Non so che fare

Scritto da , il 2013-12-02, genere incesti

Sono Delia, ho 39 anni e un figlio di 18 che frequenta l'ultimo anno di liceo. Mi sono sposata che avevo ancora vent'anni e il mio è stato il classico matrimonio riparatore. Infatti ero incinta di un ragazzo, Maurizio, che aveva un anno più di me e che non era certo contento di sposarsi perchè era convinto che io l'avessi incastrato. Inutile fu dirgli che anche col ragazzo che avevo avuto prima di lui usavo il metodo del coito interrotto e che non usavo protezioni. Lui era certo che col ragazzo di prima facevo sesso coperto e che invece con lui, che era figlio di una famiglia benestante, mi ero messa a fare sesso scoperto nella speranza, poi avveratasi, di restare incinta e di sposarlo. In tutta sincerità posso dirvi che non era così, che io realmente col ragazzo di prima avevo fatto come con lui, ma lui non ha mai voluto saperne. Per lui io lo avevo incastrato e, secondo lui, la dimostrazione stava nel fatto che mi ero rifiutata di abortire. Il matrimonio, quindi, si celebrò contro la sua volontà e non decollò mai, nemmeno quando il 15 marzo del 1995 nacque Marzio. Anzi, per assurdo la nascita del piccolo acuì i dissapori che, magari latenti, esistevano fra di noi. Più di una volta mi disse, ferendomi, che con me era venuto solo perchè ero una bella gnocca, ma che mai aveva pensato di poter imbastire con me una storia duratura. Effettivamente col mio viso accattivante, la mia altezza (1,72), la mia quinta di seno, il mio culo molto intrigante e le mie gambe lunghe e ben tornite non passavo certo inosservata. Forse un paio di chili in meno dei miei 67, dai quali non riuscivo a scendere, avrebbero reso ancora migliore il mio aspetto, ma anche così... Insomma, la nostra convivenza fu un vero disastro, non so se facemmo una decina di scopate prima di prendere la decisione, nel 1978, di separarci. Dopo quattro anni e rotti divorziammo, inevitabilmente. A me restò la casa dove abitavamo e dove io abito tuttora (un bell'appartamento di 100 mq. con doppi servizi e due garages), l'automobile e, naturalmente, mio figlio. Tutto ciò in cambio del fatto che non pretendessi alimenti od altro. Accettai e così a 28 anni tornai "signorina". Con un figlio da allevare, però, che al momento del divorzio aveva 7 anni. Non nascondo che, nella grande azienda alimentare nella quale lavoro, per fare carriera mi avvalsi molto del mio aspetto. Prima fui l'amante del direttore commerciale, poi andai insieme anche a uno degli azionisti e così, passo dopo passo, a 33 anni entrai a far parte dei "quadri", con lo stipendio e i benefit che ne conseguono. Ora, ormai da tre anni, ho una relazione stabile con Lorenzo, un uomo brillante mio coetaneo col quale mi trovo a meraviglia. E' scapolo e potremmo, volendo, regolarizzare la nostra posizione, ma non vogliamo. E' fuor di dubbio che di questa mia relazione Marzio sia geloso. Tutte le volte che esco mi chiede sempre perchè lo faccio, mi chiede cosa mai trovi di buono in lui, mi fa domande alle quali con buona ragione rispondo piccata (e magari sarebbe bene che accompagnassi con qualche sberla), insomma tutta una serie di cose che possono succedere a una divorziata che ha un figlio e che comunque non vuole rinunciare ad essere donna, ad avere una propria vita, soprattutto in considerazione del fatto che il figlio è maggiorenne. Purtroppo temo che le cose non rientrino in quella sorta di normalità di una situazione particolare come la mia. Temo che Marzio abbia nei miei confronti un interesse morboso. Mi ero accorta, gli anni indietro, che mi spiava mentre mi rivestivo dopo aver fatto il bagno o mentre mi spogliavo per cambiarmi d'abito. "Curiosità di un adolescente" mi dicevo, e facevo finta di niente. Il mese scorso, però, mi sono accorta che mi stava spiando mentre, nuda, mi stavo truccando in bagno perchè sarei dovuta uscire con Lorenzo. Mi sono sistemata le calze, messo il reggicalze e lui era ancora lì. A quel punto, così com'ero, sono uscita con piglio deciso e gli ho detto: "Mbè? Mai vista una donna?" "Certo, ma tu mi piaci mamma" "Guarda le tue coetanee, non me, schifoso!" E lui: "Certo che le guardo, e con una ci vado pure, ma tu mi piaci". Vestendo una tuta non era possibile che mi passasse inosservato il rigonfiamento tipico di un cazzo che tira. "Possibile mai che ti tiri vedendo tua madre?" "Mamma, me lo fai tirare, non è colpa mia" Così dicendo ha allungato una mano e mi ha carezzato la passera. Non nascondo di aver provato un brivido, e non nascondo nemmeno che il brivido mi era risultato piacevole, o quanto meno intrigante. Lì, con ogni probabilità, ho commesso un errore. "Vabbè, facciamola finita, vieni qui che ti faccio una sega". Davanti al lavandino del bagno gliel'ho preso in mano e ho cominciato a segarlo. Lui ha fatto per mettermi, da dietro, una mano sulla passera, io l'ho incenerito con lo sguardo ma lui non ha mollato, e pur non riuscendo nel suo intento mi ha comunque palpato il culo per tutta la durata della sega. Pensavo fosse finita lì, ma qualche giorno dopo, mentre di sera ci stavamo preparando per andare a letto, lui mi fa: "Mamma, fammi una sega". Non ho saputo dirgli di no, pur accompagnando la cosa con un "Che sia l'ultima, sia chiaro!" dal tono perentorio. Difatti per un po' le cose sono filate via lisce. Ma ieri sera, di nuovo: "Mamma, dai, fammi una sega". Ho borbottato non poco, ma poi... In bagno, davanti al lavandino... alè! Il problema è che stavolta l'ho lasciato fare quando, mettendomi una mano sotto, mi ha scostato le mutandine, mi ha carezzato la passera e poi ci ha messo un dito dentro. Cosa che non mi è dispiaciuta per niente. In tutta sincerità non capisco cosa stia succedendo, e soprattutto cosa mi stia succedendo. Sono sconcertata. Veramente, che ci crediate o no, io non so che fare.

Questo racconto di è stato letto 1 9 3 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.