Prima volta con il mio ragazzo ,terza parte

di
genere
gay

Sdraiato sul letto accanto ad Andrea mi sentivo in paradiso ,così ,rilassati ,gli feci la domanda che avevo in mente
- chi è il professore con cui sei stato? -
- lo conosci ,l'Ammannati -
- ti ha rimorchiato lui? -
- bè praticamente si ,ha capito subito che ero gay e mi ha chiesto di andare con lui a bere una birra -
- e tu? -
- dovevo dare l'esame con lui ,non mi è parso il vero -
- è andato bene l'esame poi ? -
- 27 ,ma è stato generoso ,sapevo poco -
- e cosa avete fatto ,se posso? -
- pompe reciproche ,poi lo inculavo -
- accidenti ,e tu non lo avevi mai fatto? -
- solo qualche sega tra ragazzi -
- ma è pure sposato - feci io
- sai a quanti sposati piace il cazzo ? - risi a quelle parole
- ma lui ti piaceva ? -
- insomma ,lo conosci ,c'é di peggio ,a me interessava passare l'esame -
- poi lo hai mollato -
- eh certo ,si farà inculare da qualche altro studente -
- ed io? -
- cosa? -
- com'è che mi hai imbroccato? -rise
- perché sei il più carino dell'università - lo abbracciai e lo baciai ,vidi che il suo cazzo stava risvegliandosi ,lo impugnai ed
iniziai a masturbarlo
- anche tu sei carino ,sai? -feci
- perché non sali sopra? - non capii subito -monta sopra che ne facciamo un altra - prontamente mi misi a cavallo su di
lui e sentii il suo membro premere sotto di me ,con la mano lo presi e lo diressi al mio buco ,mi calai sopra
impalandomi ,mi mancò il respiro ,lo sentivo tutto dentro ,adesso mi riempiva completamente ,mi sentivo una porcellina
e dimenai il culo
- vai ,dai tu il ritmo - disse ,io lo lasciai uscire un poco per riprenderlo tutto , mi teneva per i fianchi e la cavalcata ebbe
inizio ,andavo su e giù con l'uccello ficcato nel culo che ormai era aperto ,ansimavamo entrambi e ricominciammo
a sudare ,aumentai il ritmo
- come mi piace il tuo culo - fece
- e a me il tuo cazzo ,scivola da Dio -
- sei una troia ,lo sai? -
- si ,dimmelo ancora che sono la tua troia -
- sei nato per averlo in culo finocchio -
- sono meglio del professore ? -
- non ci sono paragoni ,ti scoperei all'infinito -
- allora scopami ,mi fai impazzire -
una scossa forte mi percorse la schiena e tremai ,la bava mi calava dalla bocca ed il mio uccello sbrodò sulla sua
pancia
- oddio ,non so che è successo ,ma è stato troppo bello ,è stata una gran botta -
- hai avuto un orgasmo ,visto il cazzo che miracoli che fa? -sorrisi ,ma ancora mi godevo la scopata
- sta salendo di nuovo - feci ed un altra botta mi fece sussultare ,tremavo come un bambino mentre il mio uccello sgocciolava
nuovamente ,quasi persi l'equilibrio dal forte piacere che provavo ma rimasi saldamente in sella ,adesso era lui
che si muoveva ,con virilità rimbalzavo sul suo membro ,non capivo più nulla ,arrivò un altra scossa ,sembravo
tarantolato finché Andrea urlò
- vengo Giacomo ,vengo ! -mi tirai su e mi precipitai a suggerlo ricevendo il primo schizzo in faccia ,il resto mi inondò
la bocca ,adesso era piena del suo seme ,mi tirai su e gli feci vedere la sborra che galleggiava ,mi tirò a se e mi
baciò unendo i nostri umori ,poi deglutii tutto .
scritto il
2024-05-29
2 . 4 K
visite
3
voti
valutazione
5.3
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.