Il mio capo mi scoprì. Cap.13

Scritto da , il 2022-05-29, genere trans

Sentii un turbamento ed un’eccitazione sapendo che ero desiderata.
Lui : “Ti eccita vero essere desiderata troietta”
Io : “No…. Si…. Si….. Be diciamo…”
Lui : “Be diciamo cosa lo sai che ti eccita troietta dillo”
Io : “Si lo ammetto mi eccita sapere che mi vedono come una donna e che si eccitano”
Lui :”Io penso che anche Aldo il cameriere vorrebbe scoparti per bene, come il mio amico Franco vorrebbe che andassi nel suo studio per farti una bella visita magari molto particolare. Avresti voglia troietta?”
Io : “No…. No …. Ci sarebbero altre donne e magari anche le sue assistenti che figura farei”
Lui : “Mmmmm secondo me hai una voglia pazza, ed io non sbaglio mai”
Arrivò Aldo con gli antipasti, prima servendo me
Aldo :”Prego signora Katia il suo antipasto”
Con un filo di voce dissi
Io : “Grazie”
Aldo :” Prego signore il suo, e buona cena per qualsiasi cosa sono sempre a vostra disposizione chiamatemi pure è un piacere”
Mentre si girò mi guardò dritto negli occhi e mi fece una smorfia.
Feci finta di nulla ed iniziai a mangiare, mentre nella mia mente balenava l’idea della visita ginecologica.
Mangiammo l’antipasto, poi Aldo portò il secondo avevamo deciso di saltare il primo e mangiammo conversando piacevolmente effettivamente devo dire che poteva essere anche interessante, ogni tanto sentivo la sua mano sulla mia gamba risalire e fermarsi all’attaccatura delle autoreggenti e questo mi stava facendo impazzire ed eccitare da morire.
Mentre mangiavo cercavo di vedere anche gli altri commensali per capire cosa dicevo o cosa avrebbero detto e pensato di noi due ma credo che il pensiero predominante era che io ero la classica segretaria troia che si chiava il suo padrone per far carriera o per poterlo incastrare per farsi mantenere a vita.
Arrivò anche il dolce e posso affermare che la cena fu veramente ottima.
Aldo : “Signori volete qualcos’altro un caffè o un amaro”
Lui : “No Aldo grazie nulla, non so la mia splendida Katia”
Aldo : “Signora Katia desidera qualcos’altro?”
Sapevo la domanda provocatoria però volevo giocare un po’
Io :”No grazie, l’unica cosa il bagno vorrei darmi una rinfres**tina al trucco e darmi una sistematina”
Aldo : “Prego signora Katia le faccio strada il bagno è vicino l’ingresso”
Presi la borsetta e mi alzai e segui Aldo, cercai di sculettare il più possibile, sentivo gli sguardi degli uomini tutti su di me, passai vicino a Franco e mi fece un sorriso con un piccolo inchino mentre la moglie e le altre donne mi avrebbero ucciso, sentii una dire “Guarda la nuova troia del commendatore”
Non ci feci caso.
Aldo mi accompagno fino alla porta
Aldo : “Prego signora Katia, li ci sono i bagni a destra donne e a sinistra uomini”

jyqpal@hotmail.it

Questo racconto di è stato letto 2 0 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.