Il mio capo mi scoprì. Cap.15

Scritto da , il 2022-06-14, genere trans

Uscii dal bagno rifeci tutto il ristorante dirigendomi verso il tavolo, sentivo gli sguardi delle donne e gli sguardi delle donne. Incrociai lo sguardo di Francesca e lei sorrise, ed io feci la stessa cosa con uno sguardo di intesa.
Mi sedetti
Lui : “Ti aspettavo cosa hai fatto in bagno”
Io : “Nulla mi sono risistemata un po’ ed ho fatto un bellissimo incontro”
Lui : “Chi hai incontrato?”
Io : “Forse la conosci, Francesca”
Lui : “A Francesca si ho capito”
Io : “Mi ha detto che l’hai scopata vero?”
Lui : “Si, l’ho scopata un po’ di tempo fa prima che scoprissi te, sei gelosa?”
Io : “Forse, può darsi”
Lui : “Ora sei anche gelosa?”
Io : “Forse, ti dispiace?”
Lui : “No forse mi piace un po’, cosa ti ha detto Francesca?”
Io : “Cose di donne, sai il bagno è il nostro mondo, pettegolezzi e non solo”
Lui : “Capito ti ha già istruito la troia”
Io : “E se fosse ti dispiace”
Lui: “No anzi mi piace che inizia a tenermi testa mi fa arrapare di più”
Io: “Grazie, bene che ne dici se ce ne andiamo inizio ad essere stanca”
Lui : “Si andiamo”
Ci alzammo io davanti e lui dietro andammo verso l’uscita, lui salutò diverse persone. All’ingresso Aldo ci aspettava, lui pago mentre Aldo mi dava le mie cose.
Aldo : “Signora Katia è stato un piacere conoscerla”
Io : “Il piacere è stato mio, spero di rivederla presto”
Lui :”Si lo spero, buna serata commendatore”
Aprii la porta e ci dirigemmo verso la macchina, sentito l’aria fresca che salita sulle mie gambe. Mi aprii la portiera io salii e mi sistemai, Sali anche lui accesa e ci dirigemmo verso casa.
Uscimmo dal vialetto.
Lui : “Grazie per la serata è stata bellissima”
Io : “Grazie a lei è stata veramente bella”
Sentii la sua mano poggiarsi sulle mie gambe, sentii la sua mano scivolare sotto la sua gonna, ma per la prima volta non mi irrigedii anzi mi piaceva, la sua mano si fermo all’interno sulla balza del reggicalze, appoggiai la mia mano da sopra la gonna sulla sua allargai appena le gambe e la portai verso il mio ventre la volevo sentire.
Lui mi guardo e disse
Lui : “Mmmmmmm allora sei proprio una troietta, Francesca ti ha proprio insegnato bene”
Io lo guardai e dissi
Io :”E già forse hai ragione”

commenti jyqpal@hotmail.it

Questo racconto di è stato letto 2 0 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.