Mary: geografa del sesso. Seconda parte

Scritto da , il 2016-04-11, genere prime esperienze

Nella prima parte ho avuto modo di raccontarvi i primi approcci con Mary, mentre adesso voglio raccontarvi di quella volta che andammo insieme in vacanza in Sicilia.
Era estate e decidemmo di trascorrere tre settimane in quella splendida isola che è la Sicilia, per fare un po' di giorni di mare e visitare le bellezze locali tra cui anche il vulcano etna che mi aveva sempre incuriosito!
Affittammo un appartamentino in una nota località marittima in provincia di Catania, perchè ero più interessato a visitare la costa orientale, Catania, Siracusa e come dicevo prima l'Etna.
Appena arrivati in casa, a pomeriggio inoltrato, posammo le valigie all'ingresso e ci apprestammo a visitare ben benino quella che per una ventina di giorni sarebbe stata la nostra casetta. Era veramente confortevole, un soggiorno con angolo cucina, un bel balcone vista mare, una stanzetta da letto matrimoniale arredata con gusto, ed un bagnetto in cui erano riusciti a far entrare una bella vasca da bagno.
Eravamo veramente contenti e così presi dall'entusiasmo, non aspettammo neanche di riposarci, ma decidemmo di darci una veloce rinfrescata e di uscire a fare un giretto.
Andammo in giro per un po' per prendere già possesso di quel paesino che si affacciava sul mare. Era stata davvero una scelta azzeccata, era un posto tranquillo e confortevole e anche le persone sembravano molto cordiali. Ci sedemmo in piazza per prendere qualcosa da bere, e mentre Mary decise di prendere un aperitivo, io mi feci portare una bottiglia di Ceres. Restammo lì a goderci la brezza per un po' poi decidemmo di rientrare, io presi la mia birra e tornammo a casa.
Arrivati dentro ci colse la passione, ci abbracciammo e ci baciammo con passione.
Io presi subito la palla al balzo e avendo notato nella stanza da letto una bella cassettiera bassa, presi in braccio la mia bella prendendola per le sue belle chiappotte e continuando a baciarla la feci sedere sulla cassettiera.
Aveva messo una gonna leggera così on mi fu difficile allargandole le cosce, tuffarmi nelle sue intimità per respirare un po' del suo buon odore... la baciai a lungo attraverso le mutandine, poi gliele tolsi e le leccai bene bene la fica che già grondava umori liquorosi. Mi è sempre piaciuto leccare la fica delle mie donne e Mary aveva un sapore veramente squisito, dal profumo non forte ma penetrante, senza essere fastidioso.
In quella posizione, con lei seduta sul comò ed io inginocchiato in terra a lapparle la topa, non ci volle molto per sentirla gemere e schizzarmi in viso il suo piacere: “si continua, leccami bene come sai fare tu, sul bottoncino, ti prego ancora ancoraaaa”
Era venuta ben benino ed adesso era tutta fradicia, così mi rialzai, mi spogliai e sempre in quella posizione, con lei seduta ed io in piedi davanti a lei, le infilai il mio uccello duro dentro.
Le tenevo le cosce allargate, tenendo le sue caviglie nelle mani, in una posa oscena. In quella posizione per me era davvero eccitante vederla offrirsi così a me. La sbattei un bel po' mentre il suo gemito cresceva di intensità e non ci stetti molto quindi ad arrivare anche io, riempiendole la fica della mia sborra.
Aveva ancora voglia quella piccola troietta, così mi fece stendere sul letto e mi prese l'uccello in bocca. Lo leccava con impegno, soffermandosi spesso sulle palle per poi prenderlo tutto in bocca fino alla radice. Leccava e pompava, leccava e pompava, era davvero eccitata, e ad un certo punto mi chiese di girarmi a pancia in giù.
Mi accarezzò le chiappe e iniziò a leccarmi l'ano. Era una bella sensazione sentire la sua lingua dentro e il mio uccello stava per scoppiare dall'eccitazione.

Leccando ogni tanto provava ad infilarmi il ditino dentro, trovando una certa resistenza; “lascati andare, voglio farti sentire quanto può piacerti, lasciati andare e rilassati... ti piace vero?” - “si mi piace, ahhh, mi piace quando mi lecchi lì.. fallo ancora ti prego” - “ecco, è qui che vuoi essere leccato vero?”
La sensazione che la sua lingua mi trasmetteva era indescrivibile, qualcosa che non avevo mia provato e che mi riempiva il cervello di sensazioni contrastanti... Riuscì ad infilarmi un dito dentro e lo fece scorrere per un po', poi smise, si allontanò un attimo e quando tornò sentii che cercava di infilare qualcosa di più duro e grosso.
Aveva preso la bottiglia di birra e con quella cercava di fottermi il culo, poche spinte e riuscì ad infilarmela dentro! Era bello sentire quell'oggetto che mi penetrava, così mi girai di schiena e con le gambe in alto mi feci penetrare da lei per un po'. Mi sembrava di impazzire dal piacere e ad un tratto sentii arrivare l'orgasmo come in modo diverso, ma molto più forte! Lei accortasi si avvinghiò sul mio uccello e lo prese in bocca per prendere in bocca il mio succo. Gliene versai in bocca una quantità spropositata, quasi soffocava, ma lo inghiottì tutto e quando finì mi baciò con passione per farmi sentire il mio sapore nella mia bocca.
Restammo per un po' uno tra le braccia dell'altra, poi dopo esserci dati una bella rinfrescata andammo a cena fuori.
La sua idea di penetrarmi mi era piaciuta davvero così una mattina mi si prospettò l'occasione per ricambiarla.
Era mattina ed ero uscito mentre lei dormiva ancora per comprare dei croissant caldi con cui fare colazione.
Arrivato in casa, lei dormiva ancora, così mi avvicinai al letto e la svegliai poggiando le mie labbra sulle sue.
Si destò dolcemente e mi abbracciò e le confessai che era bellissima e che avevo una voglia pazza di fare l'amore con lei.
Lei allora, senza dire niente, si tolse il leggero pigiamino che indossava e restò completamente nuda e mi invitò a fare altrettanto.
Anche io mi spogliai e mi tuffai tra le sue braccia per riempirla di baci.
La baciai a lungo dappertutto, sul collo, sulle braccia, sulle tette, sul pancino, e ovviamente non tralasciai la sue fichetta che al mattino profumava particolarmente!
Le chiesi allora di aspettarmi un attimo, così andai di là a prendere un croissant “per fare colazione con lei”.
Lo accostai alla sua fica ben aperta e feci come per infilarlo dentro. Pucciavo la punta del cornetto tra le sue labbra, e a quanto pare la cosa le procurava una sensazione piacevole.
“sei veramente un folle” mi disse, “continua così che mi piace!”
“non hai ancora visto niente...“ le risposi e così presi la punta della brioche inzuppata dai suoi umori e la addentai! Wow, che bello! Era la prima volta che facevo colazione con un croissant al sapore di fica, e devo dire che il sapore era speciale! Continuai così a pucciare la brioche tra le sue labbra e a mangiarla, finchè la feci fuori tutta!
Era davvero una cosa superlativa e la voglia che questa cosa mi aveva messo dentro era pazzesca. Così ancora con lei con le cosce ben aperte, mi ci fiondai con veemenza col mio cazzo, e la penetrai con ardore. La pompai a lungo, preso dalla forte eccitazione che mi aveva causato quell'insolita colazione, e appena sentii lei che mi implorava di penetrarla più forte perchè era prossima a venire, sentii il mio sperma salire su dalle palle per riversarsi dentro di lei, che prese a gemere come una forsennata: ”siiiii riempimi di sborra, sei un porco, un grande porco ed io la tua grande troia... siii ancora più forte daii”.
Mi accasciai su di lei abbastanza preso dall'ardore che avevo messo nello scoparla, e ne approfittai per confessarle che mi era venuta un'ideuzza malsana su un posticino dove volevo scopare con lei! Non cedetti alla sua curiosità ma le dissi che era una sorpresa e così lasciai cadere il discorso su altro.
In effetti la mia idea aveva qualcosa di folle, e si concretizzò qualche giorno dopo, quando decidemmo di andare a fare un escursione sull'Etna.
Con l'auto arrivammo fino ad un certo punto dal quale poi tramite funivia si arrivava quasi in cima al vulcano in prossimità dei crateri.
Era un posto davvero scvolvolgente, bello e terrificante allo stesso tempo, una distesa di lava raffreddata e tagliente dalla quali si elevavano dei crateri fumanti ai quali non ci avvicinammo anche a causa dell'intenso calore.
Restammo lì per un po' anche perchè il panorama era spettacolare, sembrava di poter vedere tutta la Sicilia da lassù!
Quindi in un momento di calma decidemmo di scendere giù.
Per scendere dovevamo prendere ancora una volta la funivia, entrando in un gabbiotto chiuso a sei posti, e che si librava a parecchie decine di metri dalle valli sottostanti.
Con un po' di fortuna entrammo in un gabbiotto vuoto e ci invitarono quindi a sederci dentro uno da una parte e una dall'altra in modo da equilibrare il peso.
Mentre scendevamo, seduti così uno davanti all'altra, le chiesi di allargare le cosce e di farmi vedere le sue mutande sotto la gonna.
Fu inizialmente stupita dalla mia richiesta, ma non si oppose anche perchè I gabbiotti avevano I vetri leggermente oscurati e la distanza tra un gabbiotto e l'altro era tale da non permettere di vedere cosa accadeva dentro, almeno a riguardo di quello che ci precedeva e di quello che seguiva.
Forse era più facile per quelli che incrociavamo dall'altro lato della funivia e che procedevano in senso inverso al nostro, ma del resto anche in quel caso la distanza non era così vicina, e quindi permetteva un minimo di privacy.
Mary aprì le gambe e mi mostrò il perizomino che aveva indossato e assecondando la mia fantasia, fece come per toccarsi davanti a me.
Io però le chiesi di farlo davvero, scostando il perizoma e mostrandomi ben bene la sua fichetta.
“sei davvero pazzo, sai? E se ci vede qualcuno?” - “chi vuoi che ci veda da quassù?” le risposi, “accontentami dai, toccati, infilati un dito dentro e poi portatelo alla bocca!”
Mi accontentò anche se un po' timorosa che le persone che ci incociavano dalle altre cabine potessero accorgersi di qualcosa.
Si scostò il perizoma mostrandomi la peluria leggera che le copriva la fica e si toccò davanti a me, poi si portò il dito umido alle labbra succhiandolo con voluttà e lanciandomi sguardi altamente maliziosi!
Il mio cazzo intanto era diventato duro come il marmo e così lo tirai fuori e inizia a segarmi davanti a lei. “No, pazzo! qui ci arrestano oggi!” - “Tranquilla che non riescono a vederci! Lo so che lo vuoi e adesso ti accontento!”
e così mi avvicinai a lei con molta cautela visto che comunque ci trovavamo sospesi nel vuoto, con il terreno che si stagliava a decine e decine di metri sotto di noi.
Inginocchiato davanti a lei, infilai il mio uccello dentro di lei e la penetrai!
Era davvero indescrivibile quello che stavamo provando! La paura di essere scoperti si sommava a quella causata dal fatto che ad ogni spinta sentivamo la cabina ondeggiare... Forse solo dei folli potevano pensare di scopare su una funivia, ma noi evidentemente lo eravamo!
Spingevo quindi con delicatezza dentro di lei perchè l'ondeggiare della cabina a volte mi preoccupava, ma non volli smettere, nonostante le imprecazioni di Mary: ”pazzo, sei davvero pazzo! Ma per questo ti adoro, scopami è una cosa pazzesca... siamo qui con gli altri che magari ci vedono e stiamo trombando! Sospesi nel nulla! Ma non me ne frega niente... scopami che voglio godere dai ancora di più, infilami quell'uccellone che ti ritrovi lo sento, lo voglio”
Mentre la trombavo, ogni tanto incrociavo lo sguardo incuriosito degli altri nelle cabine che salivano e che probabilmente non si rendevano conto, o magari si, ma non mi importava... e continuavo a scoparla, mentre lei restava seduta con le sue belle cosce aperte e la sua figa profumata sotto di me.
Il tragitto durava circa venti minuti, volendo il tempo c'era e così misurando le spinte in modo da non essere troppo violente, arrivai a godere quando già Mary mi aveva preceduto da qualche minuto.
Era stato bellissimo, farlo nel vuoto, con la paura di farsi vedere o di cadere nel vuoto a causa dei miei movimenti, ma ci ero riuscito!
Mi ricomposi in fretta anche perchè eravamo quasi arrivati.
Pochi minuti dopo la cabina si fermò a valle e scendemmo, mentre l'addetto ignaro di tutto ci aiutava a scendere.
Scoppiammo in una fragorosa risata e ci incamminammo verso casa.
Ma la vacanza non era ancora finita.

Continua.

Per commenti e/o suggerimenti: sense40@hotmail.it

Questo racconto di è stato letto 3 0 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.