Erotici Racconti

Il gioco della bottiglia

Scritto da , il 2016-03-12, genere pulp

Era una sera d agosto, ancora la ricordo perfettamente. Eravamo al mare in tenda con altri amici. Avevamo fatto un bel falô e una bella cena alla brace. A kevin gli venne l idea di giocare al gioco della bottiglia, ma a me sembrò una stronzata da bambini. Ma lui disse che logicamente avremmo giocato con altre regole. Abbiamo proposto il gioco anche ai altri, acconsentirono quasi tutti apparte Maria ( una donna piccolina di statura e un po sovrappeso, occhi marroni capelli castani chiaro corti. Ma comunque una donna molto carina). L abbiamo pregata di giocare dopo un po di tentativi, acconsentì. Le regole del gioco della bottiglia erano a sfumatura hot. Eravamo 9 giocatori. 5 femmine ( chiara, maria, karina, raffaella e katia) e 4 maschi ( io, marco, kevin e mirko). Il gioco ha inizio. Prima giro capita chiara e marco, abbiamo inziato in modo leggero: marco doveva dare un bacio intenso a chiara mentre le toccava le tette. Secondo giro maria e mirko: Maria doveva succhiargli il pisello. Mirko era entusiasta. Maria tira giu i pantaloni e inizia a spompinare, l arnese di mirko stava gia sú. Lo prende in bocca e inizia a succhiare avidamente , si sentiva mirko che godeva. Lei si tira su e chiede:
- ma devo farlo venire o vabbene così?
Kevin subito disse:
- certo che lo devi far venire senno che gioco é.
Lei annuisce e continua. Nel frattempo noi decidemmo di continuare il gioco anche perché senno ci mettevamo troppo ad arrivare al sodo, noi eravamo eccitatissimi. Terzo giro kevin e raffaella: kevin doveva leccargliela e nel frattempo masturbarla, fino a farla venire. Raffaella molto felice si tiró gli il costume e aprì le gambe. Kevin ci si fiondo addosso alla sua passera. Inzióa leccarla velocemente il clitorite e con le dita la penetrava velocemente. Si vedeva che aveva esperienza. Raffaella infatti ebbe un orgasmo subito. Nel frattempo anche maria e mirko avevano finito. Il quarto giro capitó katia e kevin. In poche parole io non avevo ancor combinato niente e il mio arnese sta gia in tiro. A questo giro kevin la doveva penetrare. Inizio a toccarla per farla bagnare, con poco era fracica. La mise a pecorella e la penetró con forza. Katia inizio a gemere. Stava in preda al piacere e strillava come una matta. Ma chiedeva ancora di piu. Le femmine dissero di continuare il gioco quando finivano e andarono al bar (a distanza di 15 km) a comprare dei caffe e qualcosa da magiare. Mirko decise di andare con loro ( chissa che aveva in testa). Appena andate via ritornai a guardare lo spettacolo che avevo davanti. Strillava sempre piu forte. Avevamo paura che qualcuno la sentisse. Ma chiedeva di piu gli diceva a kevin di sbatterla con piu forza. Cosi io che ancora non avevo combinato niente mi tirai giu i pantaloni mi avvicinai a loro e glielo misi in bocca. Lei ciucciava come una dannata. Sembrava che erano mesi che non aveva fatto niente. Marco ci guardava e si spompinava. Io glielo inficcai fino in gola poi sono venuto e lei se lo lecco tutto. Kevin ancora che ci dava dentro e me venne un ottima idea. Subito dopo il mio arnese si rialzò. Dissi a kevin di levarglielo e di stendersi. A lei l ho presa per il braccio e l ho buttata su di lui. E gli dissi:
-Ora goderai piu che mai, troia.
Kevin la ripenetro. Io da dietro provavo a penetrargli il culo, era vergine dietro. Lei inzio a dirmi di no e a provare a levarmi. Kevin provava a tenerla ferma il piu possibile ma gli era impossibile. Gli dissi a marco che ancora si smanettava di bloccarla cosi siamo riusciti a fermarla. Kevin rinizio a muoversi. E io provai a infilargli un dito nel culo, anche quello faceva fatica a entrargli ma piano piano sono riuscito a farglielo entrare tutto e inziai a fare dentro e fuori. Gli rimisi in bocca il pisello in modo che lo bagnasse per bene subito dopo riandai a provare a penetrarla da dietro. Lei si dimenava perche non voleva neanche marco e kevin riuscirono a tenerla ferma. Io stufo di quella situazione gli puntai il pisello sul buco e spinsi con tutta la mia forza. Katia fece un urlo di dolore, inizio a piangere. Io ero immobile e kevin ha ripreso a penetrarla. Lei continua a piangere dal dolore e ci pregava di smettere. Iniziai a muovermi anche io, ho sentire il piacere piacere piu bello di tutta la mia vita. Il culo era strettissimo, il pisello strusciava dappertutto e sentivo anche kevin dal altra parte che penetrava era una sensazione indescrivibile. Il suo culo mi avvolgeva tutto il pisello. Ho iniziato a pentrarla piu forte che potevo. Katia piangeva profondamente, si dimenava e ci pregava di fermarci perche gli faceva troppo male. Noi non l ascoltavamo piu. Io e kevin godevamo come porci. Katia inziava di nuovo a gemere e a piangere. Non capiva se provava piu dolore o piu piacere. Dopo neanche due minuti che la montavamo kevin doveva venire. Io ho resistito altri due minuti ed anche io ero venuto. Marco che voleva anche lui fare qualcosa e katia si buttò a terra esausta.
Continuo se volete.

Questo racconto di è stato letto 9 9 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.