Vacanza con mia suocera

di
genere
etero



Erano i primi di giugno ed ero in procinto di passare 10 giorni tranquillo in ferie dal lavoro senza far nulla con bambini a scuola e moglie al lavoro tutto il giorno.
Neanche il tempo di iniziare ed ecco subito che si presenta un problema!
I miei suoceri avevano prenotato 1 settimana una casa al mare ma mio suocero non poteva più partire e mia moglie a cena ebbe la bella idea davanti alla madre:
“ perché non vai tu al mare con mia mamma ? Tanto che fai qui a casa tutto solo? Almeno la fai contenta e ti fai un po’ di mare!”
Accettai non proprio di buon grado ma accettai.
Premetto, mi suocera mi ha sempre arrapato, é una bella donna con un bel culo e delle belle tette sode ma non mi ha mai dato l’aria della Troia anzi è sempre stata una che la domenica va in chiesa e tutte queste menate qui.
Arrivati nella casa ovviamente c’è solo il letto matrimoniale, dopo un primo momento di imbarazzo da parte sua le dico:
“ se preferisci mi metto sul divano a dormire”
“Ma no non preoccuparti “ replica
“Potrò dire alle mie amiche di aver condiviso il letto con un bel ragazzo come te”
Primo giorno al mare ci siamo piazzati in spiaggia per l’intera giornata, abbiamo chiacchierato del più e del meno e fatto una passeggiata fino al faro.
Tornati in appartamento dopo essersi fatta la doccia viene in camera da letto e mi chiede se posso mettergli la crema dopo sole sulla schiena.
La faccio sdraiare a pancia in giù e inizio a sparlargli la crema.
Non c’era malizia in quello che stavo facendo per me era una cosa del tutto normale fino a quando non mi chiede di mettergli un po’ di crema anche sulle gambe.
Inizio a massaggiargli le gambe e tutto ad un tratto mi inizio ad eccitare, tra me e me penso “ ora provo a sfiorargli la fica e vediamo cosa fa “
Ma pensando di rovinare tutta la mia esistenza con delle conseguenze inimmaginabili per il mio matrimonio demordo e mi limito a spalmare la crema.
Dopo un buon quarto d’ora finisco, mia suocera si gira con tutti i capelli arruffati mi guarda dritto negli occhi
“ certo che sei bravo a fare i massaggi, mi sa che questa settimana te ne chiederò ancora “
Si alza, prende dal cassetto qualcosa e va in bagno.
Io ancora in boxer con il cazzo barzotto mi vesto e aspetto che sia pronta per uscire, saremmo andati a cena fuori quella sera.
Dopo 5 minuti torna in camera si veste ed è pronta per uscire.
Noto che però ha cambiato le mutante,la cosa mi incuriosisce e prima di uscire faccio finta di dover andare in bagno e dentro una busta con i panni sporchi ci sono le mutandine che indossava prima, le prendo e di istinto le annuso e al tatto le sento tutte bagnate.
“ che gran Troia, si è eccitata” penso

Cena in un ristorante sul mare, abbiamo mangiato ma soprattutto bevuto un bel po’ e bicchiere dopo bicchiere arriva il momento del conto.
Alla cassa insiste che vuole pagare , inizia una piccola discussione e il proprietario ad un certo punto esclama
“ signora, in una coppia é l’uomo che paga”

Usciti dal ristorante Le dico
“ ci ha presi per una coppia Paola, ci ha preso per fidanzati “
“Ma se sono più vecchia di te, stava scherzando”
“No no pensa che quando sono uscito mi ha detto “ complimenti per la sua signora”
“ tu non staresti mai con una vecchia come me”( 57 anni)
“Tu dici? Non ti sottovalutare mia cara, sei una bellissima donna e molto attraente e se non fossi stata mia suocera il massaggio oggi sarebbe finito diversamente “ l’amo era stato buttato
L’alcol aveva fatto effetto su entrambi, non avevamo più freni inibitori…
“ ah si e come sarebbe finito?”
“Avrei diciamo perso il controllo e sarebbe finito come quelli che facevo a tua figlia “
“Facevi? Perché non gliene fai più?”
“ ormai tua figlia non ha tempo per queste cose,Pensa solo al lavoro”
“ anche tuo suocero pensa solo al lavoro ormai da anni”
Nel frattempo eravamo arrivati a casa.
“ mi fumo una sigaretta in balcone Le dico”
Lei va il bagno e quando torna arriva con addosso un baby-doll veramente molto sexy
Io ero appoggiato alla ringhiera a torso nudo dal caldo e con addosso solo i jeans
“ wow che sexy che sei! Così però mi fai girare la testa! Guarda che ho bevuto un po’ stasera e non riesco a controllarmi “
“ mica hai bevuto solo tu”
E intanto si avvicina fino a starmi davanti viso a viso.
Ci guardiamo fissi negli occhi e neanche il tempo di realizzare cosa stesse accadendo mi tira giù la lampo dei jeans,mi abbassa i boxer e prende il mio cazzo in mano iniziando una sega lenta. La mano va su e giù su tutta la lunghezza del cazzo e la cappella è tutta bagnata.
“Ora capisco perché quando ti scopavi mia figlia a casa mia lo scorso inverno urlava! Hai un cazzo enorme!
“Sai da quanto non scopo io? Sono anni che non mi scopa quel coglione di tuo suocero,anni!!! Vado avanti a masturbarmi da sola e quando vi sento scopare tu e mia figlia mi eccito da morire” ( abitiamo in una villetta bifamiliare)
Si mette in ginocchio e inizia a farmi un pompino, si fa arrivare il cazzo fino in gola, mi prende le palle gonfie di sborra e le massaggia e intanto si fa scopare la bocca.
Poi si alza mi prende per mano e mi accompagna in camera da letto.
Si mette a pecora, non ha più inibizioni, mi supplica di scoparla
“ ti prego scopami, mettimelo dentro é da troppo tempo che non scopo, ho voglia di godere sono tutta bagnata, sto sgocciolando da stasera a cena”
Mi tolgo pantaloni e boxer, appoggio la cappella sulla fica fradicia, voglio andare piano per farglielo assaporare bene ma il suo istinto da Troia fa di meglio e indietreggia di colpo infilandoselo dentro tutto d’un colpo.
“Aaaahhhh siiiiiii”
Inizio allora a pomparla, ho capito che vuole essere scopata forte
“ oh Dio siiiiii che bello siiiii, scopami scopamiiiiii siiiiiiiii più forte, più forte siiiiii oh Dio oh Dio vengo vengo vengooooooooo siiiiiiiii aaaaaahhhhh vengoooooo siiiiiiii!!!!!”
Continuo a scoparla per un po’ e quando tolgo il cazzo dalla sua fica ha le cosce completamente bagnate, sgocciola sulle lenzuola.
Si gira di colpo,io in piedi lei seduta sul letto mi prende il cazzo in mano e inizia una sega.
“ voglio che mi sborri addosso dappertutto, voglio sentire il sapore che ha la tua sborra”
Ma io non ero ancora sazio, dopo qualche momento la prendo e la sdraio sul letto le allargo le gambe e inizio a sbattergli il cazzo sul clitoride, glielo schiaffeggio con la cappella e alterno pompate nella fica
“ così mi fai godere un’altra volta, che porco che sei! Lo sai che sei un vero porco ? Lo sai vero?”
E di nuovo inonda le coperte godendo come una pazza
“Dio mio siiiiiii vengo ancora, si si siiiiiiiii scopami cosi bravo si vengooooooooo vengoooooo oh Dio godo siiiiiii siiiiii “
Tolgo il cazzo dalla fica, la
Prendo per un braccio la tiro su e masturbandomi la sborra calda gli inonda le tette e la faccia per poi finire in bocca.
“Allora ti piace il sapore?”
Non risponde a parole ma con i fatti leccando tutta la cappella con la lingua.
Ci addormentiamo sfiniti e il giorno dopo…
Segue




di
scritto il
2024-04-09
7 . 3 K
visite
7
voti
valutazione
4.3
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.