Erotici Racconti

Una nuova esperienza

Scritto da , il 2016-06-17, genere voyeur

Ero con la mia fidanzata e avevamo trascorso la serata sul lungomare di una città vicino, ma la voglia di stare un po' soli e appartati era tanta
Così prendemmo la macchina e lasciammo il centro per fermarci nella zona antistante lo stadio su una piccola spiaggia isolata e lontana dalla città.
Scendemmo dalla macchina e ci godevamo il mare e la luna stando appoggiati sul cofano.
Ma la nostra voglia si faceva sempre più frenetica
Così risalimmo in macchina e mi catapultai su di lei abbassando il sedile
Lei si distese e mi tirò a se, ci iniziammo a baciare mentre io con le mani le perlustravo tutto il corpo.
Le sfilai la maglia e misi la testa tra le tette aveva una bella quarta e io adoravo succhiarmela, le stringevo forte una contro l'altra e ci ficcavo la faccia dentro.
Ma proprio mente mi divertivo con le tette di quella ragazza che poi sarebbe diventata mia moglie, accostò un'altra macchina vicino.
Non ci diedi tanto peso
Pensando che fosse un altra coppia se si fosse appartata ma da lì a pochi minuti un tizio scese dalla macchina e si appoggiò allo sportello guardando il telefono e di tanto in tanto guardare verso di noi, non ci diedi peso
Mi distesi di nuovo su Luana e tra le sue tette le leccavo e le succhiavo e man man scendevo sul suo ventre facevo scorrere la lingua su tutto il suo corpo fino ad arrivare al perizoma lo afferrai tra i denti e con l'aiuto delle mani lo sfilai, lasciandola solo quel gonnellino che le cadeva sopra le ginocchia.
Avevo il cazzo super duro e lo strofinavo contro la sua fica
Poi lei si alzò e mi sfilo maglia e il suo pantalone, mi fece accomodare sul sedile del guidatore mentre lei si mise a carponi sul suo sedile mi afferrò il cazzo e cominciò a succhiarmelo con il culo rivolto verso il tizio che adesso non smetteva di fissarci, lo feci presente a Luana che si staccò dal cazzo e mi disse
Che ti frega lascialo guardare
nel frattempo il tizio aveva fatto qualche passo in avanti per apprezzare meglio il culo in bella vista.
Con la mano sinistra afferrai i capelli di Luana e accompagnavo la testa sul mio cazzo
Mente con l'altra mano le accarezzavo il culo e facevo sfilare qualche dito sotto al gonnellino e nella fica liscia e rasata già piena umori.
Evidentemente lo sconosciuto apprezzo lo spettacolo
Si slacciò i pantaloni afferrò il cazzo tra le mani e cominciò a segarsi. Sembrava una persona distinta e per bene sulla cinquantina con capelli brizzolati.
Sentivo la calda bocca di Luana strusciare sul mio cazzo, con le mani aveva afferrato l'asta alla base e mi teneva strette anche le palle nel pugno
Mi girava la lingua intorno la cappella, stuzzica il frenulo, e si alternava con profonde e lunghe succhiate.
Ero troppo eccitato per fermarla e farle notare lo sconosciuto che forse stava esagerando, ma quella situazione bizzarra si stava facendo interessante.
Iniziai ad abbassare anche il mio sedile afferrai lei per i capelli e iniziai a baciarla
Mi sembrava di sentire il sapore del mio cazzo mentre lentamente mi spostavo a ridosso dei due sedili.
Le accarezzavo il culo e lentamente la spingevo a mettersi a carponi su di me, sentivo la sua fica umida strusciare sul mio cazzo, muoveva il bacino avanti e indietro lungo la mia asta,
Mi abbassai e la tirai a me
Afferrai il cazzo tra le mani e inizia a strisciare la cappella tra le labbra bagnate della sua fica,
Lei continuava a muovere il bacino facilitandomi l'ingresso.
Immaginavo lo spettacolo che assisteva lo sconosciuto che aveva preso a menarsi il cazzo a pochi metri dalla nostra macchina.
La situazione che si era creata piaceva molto anche Luana
Me ne accorsi da come scopava,
Aveva arricciato la gonna sulla schiena e aveva piazzato le mie mani sul suo culo, che massaggiavo e talvolta aprivo per consentire al guardone di vedere meglio.
Ero super eccitato e stavo quasi per esplodere
Luana mi saltava sul cazzo con un ritmo forsennato, le chiesi di invertire posizione
Si mise lei sotto, distesa tra i due sedili e le gambe alzate e larghe incastrate sotto il tetto della macchina
Le strofinavo un po' il cazzo tra fica e culo e lo sbattevo un sulla peluria per poi ficcarlo dentro in un sol colpo fino alle palle
Emano un urlo di piacere che sentì anche il guardone, apprezzo al tal punto da farlo venire
Ce ne accorgemmo dai suoi lamenti che aveva raggiunto il piacere
Ci guardammo fissi negl occhi e ci scappo un leggero sorriso
Mentre ancora continuavo a scoparla
Ma non ne potevo più nemmeno io,lo tirai fuori e lo afferrai con la mano presi a sbatterlo tra fica e gambe finché non iniziai a sborrare, con flotti che le arrivavano fin sopra le tette.
Il guardone se ne era salito in macchina pensavamo che adesso andava via, invece fissava
l'orizzonte dritto davanti a lui,
Passai dei fazzoletti a Luana in modo che poteva ripulirsi dalla sborra e mi accomodai sul sedile guidatore
Stavo per ripulire anche io dai residui della sborra e dai suoi umori
Ma Luana mi interruppe,
aspetta lo faccio io
Mi fece stendere sul sedile mi afferrò il cazzo ancora moscio e se lo mise di nuovo in bocca, leccava e succhiava ripulendolo dalla sborra, mi stringeva la cappella per far uscire le ultime gocce di sborra e se le ingoiava
Sentivo il cazzo diventare di nuovo duro nella sua bocca.
Luana sembrava eccitata più che mai si era messa di nuovo a carponi sul sedile mostrando il culo al guardone che era sceso di nuovo dalla macchina.
Si era appoggiato alla portiera e si sbottonava di nuovo il pantalone
Tirò il cazzo fuori dalle mutande e riprese a segarsi
Se lo menava di brutto guardando mia moglie messa a pecorina che mi spompinava, chissà cosa immaginava...
Luana si tirò su e stava per mettersi di nuovo su di me quando si voltò e vide il guardone segarsi
Wow eccitato il nostro amico, mi disse
Facciamolo divertire un pó.
Mi sa che gli piace il tuo culo le dissi
Mettiti un pó a pecorina
Si sistemò tra i due sedili e mi mise il culo in bella vista,
Con la mani divaricai le natiche e inizia a leccare la fica liscia e carnosa
Con la punta della lingua partii dal clitoride la strofinai per le labbra gustandomi tutto il suo sapore fino ad arrivare fin sopra l'ano
Afferrai il cazzo e puntai la cappella tra le labbra e mi feci spazio dentro di lei.
Con le mani le tenevo ancora il culo aperto gustandomi la visuale di come la penetravo
La sentivo godere ad ogni mio colpo, mi aggrappai alle tette e la tirai forte verso di me penetrandola fino in fondo.
Alternavo colpi profondi e forti con alcuni più lievi ma veloci
Ormai lo sconosciuto era a pochi metri dalla nostra macchina e si segava con tutta foga
Vedevo il suo cazzo scivolargli tra le mani
Ormai eravamo tutti super eccitati e a noi prendeva sempre di più la mania di sorprenderlo
Così mi abbassai verso Luana e le sussurai
Ti va di prenderlo nel culo...
Non mi rispose ma i suoi occhi mi diedero il consenso
Mi staccai e le feci cadere un gocciolone di saliva sull'ano
Lo spalmai delicatamente con le dita e ci puntai contro la cappella mentre le con le mani si teneva il culo bello aperto
All iniziò un po' faticava ad entrare,
Misi ancora un po di saliva sul cazzo e la spalmai con la mano
Inizia a spingere più energicamente
Sentivo il suo ano cedere
Il mio cazzo farsi strada dentro di lei
La sentivo soffrire finché non entrò tutta la cappella
Mi ritraevo un pó e continuavo a spingere per andare più a fondo
Anche lo sconosciuto aveva capito cosa stavamo facendo e si era avvicinato a ridosso del parabrezza,
Per non ocultargli la visuale mi ero alzato sulle gambe e scopavo Luana con un lento movimento di bacino ma spingevo sempre più a fondo finché non sentii le palle accarezzare la sua fica ancora umida
Sentivo il guardone incitarmi e commentare
Anche nel culo, che femmina, dai scopala, scopava nel culo
E Luana godere ad ogni mia spinta
Non resistevo più ero in al settimo cielo
Assestai qualche colpo più profondo incastrando Luana con la testa nei sedili
Le sue urla miste tra dolore e piacere fecero sì scoppiassi
E comincia a riversare la sborra calda e nel suo dolce culo
Lo spingevo più a fondo per lasciare dentro fino all'ultima goccia
Fu una liberazione anche per Lei che si rilassò quando lo sfilai dalle sue viscere
Anche il nostro amico ebbe ancora un orgasmo
Ce ne accorgemmo dai suoi lamenti
Si affacciò al finestrino e ci ringrazio facendoci anche i complimenti
Siete stati grandi grazie davvero
Se vi va io mi trovo spesso in questa zona.

Ci rivestimmo in fretta e tirammo verso casa senza parlare di quello che avevamo fatto
Ma lo sapevamo che questa esperienza ci aveva eccitato tantissimo
La ripetemmo più volte e non sempre con il nostro amico.
Se qualcuno vuole conoscere i particolari può lasciare l''email,
Lo contatto in privato

Questo racconto di è stato letto 5 0 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.