I piedi di mia sorella

Scritto da , il 2013-07-23, genere incesti


I PIEDI DI MIA SORELLA


Mi ritrovo qui a scrivere con estremo piacere e con una sensazione di leggerezza mista a forte eccitazione… riporto dettagliatamente l’evento accaduto diversi anni fa…
La mia età era pressappoco di dodici o forse tredici anni, vivevo ovviamente con la mia famiglia, i miei genitori e le mie due sorelle che chiamerò S. e P., rispettivamente di cinque e sei anni più grandi di me, la mia vita da adolescente scorreva come quella di tanti altri miei coetanei, tranne che per un piccolo particolare segreto che mi portavo dentro e che mai e poi mai, per nessun motivo, avrei rivelato a qualcuno ovvero la mia passione per i piedi femminili e per tutto ciò li riguardasse…questa passione tanto forte quanto per me incomprensibile e misteriosa, spesso fonte di imbarazzo per me stesso e per quello che la mia psiche desiderava, guardava, bramava, cercava….
Vedevo continuamente in casa le mie sorelle uscire vestite in modo diverso dalla mie coetanee specie per quanto riguarda le calzature…TACCHI…ecco cosa attiravano la mia attenzione quando le vedevo prepararsi in camera, le osservavo apparentemente in modo annoiato e distratto mentre sceglievano e infilavano i loro piedi in quelle scarpe così attraenti per me…osservavo i loro piedi costringersi all’interno delle decoltee andavo alla ricerca di particolari nel tipo di scarpa o nel modo in cui stavano certe calzature ai loro piedi tipo il principio delle dita e quelle piccole rughette che si intravedono quando certe scarpe, hanno una ampia scollatura da notare e archiviare nella mia mente per poi ricordarli durante le mie seghe furiose…ero estremamente affamato di tutto quello che era l’universo piedi e scarpe con i tacchi.....
Il tempo scorreva tra mille fantasie e immagini di piedi visti in giro, per strada e poi quelle in casa…sempre costantemente sotto i miei occhi…il mio delirio…
Da un po di tempo mi girava per la testa un pensiero proibito, sconcio, osceno, forte almeno questo era quello che il mio cervello delineava…guardavo dove ponevano le loro calzature le mie sorelle…lo stanzino piccolo e pieno di altra roba ma con uno spazio dedicato a loro…erano lì allineate una accanto all’altra…riuscivo a sentire l’odore della pelle e del cuoio perfino con la porta chiusa passandoci accanto lentamente e spesso di proposito…tutto questo pensare e arrovellarmi il cervello mi turbava molto, moltissimo ma allo stesso tempo mi dava una forte ed impetuosa erezione.
Un pomeriggio rimasi solo in casa e ovviamente la mia predisposizione adolescenziale alle seghe prese il sopravvento e così andai in bagno e iniziai a segarmi con i soliti pensieri di feticismo allo stato primordiale che mi frullavano per la mente, mi piaceva stare solo in casa perché questo mi permetteva di dedicarmi alla goduria come volevo…mentre mi gustavo il cazzo in mano sospesi all’improvviso il movimento, ebbi come un flash….mia sorella, lei, i suoi piedi, le su calze , le sue scarpe.
Uscii dal bagno ancora con il cazzo duro, umido di umori mentre con una mano tenevo su i pantaloni e mi avviai meccanicamente, come un automa, verso lo stanzino, buio dall’odore inebriante…arrivato davanti alla porta mi fermai, esitai tenendomi in mano il cazzo ancora in erezione piena.
Il gusto del proibito, di qualcosa di disdicevole, ecco quello che provavo, la trasgressione perversa e depravata ma ero io a volerlo a desiderarlo ed ero solo in quel momento e volevo che tutto quello che la mia mente stava elaborando e sognando di fare, accadesse…..così premetti l’interruttore della luce posto fuori accanto alla porta, fissai per qualche attimo la luce dietro i vetri fumè di quel piccolo angolo di paradiso e poi afferrai la maniglia e aprii la porta di scatto, all’improvviso venni investito da quell’odore, intenso, deciso, inebriante rimasto intrappolato in quel piccolo quadrato di mura a causa della porta rimasta chiusa…chiusi istintivamente gli occhi e respirai a pieni polmoni quello che per me era eccitazione pura. Avevo il cuore a mille, sembrava esplodermi nel petto ma avevo anche il cazzo che non rispondeva più a me, mi salì al cervello un forte odore di pelle, di cuoio misto a piedi, odore non cattivo odore, ero in preda quasi ad un attacco di panico misto ad eccitazione immensa...allora mi gettai letteralmente a filo del pavimento...iniziai a sfiorare tutte le loro calzature che ritenevo eccitanti, osservandole da così vicino…quasi a sfiorarle con la bocca, con i polpastrelli riuscivo a sentire addirittura la forma delle loro dita nella parte esterna lasciate dall'uso costante…
Non ne potei più e ne presi una in mano, decoltee, tacco alto, marrone scuro, affondai il naso dentro e mi inebriai… iniziai così timidamente a leccare, via via sempre più avidamente, stavo godendo, impazzendo.
Feci questo con le scarpe di una sorella in particolare, quella che poi ritenevo avesse i piedi più belli, cioè S.
Leccavo, annusavo e con una mano presi a segarmi, poi infilai il cazzo dentro...e scopai la scarpa, il suo interno dove il suoi piede e le sue dita rimanevano per lungo tempo, sentivo ormai scorrere liscio il mio cazzo al loro interno data la notevole quantità di umori che secernevo e per questo dovetti fermarmi molte, moltissime volte per non sborrare.
Stavo impazzendo ,ero fuori di me, il cazzo era al limite della sua dilatazione, la cappella gonfia e fradicia mi doleva dal gonfiore misto a piacere, pensavo a mia sorella, ho iniziato a fantasticare su di lei, sui suoi piedi, le sue tette sode…la sua fica…tutto…ero terrorizzato all’idea che entrasse dalla porta di ingresso all’improvviso e mi beccasse con il cazzo infilato nella sua scarpa, in ginocchio con tutte le altre scarpe intorno a me…ma ero anche fottutamente arrapato a quell’idea…
Continuai così, cambiando scarpe…toccandole morbosamente come un cane affamato, non so per quanto tempo, forse per 15 o 20 minuti non lo so…sino al momento che non ne potei più e mi lasciai andare completamente schizzando copiosamente nella sua scarpa...inondandola completamente....mi persi in quei fremiti di goduria mai provata, ero in una dimensione parallela alla realtà…ancora in preda a spasmi e respiro corto mi portai la scarpa alla bocca…inclinandola per permettere alla mia sborra calda di scendere e accumularsi verso il tacco…istintivamente svuotai sulla mia lingua il contenuto della scarpa di S. e bevvi avidamente assaporando fino all’ultima goccia quel liquido denso fatto di sperma caldo e umori e residui dei piedi di mia sorella.
Avevo passato il limite, ero oltre il punto di non ritorno e lo capii.
Da quel giorno ho iniziato a guardare mia sorella sotto una luce diversa, ho iniziato a desiderarla, a segarmi pensando a lei e ai suoi piedi splendidi e quando potevo andavo a rovistare nel cesto della biancheria da lavare e cercavo il suo intimo e le sue calze per annusarle, leccarle e segarmi.

Questo racconto di è stato letto 1 1 1 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.