M.I.L.F.

Scritto da , il 2016-06-11, genere incesti

Mi chiamo Anna, e sono la classica milf.
Non sono bellissima, ma li noto gli sguardi arrapati che mi fissano per tutto il tempo quando sto in palestra.
Sarà che sono alta e ho un fisico tonico, sarà l'abbronzatura, o magari il mio sorriso malizioso che ammalia gli uomini; non so di cosa si tratti ma piaccio.
Ed è la cosa più eccitante al mondo.
Sono divorziata da diversi anni, quel bastardo del mio ex marito mi ha lasciata perché diceva che davo troppe attenzione a Nicola, nostro figlio.
Ed è vero.
Nicola fa l’università, frequenta il primo anno ma non si trova bene con i compagni di corso e con le ragazze non ci sa proprio fare.
-come stai?- gli chiedo mentre sta sdraiato a letto ancora mezzo addormentato.
-male.- mi risponde stropicciandosi gli occhi.
-non vai in università?- gli chiedo sedendomi sul materasso morbido e soffice.
Oggi indosso uno di quei vestitini a maniche lunghe che piacciono tanto a lui, color marrone attillato ed elasticizzato che lascia scoperte le spalle e fa intravedere i seni e i loro capezzoli.
-no, oggi no.-
-e come mai?- chiedo sapendo già la risposta.
-Sara. Le ho chiesto di uscire ma ha detto no.- risponde malinconico.
Lo sapevo, il problema di Nicola è che non sa proprio farci con le ragazze e, anche se sono sua madre, non è particolarmente bello. Anzi.
-ehi. Ci sono io.- gli rispondo allungando una mano sotto le lenzuola e iniziando a massaggiare il suo cazzo moscio e piccolo.
-lo so.- sorride chiudendo gli occhi e godendosi il momento.
Ansima leggermente mentre il suo cazzo si gonfia e diventa duro come il marmo.
-non capisco come possa non piacere in ragazzo con un bel cazzo di marmo come il tuo, sai?- gli chiedo masturbandolo mentre lo fisso con i miei occhi verdi che tante gioie mi hanno dato.
-non lo so.- risponde con il fiato pesante.
-vuoi che ci pensa mammina a farti passare i brutti pensieri?- gli chiedo sfilandomi il vestito fin sotto i seni e inginocchiandomi sul letto avvicinano le mie natiche al suo viso.
-ne sarei felice mamma-
Sento la sua mano alzarmi il vestitino fin sopra le natiche, sode e abbronzate.
-ci siamo dimenticate le mutandine stamattina- sorride massaggiandomi con gusto il sedere.
-ops- ammicco sensualmente mentre continuo a segarlo.
-siamo una mammina cattiva.-
-molto cattiva.-
-e cosa facciamo alle mamme cattive?- sorride sculacciandomi forte.
A ogni suo colpo stringo il suo cazzo più forte.
-Mmm, si sculacciami, sculaccia la tua mammina che è un po' troia-
Mi muovo sinuosa, adoro far scoppiare le sue palle muovendomi sensualmente.
-sai, ho un regalino per te!- esclamo togliendo la coperta e lasciando mio figlio scoperto con il cazzo.
-tipo?- chiede lui infilando l'indice nel mio ano caldo e accogliente.
-ahi. Urlo ansimando.
-sai, ho sempre sognato di spaccarti il culo- sorride lui.
Drin! Suona il campanello a interrompere questo momento idilliaco tra madre e figlio.
-scusami- sussurro dandogli un bacio a stampo sul cazzo e alzandomi con il broncio.
-non coprirti- mi ordina lui mentre mi allontano curiosa di capire chi mi ha disturbato.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 6 5 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.