Il mio desiderio di lui alimenta il mio rapporto con lei

Scritto da , il 2016-07-15, genere bisex

Premetto che sono un quarantenne etero e felicememnte sposato con una splendida mora, coetanea, molto molto sexy e procace che di lavoro fa la psicologa e con cui ho regolari e soddisfacenti rapporti. Mai ho provato nulla per persone del mio medesimo sesso. Fino a qualche giorno fa. Mi trovavo nella palestra che frequento e a fine serata sono andato a fare la doccia, per errore aprendone una già occupata. Nel farlo mi trovavo dinanzi un giovane, credo un 24enne, non proprio palestratissimo ma con un bel corpo e soprattutto un cazzo di dimensioni pazzesche. Era lungo, credo, in posizione di riposo più del mio quando è in posizione eretta, quindi circa 20-22 centimetri (il mio da duro è 13,5 cm), ma soprattutto era grosso, dotato di un glande scoperto impressionante e pendente su due enormi testicoli. Naturalmente mi scusavo col fanciullo e andavo farmi la doccia. Nello sciacquarmi non smettevo di pensare a quella nerchia ed avevo una potente erezione, prendendo a mastrurbarmi violentemente. Quando uscivo, vedevo il giovane che stava rivestendosi, aveva ora uno slip che però non riuscive a a nascondere le dimensioni del suo serpente e della cappella. Incurante di me, una volta indossato il jeans e una polo aderente, si allontanò. Per giorni non ho fatto che pensare a lui e al suo cazzo. Ero evidentemente turbatissimo e a casa non facevo altro che masturbarmi. Mia moglie, con la quale scopo di norma almeno tre volte a settimana, si vedeva respinta da un marito stanco su cui sarebbe potuto ricadere perfino il sospetto di avere un'amante, una bella figa alternativa a quella della mogliettina. Decisi allora di confessare la mia fantasia e l'incontro da cui era scaturita. Mia moglie mostrò una profonda maturità, non apparve minimamente sorpresa e vedendomi preoccupato per il mio timore di essere frocio, mi diede un bacio sulla fronte dicendomi che certe fantasie sono assai più comuni di quanto si creda tra gli uomini. La meraviglia fu, in realtà, mia, non solo per come accolse la mia confessione ma per come poi reagì. Prese pian piano a coccolarmi, darmi bacetti sul collo, sulla bocca, fino a farmi eccitare, tanto che la presi e la sbattei in maniera animalesca, provocadole un orgasmo potente, preceduto da lei che mi diceva: "Ti piace il cazzo, vero? Dimmi che vorresti essere inculato da quel ragazzo..." e io che le rispondevo "Si, vorrei prima leccarlo tutto, tutto il corpo, poi l'asta e le palle grandi come mele, si, vorrei che ti fottesse davanti a me, affondando nel tuo ventre di cagna in calore". Non ricordavo di averla mai vista così fuori controllo e alla fine, dopo la scopata volle ancora farlo, stavolta per circa un'ora durante la quale mi confessava che lei aveva spesso fantasie con la centro un magnifico puledro come quello che io avevo visto, che desiderava tanto un cazzone così. Mi umiliava anche, di tanto in tanto, dicendomi che bramava da sempre, anche se mai aveva avuto il coraggio di dirmelo, un attrezzo del genere ed un giovane che la montasse con vigore raggiungendo le sue profondità mai da me sondate, ma ciò non frenava le mie incessanti bordate che la troia riusciva ad ottenere da me urlandomi "Chiavami più forte, chiavami come mi chiaverebbe lui, spaccami!". Qualche ora dopo, eravamo stremati sul letto quando le chiesi se le avrebbe fatto piacere farlo a tre, con questo ragazzo o con altro parimenti dotato. Mi rispose che mai lo avrebbe consentito, che le fantasie sono una cosa e la realtà è un'altra, soprattutto mi colpì e forse anche ferì ciò che disse alla fine: "Ma poi, dopo che mi avresti fatto accoppiare con un giovane stallone così e dopo che in quell'occasione saresti umiliato dalle sue dimensioni, sottomesso a lui come un cuckold qualsiasi, magari costretto a spompinarlo e forse a realizzare la tua fantasia di essere inculato, dominato da un cazzone, non so proprio, caro, se io in quanto femmina vorrei stare ancora con te. A quel punto, come ogni buona psicologa ma soprattutto ogni vera donna, dunque zoccola, sa, correrei il rischio di diventare la sua schiava sessuale e tu saresti degradato al ruolo di frocetto impotente della situazione. Preferisco per il nostro amore conservare queste fantasie per noi soli, e non dovermi vergognare in quel modo di me e di te".

Questo racconto di è stato letto 1 0 3 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.