mia attenzione.
Non potei poi guardare i suo pene che spuntava tra un cespuglio di peli fitti e il suo scroto, pure ricoperto di una certa peluria.
Il dottore lo fece distendere sul lettino e mi fece avvicinare per assistere: la mano esperta di O. D. premette sul bacino del paziente, sull’inguine, fino poi a scendere allo scroto. Con le dita cominciò a toccare leggermente i due testicoli e commentò:
“In effetti uno è un po’ gonfio. Le faccio male ?”
“Un po’ ma non molto”
Mentre il medico manipolava lentamente i testicoli, il pene del giovane paziente ebbe un’erezione: io provai un’emozione strana. A piccoli scatti il membro cominciò ad alzarsi, con visibile imbarazzo del paziente che stava per coprirsi.
“Non si preoccupi! – disse il medico – Capita, più di quanto possa immaginare durante visite di questo tipo! E poi vuol dire che funziona tutto!!”
Poi, rivolto a me: “Senta anche lei il testicolo, così fa un po’ di manualità”
Io cominciai a minipolare e sentivo la superficie rugosa dello scroto e sotto il testicolo e, mentre toccavo in modo forse un po’ goffo, l’erezione del paziente aumentò fino a raggiungere il massimo.
Deglutii.
La cappella si stava scoprendo e il cazzo del paziente era tutto dritto, leggermente curvo verso destra.
Ebbi anch’io un’erezione forte a quella vista e non ho mai saputo se qualcuno se ne sia accorto: spero che il camice abbia coperto per bene.
“Sentito? – mi chiese il medico – Direi che possiamo tranquillizzare il paziente. E’ un varicocele. Non è un problema da trascurare: innanzitutto bisogna far disinfiammare il testicolo e poi direi di fare un piccolo intervento. Ma le assicuro che è una questione di routine! “
Il paziente si alzò, l’erezione cominciò a diminuire … La mia un po’ durò, ma soprattutto rimasero in me tanti dubbi su quella mia reazione …

Questo racconto di è stato letto 7 9 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.