Il consultorio - Puntata 7 - Un esame a culo aperto

Scritto da , il 2016-03-14, genere feticismo

Un po’ titubante, la mulatta mette le gambe sul lettino e si inginocchia. Elisa, curiosa come sempre, si mette al fianco del lettino, opposto a quello di Valeria.
Nel frattempo la dottoressa si cambia i guanti e osserva l’anoscopio. Prima ha esaminato l’orifizio della ragazza, quindi adesso può valutare se è adeguato. Onestamente le sembra un po’ grandino, ma non ne ha altri di pronti. Sta quasi per pensare di lasciar perdere l’ultima parte della visita, quando decide di fare un tentativo.
Prende il tubetto di gel e si avvicina alla ragazza. Mentre si spalma il gel su due dita della mano destra dice: “Elisa dammi una mano, fai inclinare di più la testa di Marie, ecco così, adesso incrociale i piedi, così. Marie, tieni il sedere più in altro che puoi ecco, adesso un bel respiro”.
Il medico spreme il gel direttamente sul buchino della ragazza e poi appoggia il tubetto sul lettino, ormai ha le dita della mano destra completamente piene di gel. Con la mano sinistra orienta il sedere verso l’altra sua mano, poi, sempre con la sinistra, appiattisce la parte terminale della schiena facendole fare una curva verso il basso.
Mentre la ragazza trattene il fiato, infila l’indice dentro o sedere, poi dice: “Elisa tienile le chiappe aperte, ecco brava, Marie, fai dei bei respironi profondi”.
Mentre la mulatta respira, il medico gira l’indice arcuandolo leggermente, quando non sente più resistenza, sempre con calma, ma con più decisione, infila anche il medio.
Adesso la ragazza mugugna, ma Valeria le dà degli schiaffetti sulle cosce per distrarla, mentre dice “Calma, calma, continua a respirare”.
Nel frattempo, Valeria allarga le dita della mano destra, sforzando l’ano ad aprirsi. Continua fino a che le pare di avere abbastanza spazio per lo speculum anale, quindi sfila le dita, con sollievo della ragazza, va sul tavolo e prende l’attrezzo.
“Wow”, esclama Elisa divertita “con me non l’hai mai usato “. Sentendo questo Marie gira la testa e vede il medico che maneggia il lungo strumento metallico e dice angosciata “Ma cosa vuol fare con quello?” Tranquilla, dice Valeria ridacchiando, non lo sentirai neppure dopo il trattamento che ti ho fatto. Il medico sta prendendosi la sua rivincita dopo la sfrontatezza mostrata dalla ragazza.
Valeria riprende il gel dal lettino e ne spalma uno spesso strato sul metallo dello strumento, poi con le dita della mano sinistra, dilata lo sfintere, e con la destra infila lentamente ma inesorabilmente lo speculum dentro il sedere. “E’ freddo” esclama Marie, ma evidentemente, a parte il fastidio, non sente dolore. Quando lo strumento è completamente dentro, Valeria lo allarga e lo blocca. Finalmente può vedere l’interno dell’ano, non le sembra che ci siano ostruzioni o problemi di sorta, così si allontana dal lettino lasciando la ragazza inginocchiata col culo completamente aperto e si mette ad armeggiare con l’ecografo.
“Ma insomma me lo toglie?” esclama Marie dopo qualche minuto.
“Certo” dice Valeria “adesso c’è davvero l’ultima cosa, pazienza ancora due minuti.” Il medico afferra un nuovo strumento dall’ecografo, è un cilindro simile a quello usato prima per la vagina, ma un po’ più grosso, lo appoggia sul lettino mentre chiude lo speculum e lo sfila. Poi, infila lo strumento ed incomincia a girarlo dentro mentre osserva lo schermo. Purtroppo, suo malgrado, il medico non vede immagini ben definite, quindi dice, “Senti Marie, proviamo così, metti i piedi paralleli ed alzati sulle ginocchia, Elisa aiutala”.
La ragazza si mette diritta, mentre Valeria tiene “in sede” lo strumento. Finalmente sullo schermo appare sfocata l’immagine dell’utero. Mentre Elisa la tiene per le spalle, Valeria gira e sposta lo strumento e prende delle nuove foto: è la prima volta che osserva con l’ecografo l’utero da dietro.
Dopo due minuti, soddisfatta, fa ricoricare la ragazza di nuovo con i gomiti appoggiati al lettino, ma solo per estrarre lo strumento. “Ecco, abbiamo finito, se vieni di là ti prescrivo la pillola”.
Marie si rilassa e si rialza, poi dice “Finalmente, me la sono guadagnata questa pillola!” Poi guardando Elisa con sfida esclama “E tu che ti vantavi tanto, la visita più impegnativa l’ho fatta io!”.
AL che Elisa dice “Ah sì scommettiamo?” e tra lo stupore delle altre due, si sfila la gonna si toglie le mutande e volontariamente si mette carponi sul lettino dicendo “Andiamo Valeria, visita anche a me il culo come a Marie.”

--- FINE ---

Questo racconto di è stato letto 3 6 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.