Il collega più giovane

Scritto da , il 2022-06-17, genere tradimenti

Sono Mary, una bella 36 enne sposata da 10 anni. Ho due figli ed un marito di 50 anni.
Mio marito è sempre assente, i bimbi vanno a scuola e così ho trovato lavoro in un ufficio come segretaria.
Ho un collega, Teo di 24 anni.
Dal primo giorno in cui sono arrivata mi guarda e ci prova con me.
Grazie al mio fisico in effetti sembriamo coetanei.
Teo è molto simpatico e premuroso, alla cena aziendale di Natale siamo stati accanto tutta sera e, dopo cena mi sono ritrovata in macchina con lui.
Eravamo soli, i nostri colleghi su un’altra auto. Così dopo cena c’è stato un bacio con la lingua.
In realtà c’è stato un po’ di più di un bacio. Mentre mi baciava, ho messo la mano sul suo pacco e sono andata giù, prendendogli in bocca il cazzo e facendolo godere schizzandomi in bocca.
Da quel giorno, per me Teo è una droga.
Ogni pausa pranzo la passiamo in camporella nella zona industriale. Abbiamo trovato una fabbrica dismessa, con l’ufficio arredato. Ogni cazzo di giorno alle 12 usciamo dall’ufficio, è poco dopo siamo dentro a questo capannone. Teo tira fuori il cazzo e mi scopa, come se fossi una donna di strada. Ogni giorno poi ci ricomponiamo e torniamo al lavoro. Alla sera torno a casa da mio marito che neanche mi guarda e non vedo l’ora che arrivi il nuovo giorno.
Domenica scorsa, mio marito è andato da sua madre con i bambini. Io avevo voglia di cazzo.
Chiamo Teo e mi raggiunge a casa. Mi ha scopata nel letto. Ero a pecora, mi teneva dai capelli e continuava a fottermi forte. Sono venuta è così anche lui sborrandomi le chiappe. L’ho allontanato da casa e poco dopo è arrivato mio marito. Avevo ancora la sborra colante…

Questo racconto di è stato letto 8 8 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.