Erotici Racconti

Gli occhi di mio marito 4

Scritto da , il 2016-05-12, genere incesti

Salve,vorrei ringraziare chi ha avuto del tempo per rispondermi.Vorrei precisare che si sono una professoressa di storia ma gli errori grammaticali o di ortografia non sono dettati dal fatto che non sappia scrivere ma dal fatto che a volte il t9 sbaglia sulla punteggiatura e a volte per tempo o per distrazione non correggo in tempo.Poi vorrei dire al sign. Peppone che non sono una milf che si aspetta anzi sono l opposta.Mi reputo una donna normale,la classica insegnate con occhiali e statura nella media anzi un po in carne nulla di più.Ho avuto sempre una educazione molto rigida dai miei per cui anche il sesso è stato un tabù gin dalla giovane età.Purtroppo alla mia età e con un matrimonio di tanti anni,la passione e il desiderio vengono man mano a calare specie con una famiglia da badare.Con mio marito non abbiamo mai fatto le capriole al letto,eravamo molto timidi e riservati.Sono sicera forse più ora stiamo riscoprendo il sesso è anche negli occhi di mio marito vedo un cambiamento.abbiamo sempre fatto l amore e magari ci è mancato il sesso.Lui ora o per paura o per l età ha forse paura che possa tradirlo e magari mi sta mettendo alla prova.Ho deciso di scrivere su questo forum per leggere altre storie di altre donne e magari confrontarci.Ovviamente nei limiti cerco di assecondare i desideri di mio marito senza andare oltre il mio pudore di donna e madre.Ha iniziato a regalarmi biancheria intima un po osé,vuole che mi trucchi un po più marcata del solito,magari vuole semplicemente riaccendere la passione che nell ultimo periodo è venuta a mancare.L uscire con questa coppia più giovane di noi magari ci dà degli stimoli nell uscire e di fare nuove conoscenze.Non lo voglio giustificare ma non mi va nemmeno di condannarlo.La scorsa notte siamo rimasti nel parcheggio per un oretta e poi siamo tornati a casa.Magari mi vergogno un po che i miei figli sentano qualcosa.Mio marito continua a farmi regali,e siccome martedì sera era festa nel paese e dovevamo uscire,è tornato con l ennesima busta ma questa volta non era intima bensì una gonna in pelle e una camicetta bianca.Non avevo mai indossato gonne in pelle e decisi per quella sera di farlo felice.I miei figli dovevano dormire fuori per cui era spensierata,Mi preparai con calma e lui bolle che anche per quella sera indossassi gli autoreggenti che mi aveva regalato.Gli risposi che mi sembravano eccessivi visto anche indossassi la gonna in pelle ma non essendo molto corta lo accontentai.ci preparammo e uscimmo.Trascorremmo una serata tranquilla,soli dopo tanto tempo.Andammo in un ,ristorantino molto carino.Non sono abituata a bere molto e quella sera mio marito mi fece alzare un po il gomito.Mi girava la testa e decidemmo di tornare a casa ma prima andai nel bagno del ristorante e mio marito mi accompagnò.Stavo per urinare e la porta si aprii,era mio marito anche lui brillo.Chiudi la porta gli dissi che mi vedono,lui mi guardò e mi disse ti sei messa il perizoma bianco.Non capivo cosa volesse intendere,allora mi alzai subito la gonna e ce ne andammo.Rientrati in macchina,lui era fuor di giri,si avvicinò e iniziò a baciarmi.Lo sentivo strano ma ricambiai il bacio.Stavamo tornando a casa e ricevette una chiamata.Era Claudio il suo collega,dove gli chiedeva di andarci a prendere un amaro.Io era stanca e brilla e gli dissi che non mi andava e che poteva andar lui.Lui mi disse dai 5 minuti e andiamo via.Arrivammo nel bar e Claudio era solo poiché la moglie era tornata a casa perché il figlio non stava bene.Ache io ero stanca e il giorno dopo dovevo andar a lavoro.Ci prendemmo un amaro,e subito dopo mi fecero assaggiare un liquore amaro,credo di chiamasse vodka.ero arrivata al limite,sentivo la testa girarmi per cui all altro giro rifiutai.Erano le 3 della notte ed ero stremata,ma l aver bevuto molto mi stimolo' di nuovo l andar in bagno.Andai in bagno e mentre uscii mi trovai Claudio fuori la porta,gli sorrisi e mentre mi accingevo a lavarmi le mani si avvicinò al mio orecchio e quasi sfiorandomi la gonna mi disse sei davvero molto provocante,io confusa e brilla gli risposi grazie.Ritornammo ai divanetti e senza farci caso divaricai le gambe e notai che lui butto' l'occhio li.Io subito chiusi le gambe ma capii le sue intenzioni.non potevo dire a mio marito che lui ci stava provando magari avrebbe pensato che forse ero io a provocarlo.io ero stanca e volevo tornare a casa,ci salutammo e tornammo a casa.Appena arrivati a Ada mio marito mi butto' sul letto,io stanca e indifesa mi lasciai trasportare.Lui mi disse ti va di fare un gioco?io dissi dipende.Lui mi disse lascia fare a me tanto i ragazzi non rientrano.mi levo' le scarpe, mi sdraio sul letto e vidi che prese due nastri.Non capivo allora mi prese le mani e le lego' alla spalliera del letto ma io non volevo,gli dicevo che non mi piaceva questo gioco ma lui mi disse che mi sarebbe piaciuto.In 30 anni mio marito non si era mai comportato così,mi lego' i polsi e con un altro nastro mi bendo'.era notte piena,la luce soffusa,non vedevo e non capivo nulla.Ero spaventata,dicevo di liberarmi almeno le mani,sentii una mano alzarmi la gonna,tremavo,avevo la pelle d oca.Lo sentii alzarsi e spegnere la luce,sentii la mano andare verso gli slip e abbassarliEro con la gonna alzata e solo gli autoreggenti,mi slacciò la camicetta e il reggiseno.Sentivo il suo respiro.Mi disse aspetta vado in bagno e torno.Chiuse la porta della camera,e poco dopo rientro'.Sentii la sua lingua arrivare in mezzo alle cosce e sfiorami la mia intimità,sali' e mi lecco' i capezzoli,non percepivo il suo corpo ma solo la sua lingua.Dopo ritorno' giù e iniziò a leccare la mia intimità.Ero brilla ed eccitata,era la prima volta che provavo la parola sesso.Mi fece una domanda:Ti faresti scopare da Claudio?ti piace?dai puoi dirlo?Io risposi dai smettila,non dire queste frasi!!lui scese con la lingua verso il deretano e senza pensarci mise la lingua li,provai uno strano piacere.Allora lui subito mi rifece la domanda,allora dai sii sincera ti lasceresti scopare da Claudio,ho visto come vi guardate!!Mentre la sua lingua accarezzava piano il mio clitoride,io in preda al piacere li confessai delle sue avance,che mi aveva sussurrato quelle frasi nel bagno!!con la punta mi toccava il clitoride e sentivo il piacere emergere a 52 anni.Era un mix di piacere ma lui si concentrava su Claudio,e mi confessò che si era accorta che avevo divaricato le gambe e che lui avesse guardato.Allora per l ennesima volta mi rifece la domanda,vorresti che ora qui ci fosse Claudio a leccarti la fica??in preda a tutta la situazione risposi di sì ma era solo per tutto il gioco che si era creato.Sentii dirgli sei una gran porca,mentre aumentava a leccarmi.ad un certo punto sentii una cosa sfiorami la bocca,non potevo muovermi,mi disse esci la lingua,era il suo pene,duro come non mani e mi chiese di leccarlo.ero presa dalla situazione e non feci in tempo a fermarmi che sentii il suo sperma bagnarmi la bocca e le labbra,mi chiese di leccarlo e ingoiarlo ma non riuscii.allora senza pensarci prese il suo pene e entro' dentro di me.Sentivo solo il pene e no il suo corpo,mi dava delle grandi spinte e venni in un orgasmo che non provavo da anni,tramavo dal piacere,piangevo.Lui mi disse che doveva andare a prendere i fazzoletti.Ritorno' in camera e mi slego'.Mi lavai e andai a letto.quella sera dopo tanti anni lo sentii diverso,più passionale e forse il fatto della confessione lo aveva eccitato di più.spero di non averlo deluso con quelle parole,ma l essere corteggiata ti fa sentire più donna e ti dà nuovi stimoli.spero che non pensiate di me di una donna dai facili costumi.

Questo racconto di è stato letto 5 7 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.