Papà viene a trovarmi

di
genere
incesti

Il mio bellissimo papà verrà a trovarmi, sente la mia mancanza, mi pensa e aveva bisogno di vedermi.
Pure io ho sentito la sua mancanza, e l'ho pensato... l'ho pensato ogni volta che mi toccavo nel mio letto, l'ho pensato mentre scopavo, l'ho pensato mentre il mio bel vibratore mi penetrava.
Potrei iniziare da quello, lasciarlo in bella vista nel comò, aprirà il cassetto e 'surprise'.. magari ti beccassi a leccarlo, per sentire gli umori di tua figlia... Sarei nuda in questo scenario ovviamente, con una vestaglia aperta, calda, pronta.. Lo rimprovererei.. perchè non assaggi direttamente dalla fonte papà?
Dormiremo assieme e questo lo farò davvero, non indosserò intimo sotto il pigiama, non un grande atto di coraggio, non è come dormire nuda o farmi la doccia con la porta del bagno aperta, ma è un un inizio. Quanto sarebbe bello svegliarsi con la bocca tappata mugugliando 'papi che fai'...
Oppure il grande sogno.. Io che gli confesso che giro sempre nuda per casa e lui appoggia subito l'idea
'Che bello essere liberi'
E stiamo assieme io e papi, e stiamo vicini, e ci coccoliamo, e io mi siedo sulle sua gambe e ci scambiamo bacetti, perché tra papà e figlia c'è un legame unico, e anche se il suo cazzo si fa duro rido dicendo che lo reputo un complimento e che è normale, e altri bacetti, e il suo cazzo sfiora le mie labbra ma ci diciamo che è normale, poi lui mi ripete quanto sono bella e arrossisco, lui mi sente calda ed è normale, lui è così attraente..
Ho voglia di starti più vicino, andiamo sul divano o anche sul letto, abbracciamoci, non importa se i nostri sessi si sfiorano ancora, baciamoci, come non faranno mai un papà ed una figlia, ma va bhe, struscialo ancora e baciamoci, stavolta per davvero però. La punta del tuo cazzo sta per entrare ma ti fermi, è sbagliato mi dici.
Ecco perché sei speciale papà.
Ti dico che hai ragione, ma noi ci amiamo, restiamo così papi, in questo stupendo limbo. Altri baci mentre le tue mani stringono il mio culetto e le mie su godono le tue spalle.
'Non possiamo papi'ti dico io 'ma non possiamo nemmeno staccarci, entra solo una volta dentro di me, solo una, e poi ci stacchiamo'
Vedo la paura nei tuoi occhi ma il tuo desiderio è più forte
Il cazzo che mi ha dato la vita entra dentro di me. Sono in estasi, mi stringo a te e ti bacio. Mi muovo io. Tremo mentre salgo e scendo.
'Dobbiamo staccarci mi dici'
'Stai dentro di me ancora un poco papi'
'Se starò ancora un po non vorrò mai più staccami da te'
Sorrido e ti bacio
Tu inizi a muoverti, abbassi il bacino ma poi lo rialzi. Hai deciso. Hai scelto me per sempre. Ci baciamo mentre facciamo l'amore, mentre assaggi il frutto proibito. Completa l'atto papà, non fermarti, sempre più forte, sempre più veloce, stringimi i seni, amami e sculacciami, vienimi dentro. Voglio il tuo seme papà, lo desidero. Urlo. Rido.
Apro gli occhi. Sono sola. Rimango distesa un minuto, in estasi, vibrante.
Rimetto il vibratore nel comò. Ik cellulare si illumina, mi arriva un suo messaggio
'È come ti dicevo, l'aereo parte alle 12:45 e arrivo alle 14:15'

Che bello, tra due settimane viene a trovarmi papà e sono troppo contenta
scritto il
2024-05-04
5 . 6 K
visite
1
voti
valutazione
6
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.