Santina e mia madre

Scritto da , il 2016-01-16, genere saffico

il genere di questo racconto si dovrebbe descrivere come: "Voyeurismus saffico incestuoso"

Ciao, come va’?

Io ieri ero seduta in salotto davanti alla TV quando sento aprire il portone di casa e risatine spezzettate da sospironi risvegliarono la mia attenzione. È mia madre che entra in casa in compagnia di una ragazza, difficile calcolare l’età; 17-18 anni direi, una tipica tedeschina, biondina. piuttosto magrolina, carina di viso, gambe lunghe solo in parte nascoste da una minigonna a campana che le arriva a metà coscia. Un maglioncino leggero lascia intravedere la mancanza di un reggiseno e due piccoli seni, probabilmente una seconda scarsa, con dei capezzoli talmente eretti che mi lasciano pensare che fuori la temperatura sia d'un tratto di nuovo sotto lo zero. Ma subito dopo mi accorgo che non dipende dal freddo bensì dal bollore che ha in se stessa.

Mia madre appena mi scorge si azzittisce, non si aspettava che ci fosse qualcuno in casa e dopo un attimo di insicurezza mi dice: “Ciao tesoro, ma cosa ci fai tu qui in casa, non eri andata al lavoro stamane?”
“Si” le rispondo, “ma ieri, gli addetti al personale si sono dimenticati di dirmi che mi hanno dato 5 giorni liberi per smaltire gli extra che ho fatto a Natale e Capodanno, così sono tornata a casa.”
“Belle mutandine bianche che hai oggi” dice poi sogghignando e guardando sotto la mia gonna, io sono seduta sul divano e tenevo i miei piedi appoggiati sul tavolino, di conseguenza libera visuale… per chi vuole.
“Oops scusate” dico io e metto i piedi a terra sedendomi da bambina educata.
“Oh non c’era bisogno, è sempre bello vedere quanto sei carina… sotto” dice la cara mammina *grrr.

“Questa è Santina, l’ho incontrata in città in una boutique per intimi, e ci siamo capite subito al primo sguardo, figurati che anche lei ha un flair per indumenti intimi bianchi… come te! A te stanno bene, con I tuoi capelli castani e il taint scuro, ma a lei, con la sua carnagione chiara... io le ho consigliato di prenderne scuri, ma non vuol cambiare gusto”

Io fra me pensavo “Con quella pelle così delicata sono sicura che lei sta’ meglio completamente senza intimo, hehe”
Mia madre mi guarda e dice “Un patrimonio per I tuoi pensieri”
Risata generale, mia madre fa’ sedere Santina su una poltrona e va in cucina a prendere qualcosa da bere.
Santina non si sente a suo agio, evidentemente si vergona di farsi vedere insieme ad una donna anziana e oltretutto è chiaro per quale motivo loro siano venute qui in casa. Io, per toglierle quell’impaccio cerco di iniziare un discorso leggero, domandando dove abita e se va ancora a scuola e dove, ecc. Lei risponde a voce bassa senza dire nulla di preciso.

Finalmente torna mia madre con del the e tre tazze. Anche lei cerca di iniziare un discorso ma la ragazza si chiude sempre più tanto che mia madre decide di andare con lei di sopra a farle visitare la casa "hihihi". Quando si alzano io faccio un sorrisino a Santina ed un occhiolino alla mamma.

Salendo le scale Santina mi guarda come quasi per scusarsi ed io cerco di farle capire che tutto è in ordine e non c’è nulla di imbarazzante. Lei contraccambia il sorrisino e segue veloce mia madre che è già al primo piano. Quando la raggiunge devono aversi detto qualcosa che ha risvegliato il loro buon’umore, difatti sentii di nuovo le risatine spezzettate come prima al loro ingresso.

Poco dopo salgo anch’io al primo piano, dove sono le nostre camere e in fondo al corridoio vedo uno sprazzo di luce che passa tra lo spiraglio della porta lasciato aperto come di solito da mia madre, un piccolo spiraglio che lascia vista libera sul grande letto ma non lascia vedere da dentro nel buio del corridoio. Io mi appoggio al muro a circa 2 metri dalla porta e vedo che la ragazza nel tema saffico non è alle sue prime armi ma che probabilmente ancora non ha avuto contatti con donne mature. Chiaramente si intravedeva però che questo lei lo desiderava molto, mentre mia madre calma si godeva dei suoi baci e le carezze che donava a Santina, la ragazza, quasi nervosa aspettava con ansia di arrivare al suo fine. Mia madre, da esperta se ne accorse e cosi iniziò lentamente a spogliarla.
Alzandole il maglioncino fin sopra la testa scoprì due seni minuti e deliziosi con due capezzoli eretti, in effetti molto lunghi. Quando le labbra di mia madre iniziò a succhiarne uno la ragazza stralunò gli occhi buttando la testa all’indietro, un sospiro profondo saettò dalla stanza.
Mentre le labbra di mia madre s’impadronirono poi dell’altro capezzolo, Santina aprì la zip della sua stessa gonna facendola semplicemente cadere al suolo. La ragazza rimase con uno slippino bianco che la faceva essere ancora più sexy che nuda. (Io adoro biancheria bianca  )
Santina non voleva più aspettare e cosi iniziò piuttosto gaffa a liberare mia madre dai suoi abiti, era decisamente troppo nervosa, le rimaneva difficile sbottonare la camicetta e con la zip della gonna di mia madre ebbe anche li i suoi problemi. Dai sorrisini che vedevo nascere sulle labbra di mia madre immaginavo il suo stato d’animo, sicuramente si divertiva molto, ben immaginando che io ero fuori a godermi lo spettacolo che lei dentro si gustava con vero piacere.

Io ormai ero anche arrivata al punto dove sentivo il bisogno di scaricare quella energia che si era accumulata nel mio bassoventre. Alzai la mia gonna prendendola tra I miei denti e mi tolsi le mutandine per avere spazio libero nel gioco che doveva seguire. La mia patatina era già calda e umida, Un profumo sensuale salì al mio naso, infilai un dito nella mia fessura piena di umori e lo portai alle labbra godendo della mia stessa voglia. Si! Adoro assaporarmi in quei momenti sublimi. Il mio gioiellino era già elettrizzato e sensibilissimo, al primo tocco reagì come se fosse stato sfiorato da un fulmine. Quanta delizia, quanta voglia…

Finalmente Santina liberò mia madre dal suo reggiseno e rimase davvero a bocca aperta vedendo quel seno, molto più grande del suo ma ancora abbastanza eretto e con turgidi e lunghi capezzoli. Anche lei, come prima mia madre. non poté fare a meno di attaccarsi con le labbra su quel ben di Dio succhiando con piacere. Poco dopo Santina fece scendere il tanga rosso di mia madre poi abbassandosi lo fece scivolare fino a terra.
Una bella donna matura, con un corpo più che presentabile. Santina era soddisfatta di quel che aveva di fronte e si vedeva anche che non aspettava altro che di poterlo godere fino in fondo.

“Sei bellissima” sospirò mangiandola con gli occhi.

Mia madre prese il viso della ragazza tra le sue mani e la baciò veemente, un bacio caldo e profondo. Vedevo le lingue sguazzare tra le loro labbra mentre si baciavano ad occhi chiusi godendo l’una dell’altra.
Nel frattempo le mie dita avevano fatto più che il loro dovere, io volavo sulla settima nuvola mentre la mia passerina grondava di umori caldi e profumati. Di tanto in tanto assaggiavo la mia voglia ricevendo sempre una spinta in più verso l’apice che stavo per raggiungere.

Le mani di mia madre accarezzavano quel corpicino esile e sensuale che le si presentava d’innanzi. Si vedeva quanto ne godeva sentendo quella calda e delicata pelle sotto I suoi polpastrelli.
Questi sono momenti, attimi che non si dimenticano mai, sono quello che nei nostri ricordi portano un effetto di tatto, di sapore di profumo indimenticabile.

Con calma, baciandola sui seni e scendendo sul pancino lei si inginocchiò davanti alla ragazza, prendendo l’elastico delle mutandine e con una lentezza estrema le fece scendere fino al pavimento. Si spostò leggermente di lato per godersi quello spettacolo che ora anch’io riuscii a vedere.
La ragazza aveva una peluria molto rara e dorata, la passerina si intravedeva leggermente e alla luce i sui pochi peli riflettevano le perle della sua rugiada.
In quel momento sono esplosa per la prima volta in un orgasmo improvviso che mi ha tolto il fiato e troncato le gambe. Troppo bello era quello che vedevo.

Mentre giacevo inginocchiata a terra vedevo mia madre che si godeva quello spettacolo baciando e leccando la peluria umida. Poi si alzò e con molta calma spinse Santina sul suo grande letto, la fece sdraiare, le alzò le gambe allargandole e con grande lentezza scivolò con la testa in questa voragine profumata.

Io potevo solo vedere la sua testa muoversi ma immaginavo esattamente cosa provavano le sue labbra e la sua lingua, da come si muoveva era anche chiaro che anche le sue dita avevano trovato il loro porto.

Evidentemente Santina era già al culmine perché dopo pochissimi attimi spingendo il bacino verso le labbra di mia madre si inarcò verso l'alto ed un lungo languido orgasmo la invase, a lungo cavalcò sulle onde di questa sua estasi fino a che dopo lungo tempo lentamente tornò all’ovile da dove era partita.

Mia madre alzò la testa e si girò verso la porta, li vidi la sua mano sulla patatina della ragazza, due o tre dita erano dentro. Un sorrisino e le tirò fuori portandosele alle labbra e gustandosi di nuovo quel sapore senz’altro sublime ben sapendo che io dietro la porta io assaporavo nello stesso tempo e nello stesso modo il mio miele.

Mia madre si distese poi accanto a Santina e si baciarono effervescenti, la ragazza leccava con gusto il viso imbrattato di mia madre. nel frattempo io avevo ripreso le carezze alla mia passerina ed al turgido gioiellino, il mio bassoventre era di nuovo in subbuglio e quando vidi mia madre salire inginocchiata sul viso della ragazza per poi scendere con la sua fica fino alla bocca della giovane una languida eruzione e una serie di orgasmi mi portarono in un lungo e delizioso torpore.

Devo essere stata a lungo in quel magnifico letargo perché quando ripresi a guardare nella camera, mia madre era di nuovo sdraiata accanto alla ragazza e ambedue si accarezzavano e baciavano a vicenda, semplicemente felici.
Io mi alzai e tornai in basso nel salotto. Loro rimasero a lungo sopra, ed io potevo ascoltare quante volte loro si sono donate piacere. Era bello sentire quando l’una, quando l’altra o anche insieme godevano.

Si faceva buio quando sentii che uscivano dal bagno e scendevano le scale, io misi di nuovo i piedi sul tavolo e mi gustai la scena del trionfo di due donne in amore.
Nel volto di ambedue si vedeva la soddisfazione del pomeriggio passato.

Fu Santina che passandomi accanto si accorse che sotto la mia gonna non c’erano più le mutandine ma si vedeva senz’altro una micetta arrossita e ancora umida.

“Oh” disse solamente e arrossendo mi guardò negli occhi. Con un cenno del capo le feci capire che aveva ragione su quello che pensava. Mia madre si abbassò leggermente per vedere meglio e mi fece un sorrisino cospirativo poi fece un giro dietro al divano, tirò indietro la mia testa e piantò un scroccante bacio. Il vago profumo che rimase sulla punta delle mie labbra era semplicemente divino.

“Ci vediamo tra un’oretta” disse poi uscendo insieme a Santina.

Mentre uscivano io pensavo:
“Come si può chiamare Santina una ragazza del genere”
dopo quel che avevo visto lei era tutt'altro che santa e tantomeno un angioletto ma bensì una deliziosa diavoletta. ;*

Ciao!


Questo racconto di è stato letto 1 0 2 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.