Erotici Racconti

Mia madre su internet 3

Scritto da , il 2013-02-16, genere incesti

Quella manciata di secondi che trascorsero tra il trillo del campanello e la porta che si aprì, mi sembrarono una eternità. Poi l’uscio fu finalmente aperto e mi trovai davanti mia madre che si era preparata per l’occasione nella maniera più provocante che potesse. Indossava una vestaglietta di raso trasparente di colore nero che teneva aperta sul davanti per mostrare il corpo abbondante reso ancora più eccitante dalla biancheria sexy anch’essa nera: reggiseno a balconcino che teneva sollevate le enormi tette e lasciava scoperta la parte superiore delle areole; perizoma ridottissimo e calze con reggicalze. Trucco pesante sugli occhi e rossetto rosso fuoco. Nel vedermi fu sorpresa e istintivamente si chiuse la vestaglia. Non aveva ancora capito il motivo della mia presenza, e con espressione imbarazzata e stupita mi chiese cosa ci facessi lì. Risposi “come ci faccio, non avevamo un appuntamento?”. Solo a quel punto mise a fuoco la situazione, e dopo un attimo di titubanza, scoppiò in una fragorosa risata e disse “allora sei tu quell’Antonio?? Ma come ti è venuto in mente di tirarmi uno scherzetto simile??” Continuando a ridere richiuse la porta e si sedette sul divano, mi accomodai accanto a lei e risposi “veramente non è uno scherzetto, cercavo una bella signora disponibile e pare l’abbia trovata”. Al che facendosi più seria, ma mantenendo un sorrisetto stampato sul viso, chiese ancora “ah sì? E adesso che intenzioni hai?”. “Beh, vorrei fare quello per cui sono stato invitato”. “E vorresti farlo con me? Con tua madre? – e aggiunse – allora quei discorsi che mi hai fatto sui desideri dei ragazzi verso le proprie mamme erano riferiti ai tuoi desideri?”. Mi limitai ad un “esattamente”. Ormai avevo il cazzo che sembrava stesse per scoppiare ed evidentemente anche lei era in preda ad una incontrollabile eccitazione, così si accosto a me e mettendo la mano sulla mia patta mi sussurrò “sarà un nostro segreto”. A quel punto le parole lasciarono spazio ai fatti. Ci baciamo in bocca con le lingue mentre lei armeggiando sulla patta me lo tirò fuori facendolo svettare in tutta la sua maestosa erezione. Lo afferrò saldamente e si chinò leccando la cappella gonfia, poi succhiò il glande stesso e lo prese tutto in bocca dando vita ad un appassionato pompino. Lo succhiava andando su e giù con la testa senza smettere di farmi sentire la lingua, se lo faceva arrivare fino in gola per poi tornare ad accorgere la cappella con le labbra. Ero troppo eccitato e la situazione era troppo forte per poter resistere a lungo, sentii montare un irrefrenabile orgasmo, le afferrai la testa tra le mani e le scaricai in bocca tutto il mio piacere in interminabili schizzi di sborra che lei ingoiò fino all’ultima goccia. A quel punto andammo nel suo letto e subito volli restituire il piacere orale che mi aveva appena regalato: misi la testa tra le sue cosce e le leccai per bene la fica portandola ad avere due orgasmi. Il cazzo era di nuovo duro come il ferro, montai sul suo corpo abbondante, tra le sue cosce aperte e finalmente la penetrai. Restai qualche istante immobile, completamente immerso in lei per farglielo sentire tutto e assaporare quel momento, poi cominciai a farle scorre il cazzo duro avanti e indietro. Mentre la scopavo continuavo ad infilarle la lingua in bocca e a riempirmi le mani con la sua carne abbondante. Cambiammo posizione e lei si mise su di me. Avevo le sue tettone che danzavano sul mio viso, così potevo dedicarmi a palpeggiarle, baciarle e succhiare i capezzoli, senza trascurare di stringere le sue grosse chiappe. Lei venne ripetute volte, fin quando anch’io mi lasciai andare e sborrai nel suo ventre facendola fremere e sobbalzare in un ultimo travolgente orgasmo. Si accasciò su di me senza sfilarsi, sentivo tutto il suo corpo carnoso e abbondante sul mio e le tettone sul torace. Avevo appena infranto il tabù dei tabù, avevo scopato mia madre e le avevo sborrato dentro, e non avevo mai goduto tanto in vita mia. Quando finalmente si sfilò, ci mettemmo uno accanto all’atra continuando a toccarsi, baciarci e dirci quanto eravamo depravati. Ma il sentirci depravati ed incestuosi non ci turbava affatto, anzi ci eccitava. Con l’aiuto delle sue esperti mani, il cazzo mi tornò duro, e le dissi che volevo dar seguito alle promesse fatte su internet. Mia madre capì a volo le mie intenzioni e si mise a pecora dandomi il culo. Come le avevo promesso glielo leccai per bene infilando la lingua nello sfintere. Poi appoggiai la cappella al buchetto sfondato dai tanti cazzi che aveva accolto in precedenza, e guardai il mio arnese sparire completamente tra le sue chiappone. Avendo già goduto due volte, fu una lunghissima inculata. Mentre la sodomizzavo e continuavamo a dirci le frasi più oscene, le mungevo le tette che in quella posizione sembravano ancora più grosse, le infilavo le dita nella fica e le stringevo quella pancia prominente che tanto mi eccitava. Dopo una lunga inculata sborrai ancora inondandole le viscere. Finalmente esausto e appagato restai a dormire nel suo letto. Da allora vivo stabilmente con lei e non ha più bisogno di trovarsi occasionali amanti. Ne ha uno fisso che lo appaga: suo foglio.

Questo racconto di è stato letto 1 0 5 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.