La nonna acquisita

Scritto da , il 2022-11-16, genere incesti

La nonna acquisita
Avevo 16 anni quando mia mamma una donna bellissima si innamorò di un altro uomo e ci abbandonò, io frequentavo ancora le superiori, comunque rimanere e vivere con papà a me andava bene, ah mi presento sono gianluca, mio padre e' ricco e viviamo in una villa con piscina.
Iniziai a frequentare l'università, economia per affiancaro nel lavoro, poi lui si innamorò della giovane segretaria, lui 50 e lei 25, dopo poco si sposarono e lei e la madre vennero a vivere con noi, la villa era grande e non c'erano problemi, quindi lei divenne la mia matrigna e la mamma mia nonna acquisita, erano due splendide donne, alte, bionde, era estate e stavano sempre in piscina, con i loro bikini microscopici, io studiavo e mi tiravo molte seghe pensando a loro, il mio cazzo era davvero grosso.
Un giorno mia suocera mi chiede se potevo andare in camera sua per attaccare dei quadri, mi recai da lei, bussai e lei mi disse di entrare, era in mutandine e reggiseno, di pizzo, trasparenti e vedevo i suoi capezzoloni rigidi, avevo il cazzo duro, mi misi ad appendere i quadri, lei sul letto si girava, mi faceva vedere il suo culo, ah che caldo e tu gianluca non hai caldo, avevo caldo e stavo sudando, a un certo punto finito il lavoro le dico posso fare una doccia e vado in bagno, mi spoglio nudo con il cazzo in tiro, si apre la porta, scusa gianluca e rimane impietrita a guardare il mio cazzo lungo e grosso,
mi guarda, rossa in viso e non parla, io mi avvicino, la giro, la faccio appoggiare al lavandino, le tolgo le mutande, passo una mano ha la figa fradicia, la faccio chinare e poi a pecora le infilo il cazzo nella figa, ahh che grosso, sa dire solo quello, la prendo per i fianchi e inizio a scoparla con forza, lei gode e continua a godere, la scopo per bene, la faccio venire così tanto che il suo succo cola sulle sue gambe e poi le sborro dentro, wow che sborrata.
Da que giorno iniziò la mia relazione con mia diciamo nonna, mio padre andava al lavoro e io mi infilavo nel suo letto, era insaziabile, a volte si impalava sul mio cazzo e andava su e giù a lungo, godeva e veniva e sentivo il suo succo che colava sulle mie palle, a volte mi spompinava anche per un'ora, io ero sdraiato e lei si dava da fare, succhiava e quando poi le sborravo in bocca ingoiava tutto senza problemi, a volte la inculavo e le sborravo nel culo, insomma a un certo punto comprai delle pastiglie eccitanti perchè due sborrate al giorno con lei non era sostenibile, poi abituandomi alla figa anche io avevo sempre voglia.
Solo che la figlia iniziò a sopsettare qualcosa, e un giorno lei mi disse che messa alle strette aveva confessato la nostra relazione alla figlia, solo che la figlia non si era scandalizzata ma che anzi avrebbe voluto scopare con me.
Una mattina dopo che mio padre era andao al lavoro vado dalla nonna e trovo anche la mia matrigna, sono nude e si stanno baciando, sai Gianluca non ti scandalizzare ma io e mia mamma sesso ci divertiamo a letto, urca il mio cazzo era già pronto, inizio a scoparmi la mamma ovvero mia nonna acquisita, la metto a pecora e la scopo mentre lei lecca la figa della figlia, poi la figlia inizia una sessantanove con lei, ahhh mamma quanto vieni le dice e lei e' il cazzone di gianluca, si succhiano la figa a vicenda poi io troppo eccitato sborro nella figa e la figlia lecca la mia sborra che cola, che scena, meglio dei film porno che vedevo prima.
Poi mi sdraio e mamma e figlia mi leccano e puliscono bene il cazzo che torna subito duro, la figlia si sdraia e allarga le gambe, dai scopami e io infilo il cazzone e inizio a scoparla, mentre la mamma mette la figa in faccia alla figlia, la mamma se ne sta venendo e la figlia beve e gode sotto i colpi del mio cazzo, la mia cappella e' enorme e rossa, entra ed esce dalla figa e lei sta venendo ahh che cazzo ahhh come vengo, la sento bagnatissima, la mamma e' venuta ancora e si sdraia, io prendo la figlia e la metto a pecora, poi dopo averla scopata e fatta venire davvero tanto, le puntai l'ano, lei non voleva, ma la presi per i fianchi e spinsi, dopo un pò il cazzo iniziò a entrare, che culo stretto, lo infilai tutto, le faceva male, dopo pochi colpi la innaffiai, ah che sborrata in quel culo strettissimo.
La mattina dopo presi una pastiglia eccitante e dopo avere innaffiato la figa della mamma innaffiai anche la figa della figlia, le tirai su le gambe e dopo averla fatta godere le sborrai dentro, il cazzo era sempre duro e poi la inculai nel suo culetto.
Gianluca ho la tua sborra dappertutto mi disse ridendo, mi hai riempita proprio bene, papà nn sospettava nulla, io alla fine inculai anche la mamma, erano due porche grandissime, non erano mai sazie, la mia matrigna a volte scopava anche con papà che era il marito, ma diceva che lui era sempre stanco e che ero io il suo preferito, che il mio cazzo era superbo, insomma tutto andava per il meglio, ma una mattina le trovai che vomitavano, poi fecero il test di gravidanza, erano incinta tutte e due e i figli potevano essere tutti e due miei, che casino, un figlio poteva essere il mio fratellastro, e l'altro il figlio di mia nonna e quindi mio zio, non sapevamo che fare, ma il destino ci venne in aiuto, mio padre morì in un incidente d'auto e io presi le redini dell'azienda e rimanemmo tutti a vivere insieme, d'altronde due donne così impossibile trovarne e io mi faccio tante belle scopate con tutte e due.

Questo racconto di è stato letto 1 4 3 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.