La quinta scappatella

Scritto da , il 2010-08-11, genere tradimenti

Come ho già spiegato, ho fatto mia la famosa frase “Cogli l’attimo” e avendo provato una forte eccitazione da storielle nate occasionalmente e non desiderando coinvolgimenti ho imparato a riconoscere le occasioni giuste per sfogare quella troiaggine latente che ho scoperto albergare dentro di me.

L’ultima occasione che non mi sono lasciata sfuggire è capitata l’altro giorno; avevamo le bambine in piscina con degli amici e stavamo per raggiungerle, quando appena in strada ci siamo accorti che era successo un incidente: un amico di mio marito e suo figlio di ventuno anni erano appena stati abbattuti in scooter da una vettura che gli aveva tagliato la strada.

Claudio il papà, era steso a terra visibilmente schoccato e non riusciva ad alzarsi, mentre Roberto, il figlio era già in piedi ma pieno di sbucciature in varie parti del corpo.

Arrivata l’ambulanza e caricato Claudio, mio marito e sua moglie salivano con lui sul mezzo di soccorso mentre Roberto rimaneva ad aspettare l’intervento dei Carabinieri, ed io che ero rimasta lì per portare a casa la nostra vettura, gli medicavo alcune ferite con i tamponi imbevuti di betadine che gli avevano lasciato i militi.

Arrivati i carabinieri per le rilevazioni, salutavo Roberto dicendogli di venire a casa mia per un boccone prima di andare all’ospedale da papà e mamma (peraltro sapevamo già che Claudio non era grave).

Io, che stavo andando in piscina, indossavo minigonna di jeans e camicettina bianca sopra un costumino giallo con slip molto ridotto e arrivata a casa sono rimasta solo con quello.

A mezzogiorno sento suonare il campanello e con mia sorpresa (non pensavo venisse) trovo Roberto davanti al cancello; gli apro scalza con il mio costumino addosso e lo faccio accomodare in sala da pranzo dicendogli che andavo a mettermi indosso qualcosa di più adeguato.

Lui si siede sul divano tutto dolorante per la caduta ed io torno dopo essermi cambiata…..ero comunque sempre succinta, via il reggiseno (proprio non lo sopporto) e su canottierina azzurra, slippini a vita bassa e calzoncini di jeans sdruciti e molto aderenti e sgambati.

Preparo la pentola per un po’ di pasta e intanto Roberto mi chiede se gli posso fare una fasciatura migliore; torno con garze e disinfettante e gli dico di togliersi la maglietta.

Roberto non è un figone, ma ha ventun anni, moro, alto un metro e ottanta e un bel fisico definito dall’unico sport che pratica, il tennis.

Rimane a torso nudo, abbronzato e girato di spalle sul divano inizio a medicargli i graffi sulla schiena, poi giro intorno al divano mi chino su di lui a medicargli dei tagliuzzi sopra le sopracciglia causati probabilmente dal casco; le mie tettone libere da costrizioni gli ballano davanti alla faccia e vedo i suoi occhi puntare dritti dentro la mia scollatura….sento la voglia di togliermi la camicetta e sbattergliele in faccia ma mi trattengo e cerco di pensare ad altro.

Fatte queste medicazioni Roby si alza e abbassandosi i calzoncini su un fianco scopre una bella sbucciatura proprio all’altezza del bacino.

Mi chino dinanzi a lui e con un certo imbarazzo da parte di entrambi gli abbasso i calzoncini, scoprendo begli addominali; indossa un paio di slip neri ed io inginocchiata davanti a lui sento i suoi occhi frugarmi le tette; gli abbasso leggermente lo slip sul fianco e mentre gli passo la garza imbevuta di acqua ossigenata ha un sussulto e mi sbatte involontariamente contro….vedo che ha l’uccello leggermente duro, d’altronde non fa che scrutarmi sotto la canottiera e a questo punto, fanculo le remore, gli chiedo se gli piacciono le mie tette visto che non smette di fissarle.

Roberto rimane un’ attimo sorpreso perché è un bravo ragazzo, ma poi si riprende subito e mi dice che ho delle bocce da sballo allungandomi una mano sotto la canottiera.

Nel mentre squilla il mio cellulare e mio marito mi comunica che Claudio sarebbe stato dimesso nel primo pomeriggio e che sarebbe andati a prenderli Roberto, di andare pure in piscina dalle bambine.

Chiudo la comunicazione, butto il telefonino sul divano e spingendo Roberto a sedere sul divano gli porgo il mio ventre davanti alla faccia.

Pensavo volesse succhiarmi le tette e invece punta dritto al bottone dei calzoncini di jeans e me li apre, poi mi gira e di forza mi tira via di colpo calzoncini e slip insieme che rimangono a legarmi le caviglie.

Allungo una mano all’indietro e sento il suo uccello duro uscire abbondantemente dagli slip,e glielo afferro stretto; ha un bel cazzone e lo voglio subito.

Mi metto a pecora davanti a lui, mi passa una slinguata sulla passera già dilatata e mi infila tutta la sua gioventù.

Mi sbatte la faccia sullo schienale del divano e mi scopa duramente, sono davanti alla finestra e prego che non mi veda nessuno, ma ormai mi sono lasciata andare e lo invito a non fermarsi e a buttarmelo tutto dentro.

E’ giovane e quindi con tanta foga non dura molto, sento che sta per venire e non voglio correre rischi, appena scappo via viene abbondantemente sul pavimento.

Mi giro, lo guardo negli occhi e arrossiamo entrambi, lui, il figlio di un nostro caro amico con il cazzo duro nel mio salotto mi ha appena sborrato nel pavimento.

Il mio attimo di smarrimento dura poco, è li davanti a me, è venuto e l’uccello non da segnali di ammosciamento e allora finiamo in bellezza: glielo afferro e me lo prendo in bocca succhiando, leccando e segandogli l’asta per un quarto d’ora buono fino a che mi prende la testa e me la blocca con tutto il suo uccello nel palato.

Una eruzione di crema calda mi riempe la bocca lasciandomi quel sapore salato sulle labbra e questa volta rimane davanti a me con l’uccello mollo.

Mi guarda allibito e mi dice : “cosa abbiamo fatto? Se lo scoprono tuo marito e mio padre mi ammazzano”

E io “tu stai zitto non dire mai nulla e la cosa rimane tra di noi – ti è piaciuto?”

“da pazzi” - mi risponde – “ma perché è successo”?

“Non lo so ma io ho goduto e tu hai allentato la tensione per l’incidente, per cui a me sta bene così e a te?

“Si si ma potremo rifarlo? Sai tra due settimane i miei vanno in ferie…”

“Chi lo sa, io di solito non torno sui miei passi”

Ci siamo baciati e poi si è rivestito ed è andato a prendere suo padre, intanto l’acqua bolliva sul fuoco e nessuno aveva mangiato.

Io mi sono fatta una doccia e poi rimessami il costume sono andata a prendere le mie bambine in piscina da brava mamma.

La sera dopo io e mio marito siamo andati a trovare Claudio a casa sua e mentre in cucina parlavo con Elisabetta, la moglie, mi sentivo osservata.

Era Roberto che dalla sua camera mi fissava il culo (avevo dei fuseaux aderentissimi) e quando gli sono passata davanti sorridendo, mi ha bisbigliato “sei fantastica”.

Ciao a tutti.

Questo racconto di è stato letto 8 5 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.