Occhi color ghiaccio

Scritto da , il 2016-07-26, genere prime esperienze

Ero appena tornata dal ristorante in cui lavoravo come cameriera, ero esausta e volevo vedere lui.
Mi presento: All'epoca dei fatti avevo lunghi capelli biondi, occhi azzurri, una seconda e un bel sedere sodissimo..Mi ero sistemata a casa di una famiglia amica della mia per circa un mesetto (i miei erano andati in vacanza ma io ero rimasta in Italia per il lavoro). In quella famiglia mi trovavo benissimo soprattutto con i genitori di A******* e L*****, A****** era spesso fuori per lavoro ma quando ci vedavamo passavamo ore intere a parlare o in giro, era come il fratello maggiore che non ho mai avuto. Con L***** non avevo un bel rapporto:litigavamo sempre, lui mi diceva che ero orrenda,antipatica e grassa..io fingevo che i suoi insulti non mi toccassero minimamente ribattendo ciò che mi diceva, ma lui non,si arrendeva..un giorno mi trovò a piangere in camera (io ero convinta che non ci fosse nessuno in casa, ma lui si era dimenticato il cellulare), mi chiese cosa fosse successo guardandomi negli occhi e io lo abbracciai fortissimo e lui ricambiò. Inutile dire che non avevo mai ricevuto un abbraccio simile. Lui era ed è biondo, occhi azzurrissimi, fisico asciutto, bassino ma più alto di me sicuro.
Dopo quella volta ci avvicinammo di più, lui cominciava ad essere più dolce e gentile, mi guardava in modo diverso..mi sorrideva ogni volta che gli parlavo di quello che mi succedeva al lavoro, mi ascoltava quando tirnavo a casa e insultavo il capo del posto di lavoro e mi abbracciava..a lui diedi il mio primo bacio (lui aveva 19 anni) sugli scogli all'alba.
Una domenica pomeriggio, ero sola in casa, mi arrivò una chiamata da L***** incazzato a morte con il suo capo, voleva solo sfogarsi..io gli dissi di calmarsi perché stava guidando, e lui mi ascoltò. Io ero in piedi quando entrò in casa..non feci in tempo a chiedergli cosa era successo che mi si fiondò addosso e mi baciò con una voglia incredibile..mi portò in camera sua, senza smettere dibaciarmi, e mi posò sul letto iniziò a strusciarsi su di me per poi cominciare a spogliarmi, una volta tolte le mutandine mise una mano nella potato e cominciò a massaggiare il clitoride, io sospiravo, dopodiché tolse la mano e la sostituì con la lingua, mi leccava in un modo sovrumano..io iniziavo ad ansimare più forte..mi toccava ovunque, mi baciava i fianchi, l'interno delle coscie..poi finalmente si mise steso su di me aprendomi le gambe, mi piaceva quella sensazione. Mi disse che ero una merdaviglia e che voleva essere il primo, mi disse anche che gli ero sempre piaciuta. Iniziai a sentire il suo coso sulla mia potato, si tolse i jeans E notai che era ENORME e avevo paura che mi facesse male..mi disse di stare tranquilla e di guardare lui negli occhi, così feci e all'inizio mi fece male e io per ripicca gli morsi il labbro fino a farlo sanguinare, poi i suoi movimenti mi fecero arrivare all'orgasmo, lui nonsi fermava era incontrollabilmente eccitante, ad un certo punto si fermò e io iniziai a cavalcarlo a lui poaceva e ansimava, e mi diceva che ero fantastica. Decisi di farli un pompino che, probabilmente per la mia eccitazione, venne benissimo e lui sborrò sulla mia potato. Mi abbracciò, ci riposammo un po' e andammo a farci una doccia e ricominciò a leccarmela tanto da farmi raggiungere un altro orgasmo. Mi chiese di fidanzarci al mio 18 compleanno, e io ovviamente dissi di sì.
Ora siamo sposati da 4 anni e io aspetto una bambina.

Questo racconto di è stato letto 6 0 4 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.