Cenerentola #5

Scritto da , il 2016-05-31, genere bondage

Vestitasi dunque della tunica di Falkiri, uscì dal reparto cucine (richiudendo stavolta la porta a chiave, onde evitare sospetti) e si diresse verso l'ala destra del pianterreno. Attraversò un buio e stretto corridoio, pavimentato in legno, che scendeva leggermente sotto il livello del suolo. Per questo motivo, guardando in alto si poteva vedere attraverso le finestre - delle bifore, quasi feritoie - il giardino, le cui ombre venivano proiettate distorte sulle pareti bianche. Arrivata al dormitorio, ci vollero quasi dieci minuti prima che Dire si accorgesse della sua presenza e la accogliesse in camera. In seguito, ci volle un'altra mezz'ora di ripetuti racconti e giuramenti da parte di Emily, perché Dire credesse a quello che le diceva la ragazza. Ma una volta convinto della colpevolezza di Falkiri, non fu difficile convincerlo anche ad aiutare Emily nella sua vendetta.

La ragazza, dopo avergli spiegato il piano, prese dalla camera di Dire l'occorrente per attuarlo: una ridotta matassa di funi, un rotolo di garza e una boccetta del sedativo che il vecchio servitore usava per i cavalli feriti. Fortunatamente le tre Thlath-yd dormivano al piano di sopra, perciò Dire ed Emily potevano agire quasi indisturbati. Camminarono silenziosamente fino al piccolo appartamento di Falkiri - anch'esso al pianterreno; quando furono arrivati, Dire si nascose con il materiale dietro ad una colonna, in modo da non essere visto da chiunque ci fosse in quella stanza. Emily provò ad abbassare la maniglia ed effettivamente la porta era aperta: entrando, vide poco dell'arredamento a causa del buio - solo un basso armadio ed un comodino di fianco al letto. Su quest'ultimo era sdraiata Falkiri, ancora sveglia: la donna era sdraiata su di un fianco, la luce che filtrava da una grata metteva in penombra le sue curve, i denti e le cornee bianche di Falkiri rilucevano. "Alla fine sei venuta, tesoro. Ci hai messo molto tempo, ma io ti ho aspettata. Su, vieni qui e continuiamo quello che abbiamo iniziato prima..."
Emily avanzò lentamente verso il letto e, tenendosi su la tunica, montò sul materasso. Era accecata dall'odio e la delusione e inoltre pensava, attraverso quella vendetta, di liberarsi di Falkiri e della sua minaccia. Così, la fanciulla si spinse fino a sopra di lei ma, improvvisamente, puntò i piedi sulle sue ginocchia in modo da tenerla ferma e le premette entrambe le mani sulla bocca.

Falkiri sgranò gli occhi e si dimenò, ma era tenuta salda da braccia e gambe di Emily, la quale chiamò subito Dire. Questi entrò di corsa nella stanza e passò velocemente alla ragazza un pezzo di stoffa, precedentemente imbevuto con qualche goccia di sedativo. Emily pressò il fazzoletto sulle labbra di Falkiri, mentre Dire chiudeva la porta a chiave e poi la aiutava a tenere ferma la donna. In meno di un minuto quest'ultima non era già più cosciente, così i due servitori impiegarono le funi per legarle le gambe (a caviglie, ginocchia e cosce) e le braccia (a spalle, gomiti e polsi). Infine, Emily la imbavagliò facendo passare un altro pezzo di stoffa tra i suoi denti.

Così conciata e svenuta, Dire la afferrò e se la caricò di peso sulle spalle. Dopodiché, tutto quello che successe dopo arrivò alla mente di Emily come offuscato e rapido: la ragazza e Dire uscirono dalla villa portandosi dietro Falkiri, percorsero la zona portuale di Al Marj fino ad arrivare ad un molo ben preciso. A quel punto, Emily si sedette sulla banchina e lasciò andare avanti Dire. Questi, sempre con Falkiri addormentata in spalla, si avvicinò ad una nave mercantile attraccata ed aspettò qualche minuto. Dopodiché, parlò brevemente con un uomo che si era affacciato al parapetto; infine scesero due uomini robusti e poco vestiti, che afferrarono Falkiri - il cui sonno era reso assai profondo dal sedativo - e la portarono sulla nave.

Emily aspettò diligentemente il ritorno di Dire e si alzò in piedi, guardando i marinai della mercantile che scioglievano le cime e levavano le ancore. "È andato tutto secondo quanto concordato?"
"Esattamente come previsto. Mi hanno detto giusto ieri mattina al mercato, quando sono venuto a sapere che restava un'unica nave qui ancora disposta a questo tipo di compravendita." Dire si grattò la barba corta lungo il collo e si guardò intorno circospetto. "Le altre sono già tutte partite."
Emily si accorse di provare una punta di dolore, ma capì subito che non si trattava di rimorso per ciò che aveva fatto, bensì di amarezza scaturita dalla scoperta della vera faccia di Falkiri. Faccia che, quantomeno, non avrebbe più rivisto. "Dove la portano?"
"Nel Mediterraneo, ragazza, risalendo il Nilo. E poi non lo so, ma c'è grande richiesta di schiavi in Marocco, presso il sultano Moulay Ismail. Tuttavia non si può mai sapere, o no?"

Emily annuì, guardando la nave che si allontanava tra le onde del Nilo, che riflettevano il chiarore opaco tipico del cielo notturno poco prima dell'alba. Sapeva di essersi liberata di un peso e di un pericolo e soprattutto di essersi sciolta dalle catene che la tenevano a villa Thlath-yd. Ciononostante, aveva intenzione di continuare fino alla fine nella sua vendette, perpetrandola nei confronti delle tre donne. Solo a vendetta compiuta si sarebbe definitivamente liberata, insieme all'a lei fedele e affezionato Dire.

Quando ebbe spiegato tutto al vecchio servitore, Emily gli consegnò le chiavi sottratte da Falkiri, perché andasse a farne fare una copia. Dire svolse il compito e, seppur con riluttanza, riaccompagnò Emily in villa Thlath-yd, dove la ragazza rientrò nel locale cucine, vi si chiuse dentro e si incatenò nuovamente al muro, dopo aver nascosto le chiavi nella tunica. Aveva lasciato a Dire il compito di trovare una spiegazione da riferire a Majdala sulla sparizione di Falkiri. Per ora, la vendetta era solo iniziata e aveva l'aspetto del principe Sylyn.

Questo racconto di è stato letto 5 5 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.