Erotici Racconti

Mia cognata Martina

Scritto da , il 2010-08-16, genere incesti

Tante volte avevo cercato di avvicinarmi a lei facendole capire che la desideravo,ma per amore del quiet vivere avevo rinunciato ad andare oltre,non sapevo che reazione avrebbe avuto a una mia avanches,non volevo rovinare il matrimonio mio,forse suo e una amicizia che comunque ci legava,tante volte almare scherzando l'avevo stretta a me,o quando ci salutavamo piu' di una volta"per errore"invece di baciarci sulle guance la prendevo sulle labbra,ma non ero mai andato oltre..

Tutto cambio un pomeriggio di poco tempo fa,mia cognata telefona a casa mia a sua sorella dicendogli che se per favore quando qualcuno scendeva per andare in citta' passando da casa sua gli lasciava alcuni capi di vestiti che aveva comprato qualche giorno prima con mia moglie,dopo le solite chiacchiere tra donne mia moglie chiuse il telefono e ando' a sistemare alcuni capi di vestiti in delle buste,poi si mise a letto a riposare,io invece dopo aver trafficato qualche oretta sul pc mi decido ad uscire,cosi saluto mia moglie e gli dico che saro' di ritorno tra qualche ora,ed e' a questo punto che cambia il destino,mia moglie mi chiede se potevo lasciare le buste da sua sorella,se lei non c'era di lasciarle al marito o ai figli dicendo che erano i vestiti di Marina,prendo le buste scendo in garage inforno la mia moto e facendo quei 10 minuti di strada sono sotto casa di mia cognata,suono al portone e risponde mia cognata invitandomi a salire,trovo mia cognata seminascosta dietro la porta e vedo che e' in accappatoio,mi dice:sono rimasta sola a casa tra poco devo uscire e stavo per entrare dentro la doccia quando hai suonato tu,dai entra che facciamo un caffe',cosi entro senza farmelo ripetere 2 volte,andiamo in cucina mia cognata mette il caffe' sul fuoco e mi dice di badare al ceffe' mentre lei faceva la doccia,sento il rumore dell'acqua che arriva dal box doccia e immagino mia cognata tutta nuda che piena di schiuma si tocca...

Mi alzo per spegnere il gas,cerco le tazzine che non trovo quando mi ritrovo mia cognata davanti avvolta nel suo accappatoio,nel frattempo aveva sciolto capelli che teneva avvolti in un asciugamani per non farli bagnare,era bellissima capelli ramati quasi biondi gli occhi verdi la immaginavo nuda,gli dico che non trovo le tazze per il caffe',lei si avvicina apre uno sportello in basso e in quel mentre viene colta da un brivido di freddo,gli dico che e' ancora bagnata e deve asciugarsi bene,cosi dicendo e facendo comincio a toccarla sulla schiena facendo il movimento come per asciugarla meglio,lei rimane impietrita mi accorgo che al mio contatto chiude gli occhi e si lascia andare,io comincio ad asciugarla meglio con piu' vigoria e con le mani mi spingo anche oltre,lei si gira,mi aspettavo uno schiaffo o un rimprovero,invece mi affera la testa e comincia a baciarmi prima sulle labbra poi la lingua si insinua dentro di me il bacio si fa piu' spinto e mia cognata comincia a lasciarsi andare scivola la cintura e l'accappatoio si apre,alla mia vista un fiore mi appare,comincio a baciarla sul collo,lei comincia a gemere poi scendo sul seno sulla pancia mia cognata capisce si appoggia al tavolo e una amba sulla sedia,mi inginocchio davanti al paradiso e comincio a leccare la sua figalei e' un lago comincia a tremare e a emettere grida di piacere,in poco tempo la porto all'apice del piacere mi accorgo che sta godendo e avere un orgasmo quando vedo il suo ventre contrarsi,a quel punto mi afferra la testa con le mani e mi soffoca spingendomi con foga dentro la sua figa,raggiunge l'orgasmo senza trattenersi,tanto che ha timore che qualcuno possa averla sentita,la rassicuro e lei mi dice che era da tanto che non provava un piacee simile,adesso e' lei che vuole darmi piacere alza il mio maglione e infila la testa sotto comincia a baciarmi sul petto e a mordicchiarmi i capezzoli,nel frattempo le sue mani frugano dentro i miei pantaloni,quando sente il mio cazzo gia duro fa un sospiro e con veemenza slaccia i pantaloni e dopo aver baciato da sopra gli slip il cazzo lo fa uscire infilandolo subito in bocca,raccoglie le palle nelle mani e con la bocca comincia a succhiare e a slinguazzare sulla cappella,e' una vera artista,gli dico che cosi mi fa sborrare subito,mi dice trattieniti un po' che dopo mi scopi,a quelle parole non resisto la faccio girare e come ho sempre desiderato comincio a scoparla a pecorina,sento il mio cazzo dentro di lei al caldo,lei presa dall'eccitazione spinge il suo favoloso culo verso di me facendo in modo che la penetrazione sia la massimo,pochi colpi e lei raggiunge un'altro orgasmo,gridando ancora piu' di prima,non resito piu' e senza pensarci gli vengo dentro,lei grida di piacere io godo come un maiale,vorrei continuare a scoparla,ma lei si gira si sdraia sul divano e allargando le gambe mi fa vedere lo sperma che esce dalla sua figa,come ultimo regalo prende il cazzo e lo pulisce con la bocca ricominciando un pompino,purtroppo si accorge che e' gia tardi...si alza in fretta mi dice devo rifarmi la doccia e devo scappare...ma non ti preoccupare adesso ci saranno altre belle occasioni per divertirci..cosi ci salutiamo dandoci un bacio appassionato dietro la porta con la promessa di rivederci presto...che donna mia cognata Martina stupenda davvero..

Questo racconto di è stato letto 1 1 7 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.