Mariana e la figlia

Scritto da , il 2020-10-18, genere tradimenti


Qualche giorno dopo Mariana venne al lavoro accompagnata dalla figlia, una ragazza di 38 anni con il fisico simile a quello della mamma e mi chiese di farle un massaggio come quello che avevo fatto a lei. Rimasi sorpreso dalla richiesta ma mi spiegò che la figlia non aveva avuto molti rapporti e che quindi voleva farle provare quello che aveva provato lei avendole raccontato quanto accaduto. La ragazza indossava una gonna appena sopra le ginocchia con collant neri e una camicetta che metteva in risalto il seno prosperoso. Il fatto che indossasse dei collant mi aveva fatto eccitare. Le dissi di sfilarsi gonna e camicetta e di stendersi sul letto. Era molto tesa. Iniziai il massaggio e il contatto con i collant mi stava facendo impazzire. Aveva delle gambe morbide che si facevano massaggiare splendidamente. A mano a mano che la massaggiavo sentivo il suo corpo rilassarsi. Salii dolcemente verso il suo pube e le sfilai i collant tirandomi dietro anche gli slip. A differenza della mamma era completamente rasata aveva due labbra grosse e sporgenti. Spingo le mani verso il suo ventre e inizio a solleticarle. Al mio tocco ha un sussulto come per ritrarsi ma si tranquillizza subito e inizia a mugolare. Le mie dita la penetrano dolcemente alla ricerca del clitoride. Lo trovo e inizio a massaggiarlo. Fa capolino è molto più grosso di quello della mamma mi abbasso e inizio a leccarlo e succhiarlo dolcemente. Mentre sono impegnato a succhiare il clitoride della figlia Mariana mi si avvicina, mi abbassa pantaloni e slip e inizia a farmi un pompino. Sono al settimo cielo non so cosa fare se farmi distrarre dalla mamma o continuare con la figlia. Non senza difficoltà continuo con la figlia che nel frattempo si è tolta anche il reggiseno. Il seno è bellissimo sodo con due capezzoli molto grossi. Inizio a succhiare i capezzoli che si induriscono sempre di più. Nel frattempo anche Mariana si è spogliata e si è avvicinata al letto dove è distesa la figlia. Ora sono entrambe nude ma soprattutto sono a mia disposizione. Faccio stendere Mariana sul letto e metto la figlia a 90. Provo ad infilare il cazzo nella figa ma faccio un po’ fatica. Anche se è bella umida è molto più stretta di quella della mamma ma piano piano riesco a penetrarla. Nel frattempo Mariana ha preso la faccia della figlia e l’ha attirata verso di se spingendola verso la sua fregna pelosa. Vuole che la lecchi ma non vuole, oppone resistenza ma poi cede e si avventa sulla figa della mamma. Continuo a stantuffarla sempre più forte. Le mie palle sbattono contro il suo culo gode sempre di più, sento che sta per venire, anche la mamma se ne accorge viene verso di me, prende il cazzo e se lo infila tutto in bocca. In un attimo mi svuoto completamente nella sua bocca, quasi soffoca dalla quantità di sperma che si riversa al suo interno. Prendo Mariana e la stendo sul lettino le apro le gambe e le infilo il cazzo nella figa. E’ bella larga e il mio cazzo ci naviga comodamente, gode come una troia. La figlia nel frattempo è salita sul lettino e si è posizionata con la figa sopra la faccia della mamma. La lingua di Mariana si infila con esperienza nella sua figa e inizia a leccarla. Gli umori della ragazza la inondano, la mia lingua cerca di ripulirle il volto e assaporo tutto quel dono. Il mio cazzo è pronto ad esplodere di nuovo ma questa volta è la figlia che vuole bere. Si attacca al mio cazzo e inizia a succhiarlo. Non è esperta come la madre ma non ci mette molto ad imparare e mentre Mariana mi massaggia le palle lei finisce quello che aveva iniziato. Il mio sperma le riempie la bocca e una parte viene inghiottita. Ora madre e figlia sono distese entrambe sul lettino ma ho ancora voglia di scoparle e questa volta di svuotarmi dentro una figa. La mia scelta cade sulla ragazza. Mi avvicino, le allargo bene le gambe e le appoggio sulle mie spalle. La sua figa è davanti a me pronta per essere posseduta. La penetro dolcemente, inizialmente la ragazza resta tranquilla come se non provasse niente ma poi piano piano la sua eccitazione inizia a farsi strada. Sento che si sta bagnando molto, il mio cazzo adesso scivola velocemente al suo interno sono molto eccitato, spingo con sempre più forza, ho voglia di sfondarla. Sono sul punto di venire le allargo sempre più le gambe, lei urla di piacere. E’ un attimo il mio cazzo esplode tutto nel suo ventre. Appena lo tolgo Mariana si avvicina alla figa della figlia e inizia a leccare tutta la crema che sta uscendo. La ripulisce alla perfezione assicurandosi di non lasciarne nemmeno una goccia poi si avvicina alla bocca della figlia e come una vacca iniziano una limonata da sballo. Ci rivestiamo e ci diamo appuntamento al prossimo massaggio.

Questo racconto di è stato letto 5 7 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.