Gianna e la sua figa rossa

Scritto da , il 2014-06-22, genere tradimenti

Lei e’ Gianna , I sui capelli ,rossi , il corpo ben formato , tornito .
E la moglie di Marco , piu vecchio di lei , un tipo rude dedito a alcool e gioco , qualche volta va anche a puttana , ma quando non perde in una sola serata tutto il suo stipendio di 700€ euro mensili .
Lei e´ discreta , evitava lo sguardo , le cose con il marito non vanno bene .
Io sono sempre infognato di lavoro , abito davanti a loro , ma ho orari flessibili che mi permettono di essere spettatore delle loro liti , anche se a volte e´penoso .
Vado d’ accordo con Marco , spesso gli porto vino o prodotti tipici dai miei viaggi di lavoro , ma evito di trovarmi in presenza anche della moglie , so´che lui e´molto geloso , anche solo degli sguardi .
In queste circostanze e´molto meglio agire da distanza altrimenti potrebbero innescarsi brutte situazioni , specialmente per chi come me viaggia spesso e questo non e´il mio paese .
Gianna ha fatto amicizia con il mio vicino , un coglione cresciuto , che va ‘bene a Marco , troppo inoffensivo e bambinone, pero´Lei spesso con la scusa di portare a spasso il cane lo viene a trovare , passa davanti alla mia finestra e mi guarda mentre scrivo al PC , saluta formalmente e se ne va .
Io aspetto .
Una mattina Marco va´ a lavorare come sempre in bicicletta , lei era in casa , io alla mia scrivania , un giornata bella solare , come di rado accade qui .
Alle 10.00 mi preparo , vado a farmi un bel giro al parco in bicicletta , non molto una 20 di km per mantenere bassa la pancia , esco e la incontro , “ Buongiorno Signora “ “Buongiorno “ e vado ,non la calcolo .
Alle 12.00 rientro , Gianna sta davanti al mio portone , “ Salve “ mi dice sorridendomi “Salve” ripeto io
fermo la bici , tolgo gli occhiali e aggiungo , “ha bisogno ? “
“Ho una comunicazione per Peter , credo che sia al lavoro ,la metto nella cassetta delle lettere.”
“Ah , ok “ esclamo io mentre stavo facendo i cazzi miei aggeggiando con le chiavi per aprire il portone .
Incurante metto la bici al suo posto getto elmetto e zainetto , sono sudato , ho voglia di farmi la doccia e vado a salutarla .
“Senta se vuole puo´mettere ….. ah… ha gia `fatto ……… ok , la saluto “le dico molto velocemente , ma qualcosa non va come mi aspettavo .
Lei guarda incuriosita la mia casa , “Marco mi ha detto che la sua casa e´piu´grande della nostra “
E mentre lo dice con gli occhi scruta oltre la porta .
“Ah …. Si …. Ha detto che se me ne vado lui vorrebbe trasferisi qui ….ma e´un appartamento freddo ….”
“Prego se vuole vederlo…… ma sa’ ….. io vivo solo e ci può essere un po´di casino “
IO l´ho detto , ma non pensavo che lei accettasse , inoltre gia mi preoccupavo per Marco , se rientrava e ci trovava assieme chissà ‘ cosa pensava ………..
Gianna entra dopo di me in casa , “ ….no … carina …. Con pochi mobili ……” e sorride
“si …. Con la vita che faccio ….. sempre in giro … poi io sono qui di passaggio , non so´quanto mi fermero `…….
Lei gira “ bella la cucina ………..essenziale ma completa ….e il letto ?”
“ad aria …….facile da sgonfiare e smontare “ rispondo io .
“ si una ……casetta vuota ma ……. Completa di tutto “ dice lei guardando anche nelle altre stanze .
“ beh …… mi arrangio…… non ho molto tempo da perdere a seguire la casa “ il mio tono diventa quasi una richiesta ad uscire , non voglio farmi trovare da Marco , con lei nel mio appartamento .
“ ok ……” dice finalmente “ …. E ‘parecchio sudato vorrà mettersi a posto ……”
Io la guardo , non riesco a replicare anche perché non vorrei replicare , poi chissà che cazzo capisce vallo a sapere .
“ si ….. “ dico e mi avvio verso la porta , lei continua a guardare la casa e viene verso di me
Ero contento , finalmente si cavava dai coglioni , anche se mi dispiaceva essere cosi spicciolo .
“ mi dispiace …….”dice lei “ Marco a volte alza la voce e ……. Io sono parecchio dispiaciuta “
“Mah ….. cose che succedono in una coppia , quando avevo mia moglie anche noi…… si discuteva “
Dico io cercando di generalizzare , poi inspiegabilmente affondo “ ….. ma magari dovrebbe stare attenta a quello che dicono gli altri ………che state in crisi e Marco spesso resta a secco per gioco “
IL sorriso ora e ‘sparito dalla sua faccia , l a smorfia e ‘incontrollabile , storce il naso e fa ‘un grande sospiro , quasi rassegnata , mentre passa la porta e si dirige al portone .
“ peccato …. “ esclamo ,ma stavo guardando il suo culo .
“ si …….” Dice lei “ …poi qui ci conosciamo tutti ….”
I nostri sguardi si intersecano , c´è complicità´, lei vorrebbe dire …. Io vorrei …….e´tardi cazzo !!!!!!!!!
“Gianna … senta io non vorrei….. ma sa ´ se rientra Marco …..lei e´sul mio portone…. Capisce …”
“ si ……. Vedo che conosce bene la situazione ….”” Dice Lei con un mezzo sogghigno tipo –brutto stronzo ci stai a seguire .
“ …. La gente parla …….” Rispondo io con fare deciso , penso , tanto che ……cazzo ci sono quasi i manifesti . “ …..e se lo so´ io che quasi non ci sono mai…….”rincaro.
“ …. E´un peccato …. ……” mi esce dal cuore mentre scruto dalla zip della tuta il suo seno , lei mi guarda e ride , “ si …. E´vero …lei non cé ‘ quasi mai ……..”risponde quasi beffarda .
“ ....Si …… ma proprio per questo sono piu discreto……quasi ideale …..”alludo con lo sguardo fermo .
Ormai ci provo vediamo la sua mossa, dovrebbe aver capito , lei si gira e chiude il portone dietro di se .
Ora i suoi occhi sono fissi sui miei , io non resisto e mi lancio in un bacio con la lingua , lei apre la bocca , slingua e succhia . Le mani partono automatiche sul suo culo . La sua tuta non regge la mia irruenza .
Mi stacco la prendo di forza e la butto sul divano , con un calcio chiudo la mia porta , le mie mani gia sono sulle sue tette , poi la destra scivola dentro la tuta , oltre le mutande , oltre il pube , la , sul clitoride , inizia a sgrillettare l’indice .
Lei si gira , le sue mani ora sono dentro i miei pantaloncini , ma hanno le bretelle da ciclista , non riesce ad entrare . Ride .
Non parliamo ,solo un affannoso respiro , con movimenti da animali , convulsi.
Tiro giu la tapparella , cosi ora anche se Marco arriva non ci vede . Il battito animale cresce
Voglio questa femmina , voglio scoparla .
Lei si attacca ancora alla mia bocca succhia e slingua come una matta , io mi tolgo i pantaloncini , e le abbasso la sua tuta insieme alle slip . “ no….. piano “ fa´lei “ piano che …? Ho voglia di mettertelo dentro …..”””” la bestia che e ‘ in me non vuole sapere di preliminari o altro
E´bagnata la penetro con facilita` da dietro , subito .
La sua tuta e´completamente aperta , le sue tette sventolano turgide , i capezzoli sono piu in tira che i pali della luce , il mio cazzo entra di forza nella sua figa rossa , per minuti pompo come se non avessi mai scopato . lei geme e si bagna parecchio , le sue grandi labbra mi avvolgono la cappella
Allargo le natiche ,vedo il suo buco del culo e mi eccito ancora di piu , si contrae e si apre , quasi sembra che chiami un cazzo , non mi pare che sia parecchio praticato , i suoi peli rossi i mi allupano da morire .
La giro .pompo e lecco le sue tette . il divano sta per cedere , la prendo e attaccati ci spostiamo sul letto .
E´un affondo di piacere , le bocche sono quasi fuse , inghiotto la sua saliva , lei la mia le porcate escono a fiumi , i suoi gemiti e lamenti mi spronano le gambe , le sento forti , aumento il ritmo e sento le sue ginocchia chiudersi a tenaglia sul mio corpo . Mi vuole , mi prende , sta´venendo .
Marco chiama…….. cazzo e´rientrato!!!!!!! . lei si irrigidisce e cerca di svincolare .
” Dimentica ….ti sto scopando io ora ……” e affondo ancora piu forte , la sento gemere ancora , morde il cuscino per non farsi sentire , sta venendo di nuovo .
Il mio cazzo galleggia in quella figa da tanto che e´bagnata , ma………. Arriva altro liquido , bianco e caldo .
Sborro completo , il fatto di sapere che lei ha sentito il marito mi fa godere ancora di piu .
Mentre finisco le ultime pompate penso che Gianna si rivestirà di corsa . mi sono rassegnato all’idea, ma inaspettatamente , lei si gira e me lo prende in bocca . “ ….. che fai ? “ chiedo , “ ma Marco …… “ “ .. si un attimo ……””- dice succhiando le ultime gocce .
Lei e´piu´eccitata di me per il fatto che suo marito e´arrivato a casa e la cerca….. .Si sente una troia .
“Ok ….. aspetta “” le dico io , voglio leccargli la fica rossa fino al culo .
La giro e faccio per metterla a pecorina , ma affondo la faccia dentro .
Ora non per vantarmi ma sono stato sempre bravo a leccare la figa , mia moglie ne andava matta .
Gianna sussulta “ No ….. non cé tempo ora …. Ohhhhhh “” ma vedo che nn si distacca , sgronda come una fontana .
“…ohh dai…. Ohhh ….. No…… Nooooo.. devo andare “ io tiro su la faccia impreganta del suo umore.
“ ma dove vai ? lo sai che se ti becca fuori ti macella ….lui …. Aspetta “ e riprendo a leccarla ma stavolta mi sposto sul buco del culo , lo so´che lei ha paura di Marco .
“noooo….. ti prego devo andare ……ohhhhh siiiii…….. cosa fai ? “
Mi alzo e la bacio da dietro sul limite della bocca , lei sente il suo liquido.
“ora ti apro il culo ………..” la guardo , e la mia cappella abbocca il suo buco bagnato .
“noo …. Nooo … “ gemita lei, ma io entro , poi le arrivo all orecchio “ tranquilla ora ti sfondo il culo ….poi vai “
E inizio a pompare piano pensando di aspettare un attimo prima di sfogarmi dentro .
“noooo …..piu forte che cazzo aspetti stronzo ? ora che me lo hai messo in culo ……..pompa “”
“ ahhhh … erano anni che lo volevo , ma il cazzo di Marco non riesce piu a romperlo ….. pompamelo stronzo ……siiiiiiii…….cresci dentro ………..pompamiiiiiiiiiiii…..“
Wow e chi se lo aspettava ? inizio a solfare , lei gemita incitandomi , esce e mi fa stendere , si mette sopra inizia a cavalcare il mo cazzo ,e´tutto dritto , le mie braccia alzano e abbassano il suo inguine sul mio.
Non urla, vorrebbe, “…. sfondami ………sono gia arrivata due volte ……… dai pompami il culo maiale “”-dice .
“ No ……”- ormai non controllo piu niente -“ non pompo ……..ti riempio …..bella fighetta …. Voglio schizzarti fino in gola dal culo…….. “ dico Io e vado giu di sborra ancora , dentro , c´é parecchio liquido ed esce di lato colando anche sulla figa. Lei allunga la mano e si lecca il dito .
Le mie mani continuano a fare la spola – tette- figa- clitoride , fino al godimento di lei soffocato sul mio collo . Sento i suoi denti dentro la mia carne
L’ odore del mio sudore …. del suo liquido ….. i nostri corpi attaccati ……, ma non cé tempo per riposarsi sono le 13.30
Lei si alza di scatto e va in bagno , io idem , ci laviamo veloci .
“ prendi il sacchetto della spesa……. , esci dal retro e vai al supermercato ……” “ si …. Ci avevo gia pensato “ dice lei fredda .
“ Ma ci rivediamo quando hai tempo ? ……. Non ti ho leccata bene …..“-Io
“ lo sai ….. ma se Marco non c´é …. Vediamo…… ora devo andare “-Lei .
Bene ,allora ti riscopo troia , pensai tra me chiudendo la porta del retro, non ero contento del lavoro fatto sulla sua figa , dovevo impegnarmi di piu´ la prossima volta .
Andiamo avanti dandoci del lei quando ci incontriamo pubblicamente , quasi ci schifiamo , ma quando Marco non ci vede ……………..le rosse ………..ahh………….che donne .

Questo racconto di è stato letto 5 4 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.