Alla fine è capitato

Scritto da , il 2014-05-12, genere incesti

E' da cinque mesi che non scrivo più per aggiornarvi del rapporto morboso che mio figlio Marzio nutre nei miei confronti. Non ho più scritto anche perché non ve n'erano i motivi. Tutto si era incanalato sul giusto binario, o quantomeno a me così sembrava. Invece mi sbagliavo, a quanto pare. Non nascondo che qualche sbirciatina Marzio me la riservava quando ero in bagno, magari senza reggiseno o completamente nuda: me ne accorgevo, certo, ma non davo importanza alla cosa perché aveva smesso con le sue avances nei miei confronti. Sabato notte, invece... Tornata da casa di Lorenzo, il mio uomo, poco oltre la mezzanotte, ben soddisfatta di quanto era capitato sia a tavola che a letto, ho salutato Marzio che era ancora alzato e mi sono fiondata sotto la doccia, visto che dopo aver fatto sesso mi ero rivestita senza nemmeno essermi data una sciacquata. L'acqua che mi picchietta addosso mentre mi lavo mi crea un benessere tale che indugio nel box doccia un po' più del solito. Esco, mi asciugo ma tralascio di indossare l'accappatoio perché fa un po' caldo e così, senza nulla addosso, mi metto davanti allo specchio per "restaurare" il viso. Son lì da un paio di minuti ed ecco che entra Marzio: è nudo pure lui, con l'uccello in tiro e un'espressione libidinosa che non vi dico. "Che ci fai qui?" "Dai, mamma, non far finta di non capire!" "Di non capire cosa?" "Di non capire che ho voglia di scopare!" "Di scopare tua mamma? Ma non ti vergogni?" "No che non mi vergogno! Neanche un po'!" "Ma sei matto?" "Neanche un po'! Sei una bella figa". Sentirmi definire "bella figa" da mio figlio, neanche fossi una da rivista patinata, mi manda in bestia, mi volto per mollargli un ceffone ma lui anticipa il tutto abilmente cingendomi con un braccio e facendo scivolare l'altra mano tra le mie cosce fino ad infilarmi un dito proprio lì, nella figa. "Come sei calda, mamma! Chissà che scopata avrai fatto con Lorenzo..." "Non sono affari tuoi! E togli la mano da lì!" "Dai che ti piace, non fare finta...". Effettivamente devo dire che il suo dito guizzante all'interno della passera mi dava piacere. Ho cominciato a non capire più niente, indignazione e piacere formavano un mix antitetico che non so descrivere. So solo che via via l'indignazione calava e il piacere saliva, fino a prendere decisamente il sopravvento. Quando Marzio, che davvero non credevo fosse così abile a capire le pulsioni femminili, si è accorto che io ero alla sua mercè, si è inumidito con la saliva il cazzo, mi ha fatto piegare a novanta e me lo ha messo dentro. Così, alla pecorina in piedi, mi ha stantuffato per qualche minuto fino a farmi venire per bene. Quindi è uscito e, probabilmente menandoselo un attimo, mi è scoppiato sulle chiappe. Dopodiché si è adoperato con la spugna insaponata per lavarmi via dalle chiappe la sua sborra mentre io ho contraccambiato il favore lavandogli l'uccello. Dopodiché, senza dire una parola, siamo andati ognuno nella propria camera. Che vi devo dire? Beh, alla fine, quando meno me l'aspettavo, è capitato. Ho un po' di vergogna a dirlo ma... mi è piaciuto. Dovesse ricapitare l'occasione, mi sa tanto che lo rifarei. Certo lo farei a letto e mi farei anche baciare in bocca, cosa che stavolta non è successa. Non so cosa sperare per il futuro, certo se Marzio si accontenta di questa volta e basta sarebbe meglio. Ma io, sotto sotto, spero di no. Ho di che vergognarmi?

Questo racconto di è stato letto 1 9 5 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.