Il mio capo mi scoprì. Cap.14

Scritto da , il 2022-06-07, genere trans

Aprii la porta del bagno ed entrai, sentivo lo sguardo di Aldo sul mio corpo, sentivo i suoi occhi che mi stavano spogliando, si era una sensazione unica fatta di eccitazione, paura, desiderio di sentirmi femmina, sentirmi troia, essere desiderata.
Chiusi la porta alle mie spalle.
Il bagno era immenso con tre specchi rotondi e sotto 3 lavandini, al fianco di ogni specchio c'erano 3 mensole dove stavano diverse spazzole chiuse nelle buste, phone, piastra e sotto una serie di bottigliette di profumi famosi.
Mi diressi dal lato opposto dove c'erano 3 porte dei sanitari.
Ne aprii una, la chiusi alle spalle, alzai la gonna, abbassai le mutandine e mi misi a sedere.
Per la prima volta potevo fare la pipi come una vera signora.
Fu fantastico ero in estasi, non feci caso neanche entrare un'altra signora.
Finito, presi mi pulii per bene poi alzai le mutandine, risistemai per bene le calze ed il reggicalze e poi abbassai la gonna.
Tirai lo sciacquone ed uscii.
Mi diressi verso uno specchio aprii l'acqua e lavai le mani.
Alzai lo sguardo e mi sentivo veramente ma veramente troia. Mi asciugai e presi guardai le boccettine di profumo avevo voglia di provarne uno.
Sentii aprire la porta di un bagno ed usci una splendida ragazza avrà avuto circa 30 anni un fisico stupendo, due gambe chilometriche su due tacchi a spillo da 13, gonna a portafoglio sopra il ginocchio, sopra una maglietta attillatissima a V dove si potevano vedere una bella 3 piena.
Capelli castani lunghi fino alle spalle occhi verdi e labbra carnose.
Lei : "Ciao sono Francesca, la moglie dell'Ing.XXXXX. Tu sei la nuova fiamma del commendatore. Vedo che ha sempre bei gusti"
Io abbassai lo sguardo e dissi solo.
Io : "Grazie grazie, non sono proprio la sua fiamma sono la sua segretaria"
Lei : "Sei anche timida, però dai di la verità trà donne possiamo essere sincere, ti scopa ogni tanto vero? Tanto lo sanno tutti che è un porco"
Io : "Si..... No.....Ossia..... Io......."
Lei : "Si che è un porco e che ti scopa? Vedi avevo ragione, e poi sei diventata un pò rosso e poi dai alcuni anni fà prima di conoscere il cornuto di mio marito ha scopato anche me. Alla fine a noi che ci interessa basta che ci scopano ogni tanto e che ci fanno fare la bella vita giusto?"
Io : "Si......bè forse si......"
Lei : "Sai ti ho visto e mi sei stata subito simpatica perchè tu sei diversa rispetto a tutte quelle che ho visto. Vuoi diventare mia amica?"
Io : "Si....Ma no so.....Be....."
Lei : "Ok, decido io, si tanto secondo me ci rivedremo presto qui. Ora fammi sistemare un pò non vorrei che il cornuto poi rompa le s**tole."
Aprii la gonna anche lei indossava autoreggenti, era stupenda la fissai, credo che lei se ne accorse, si sistemo le mutandine e poi entrambe le calze, chiuse la gonna.
Lei : "Ciao, questo è il mio numero di cellulare, fatti sentire capito? Ancora non mi hai detto il tuo nome. Come ti chiami?"
Io : "Katia piace"
Lei : "Piacere Katia, il piacere a tutto mio e mi diede un bacio sulla guancia ed uscii.
Rimasi di sasso però ero felice chi sà forse Francesca mi avrebbe aperto nuovi orizzonti.
Mi risistemai e anche io uscii per tornare dal mio commendatore.

jyqpal@hotmail.it

Questo racconto di è stato letto 2 3 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.