Un battito mancato

Scritto da , il 2021-09-14, genere masturbazione

Non è facile arrivarci, ma con un altro piccolo sforzo, grazie alle mie braccia che a quanto pare risultano essere più lunghe di quelle delle mie due amiche, riesco anche a cogliere la terza albicocca dal ramo più lontano.
L'albero è di passaggio, per la verità sta dentro un cortile, ma i rami che sporgono di fuori ne fanno dei suoi frutti patrimonio delle persone che ci passano vicine. Non ne sarà contento il proprietario ma questa è la dura legge della strada purtroppo.
Adele è riuscita a coglierne due, Sonia una ed io tre. Porgo a Sonia quella che ho in più e siamo tutte pari. Spartizione equa, amiche per la pelle, le tre moschettiere e via dicendo!
Addento la prima albicocca un po' giallina con la passione che provo per quel mio delizioso frutto preferito. Non mi dice niente, non è abbastanza maturo, ma lo gradisco lo stesso. Il secondo è la fine del mondo, la sua polpa arancione è più morbida e quel suo particolare gusto si sprigiona per tutto il palato provocandomi un piacere infinito che mai mi stancherò di provare. Non getto via i grossi semi, li ripongo invece sul muretto come rispetto per quella meravigliosa pianta.
Prendendo Sonia sottobraccio ci avviamo verso i locali all'aperto vicino al molo. Scherziamo su come Adele davanti a noi, sculetti sensualmente come una coniglietta di Playboy. Sentendosi così apprezzata accentua la sua camminata da sembrare ora più una che batte il marciapiede che una modella voluttuosa. Le nostre forti risate si fanno sentire per tutto il tragitto, forse aspirano anche ad arrivare fin lassù, su quello splendido cielo stellato.
Arrivate al bar centrale lascio le mie amiche per raggiungere i bagni appena dietro il locale. Stranamente ci trovo solo una ragazza dentro che davanti al grande specchio si dà un ultima aggiustatina alle tette sotto la vistosa scollatura del suo quasi microscopico vestito. Ci salutiamo mentre esce, la conosco, è una simpaticona ma pure un tantino troia. Non c'è niente di male, ognuna di noi è fatta a modo suo. E poi, se si diverte tanto meglio per lei, anzi, oserei dire “beata lei”!
Entro nella piccola toilette ancora funzionante tra le uniche due e mi chiudo la porta alle spalle. Doppia stranezza, il rotolo della carta igienica è più ricco della metà del suo contenuto, un'abbondanza eccessiva per quel posto, una cosa che fino ad ora non si era mai verificata per quanto si abbia memoria per ricordare. Di solito se ne trovano solamente pochissimi strappi, quel tanto necessario che serve per farti passare la voglia di accomodarti serenamente a produrre “roba grossa”.
Ne srotolo un bel po' avvolgendolo nella mia mano. Soddisfatta del pacchetto sollevo il tubino della gonna e me lo infilo nelle mutandine. La mia figa è bagnata da un pezzo ormai, succede sempre quando penso troppo a Michele e stasera non ho fatto altro. Mi appoggio alla parete e comincio ad accarezzarmi il grilletto, non ne posso più di ignorarlo, ho resistito abbastanza per tutto questo tempo ma adesso bisogna che faccia qualcosa. Non ho necessità di insalivarmi le dita, attingo l'acquasanta direttamente dalla fonte, e poi è piacevolmente più densa e si scivola che è una meraviglia. Con l'eccitazione aumento pure il movimento delle dita, il clitoride espande il suo piacere su tutto il corpo, non credo esistano parole per descrivere queste sensazioni come si deve, ma a chi importa conoscerle quando ti accorgi che stai per intraprendere un viaggio verso il paradiso?
Tra una strofinata e l'altra introduco le mie dita pure nella fessura ormai grondante, simulo il cazzo di Michele che purtroppo non ho mai visto (ancora) ma che spero succeda in un prossimo non lontano futuro. Faccio avanti e indietro, contraggo e rilascio le natiche a simulare la scopata, la sua cappella nella mia fantasia sfrega le mie pareti entrando e uscendo liscia liscia e accelerando, ad ogni suo movimento, provoca quello sciabordio di liquidi piacevole a sentirsi.
Ma è meglio non continuare su questa strada, cerco di riavermi dalla splendida goduria e tiro fuori il suo meraviglioso cazzo fittizio da dentro la mia figa. Dolente della rinuncia riprendo in mano il clitoride, almeno i miei fluidi saranno meno intensi e il pavimento si salverà da una bella inondazione.
L'orgasmo non tarda ad arrivare, il respiro si fa affannoso, le mie palpebre iniziano a tremolare forse incerte se chiudersi o meno, sento gli occhi rivoltarsi all'insù; il corpo si prepara all'esplosione irrigidendosi al massimo, le dita seguitando col loro movimento rapido fanno giungere la portentosa e magica protuberanza di carne ben oleata di umori all'apice del godimento. Il contraccolpo in avanti è forte, peggio che se mi avessero dato una manata tremenda sulla schiena e in quella circostanza il gemito di piacere è d'obbligo, quello viene fuori da sé del tutto naturale. Sento schizzare liquidi anche dall'uretra, per quanto tenti di trattenermi viene sempre fuori qualche spruzzatina che occasionalmente apprezzo tantissimo, ma in momenti come questo invece preferirei se ne facesse a meno. Le ginocchia hanno un cedimento stupendo che mi è sempre piaciuto sentire quando mi masturbo stando in piedi, è l'onda d'urto che mi raggiunge dovunque nel corpo; ad avercene di cedimenti del genere!
Rallento gradualmente lo sfregamento del mio amato grilletto e tuttora ansante massaggio nel contempo pure il resto di quelle soffici carni succose e ancora pulsanti adiacenti ad esso, pregne di fluidi fanno scivolare la mano meglio che se fosse insaponata, con la passera depilata non sento altro che la scorrevolezza vellutata della mia pelle e questo mi fa eccitare al massimo, ancora di più. Fantastico su come sarebbe bello che ai miei umori si unisse pure lo sperma del mio amato. Dio, quanto vorrei bere dalla sua fonte!
Mi prendo il tempo necessario per riavermi da questa faticosa ma piacevole attività, è il momento di tornare coi piedi per terra anche se a malincuore. Tiro fuori dagli slip il pacchettino di carta igienica, è una cosa pietosa a vedersi, un obbrobrio di amalgama informe, bianchiccio e pastoso, un entità che potrebbe assomigliare a qualsiasi cosa tranne che ad un rotolino di carta. Lo butto nel cesso, arriva pesantemente in fondo alla tazza appiccicandosi come colla nella ceramica vicino al bordo dell'acqua non troppo limpida per poi scivolarci dentro lentamente. Srotolo un altro po' di nuovo materiale per la mia pulizia intima riducendo l'involto quasi al suo stato originale di come l'ho sempre conosciuto e asciugo alla bell'e meglio il restante acquitrino, raggiungo pure alcuni timidi rivoletti che cercano di scendere in sordina giù nelle cosce. Esaminando le mutandine penso che le cose potevano andare peggio, bagnate ma non troppo, il tentativo di salvare il salvabile può considerarsi accettabile alla fine. Il pavimento sembra ancora asciutto, niente inondazione, perciò niente contenimento da straripamenti. Meglio così.
Preoccupata per qualche odore mi annuso le dita ma “l'aroma” sembra appena percettibile, almeno per noi donne, non so se i maschi riescano a sentirlo chiaramente meglio di noi. Ma sì, un po' di ormoni femminili non hanno mai fatto male a nessuno, vorrà dire che farò drizzare il cazzo a tutti coloro che mi staranno intorno. Una bella erezione rende vispo il carattere, è tutta salute!
Tiro lo sciacquone e il suo contenuto sparisce nello scroscio d'acqua in fondo al tubo; visto che ci siamo facciamo arrapare pure qualche ratto giù nelle fogne!
Mi ricompongo ed esco. Fuori due giovinette aspettano il loro turno concentrate sui loro smartphone, sono così prese da quegli schermi che non si sono nemmeno rese conto dei rumorosi movimenti un po' ambigui che si svolgevano oltre la soglia davanti a loro. Nessun interesse quindi per una bella ragazza che là dentro se la godeva beatamente sbrodolando come una cagna in calore. Bah, probabilmente troppo rincoglionite dalle interessantissime informazioni a cui si rendono partecipi, non si sarebbero accorte nemmeno di un bombardamento di scorreggie tipo Seconda Guerra Mondiale. La prima della fila entrando e chiudendosi la porta alle spalle non stacca mai gli occhi dal suo aggeggio, sono pronta a scommettere che non lo farà nemmeno mentre si accinge a fare i suoi bisogni; che tristezza!
Davanti al grande specchio mi do una sciacquata alle mani, il sapone liquido sembra essere di una marca scadente, il contenitore è piuttosto anonimo e dall'odore che emana non si capisce se quel “profumo” sia particolare per quel tipo di detergente o che qualche suo ingrediente all'interno sia andato a male. Una vera schifezza insomma!
Asciugandomi con delle salviette ammiro la mia immagine riflessa e ne rimango soddisfatta. Con le ragazze posso dire che col trucco abbiamo fatto un ottimo lavoro, stasera siamo davvero stupende.
Le raggiungo mentre sono intente a gustarsi dai loro bicchieri il contenuto di un color rosso vivo, essendo la prima volta che lo assaggiano sembrano così appagate dal suo gusto che convincono anche me ad ordinarne uno. Faccio per girarmi in cerca di un cameriere e davanti mi appare come una visione l'angelo dei miei sogni. Una sferzata di calore mi pervade per tutto il corpo. Non credo a ciò che vedo, il mio Michele che si avvicina diretto verso di noi. Ci saluta e ricambiamo contente di incontrarlo, io invece seguito a non capacitarmi e mi sento un po' in difficoltà a riprendermi dallo shock improvviso. Non sono il tipo di persona che va in crisi ogni qualvolta succedono avvenimenti che implicano dei seri problemi anzi, mi do da fare senza perdere minimamente il controllo, ma su come gestire le mie emozioni alle belle sorprese ho paura che dovrò lavorarci un tantino di più.
Le mie amiche mi vengono in soccorso, sanno che ho una fortissima cotta per quel ragazzo come sanno anche che è abbastanza evidente che pure lui nutre un certo interesse per me, così lo distraggono scambiandosi qualche battuta a vicenda finché non si assicurano che una volta riuscita a riappropriarmi della mia ragione mi ritengano in grado di affrontare una discussione un tantino più decente. Certa finalmente di aver raggiunto un ottimo risultato, si discostano da noi con un'eleganza degna di un maestro di bon ton, concedendoci la nostra tanto ambita intimità. Adoro quelle ragazze!
“Vi ho adocchiate lassù in Piazza Maggiore, vi stavo braccando come un segugio ma poi vi ho perse di vista. Siete letteralmente sparite nel nulla.“
"Colpa della noia“ gli rispondo rimproverandomi per non averlo notato. “C'era poco movimento e la serata stava diventando un po' moscia, così abbiamo deciso di scendere quaggiù al molo.“
“Vero, stessa cosa per me. Questo significa che se vi ho ritrovate dopotutto, il mio fiuto funziona a dovere.“
Sorrido pensando che gli ormoni sono un portento anche nelle lunghe distanze.“Ti unisci alla truppa?“ Confido in una sua risposta positiva, ultimamente lo si vede poco in giro, abitando in un paesino a qualche chilometro di distanza non sempre viene qui in città. Ed io ho bisogno di vederlo, ho bisogno della sua presenza, della sua bellezza, delle sue frasi ironiche e spensierate.
“Magari; ma col mio macinino ancora in officina ho approfittato di Lorenzo per farmi dare un passaggio fino a casa, ora mi aspetta nei parcheggi. Se non torno poi domattina sarà un casino col lavoro. Tocca dipendere dagli altri ancora per un po' purtroppo.“
“Mannaggia!“ Non riesco a staccare lo sguardo dal suo bellissimo viso, mi sento come un topolino che ammaliato dagli occhi fissa il serpente davanti a se intento ad ipnotizzarlo prima di saltargli addosso. Un magnetismo letale, che potrebbe finire coll'essere mangiato vivo.
“Già... mannaggia!“
I nostri nasi sono a pochi centimetri di distanza l'uno dall'altro, quasi si toccano, abbiamo tutti e due l'impulso di baciarci, è l'istinto di due cuori innamorati, lo capirebbe chiunque ci guardasse, persino chi di cuori non ne capisce nulla. E' una cosa così ovvia, così lampante che non esistono altre vie se non quella stabilita dal fato. Un breve sorriso di imbarazzo per entrambi e lo facciamo, le nostre bocche si uniscono. Nessun'altra parola, nessun pensiero, niente quisquilie. Il magnetismo ha funzionato alla grande, addio topolino!
Di Sonia non sono certa se ne sia al corrente, ma con Adele ci siamo allenate parecchio per tentare di realizzare il bacio perfetto. Un po' da me, un po' da lei ci mettevamo di buona lena a limonare con la speranza di riuscire a carpirne i segreti e diventare brave in quel campo. Studiavamo le tecniche giuste, scartando quelle sbagliate tipo: labbra troppo dure, movimento della lingua troppo veloce o troppo infoiata, bocca troppo asciutta, alito da discarica a cielo aperto e così via. Lezioni che mi prendevano con impegno sopratutto quando ne uscivo zuppa di umori; ancora non mi capacito di come non le sia saltata addosso in molte di quelle occasioni. Conoscendola poi, sono sicura che non si sarebbe tirata indietro, in fondo si vedeva che piaceva pure a lei. Chissà che qualche volta non la si passi davvero una seratina intima tra di noi, Sonia compresa. Le tre “lesbichiere”, una per tutte e tutte per una a leccarcele a vicenda. Sarebbe magnifico!
Le stuzzicanti lezioni comunque hanno dato i suoi frutti. Le mie labbra per Michele sono morbide, i movimenti della lingua sensuali al punto giusto e la mia bocca vogliosa della sua. Come nostro primo bacio è da considerarsi di un ottimo livello. Il tocco della sua mano sulla mia guancia mi dà un brivido da farmi sciogliere tutta. Mi avvicino di più verso il suo corpo, mi accingo ad abbracciarlo, voglio sentirlo mio, voglio che mi senta sua, voglio che mi stringa forte a sé e non mi lasci più. Ma la scomoda presenza di Lorenzo nei suoi pensieri rovina tutto, deve andare, deve allontanarsi da me o si troverà nei guai domattina.
“Ci si vede domani, che dici?“
Le nostre labbra si sfiorano ancora “Dico che ci vediamo domani“ gli rispondo innamorata come non mai.
Mi sorride. “La tua mi sembra un ottima idea“ aggiunge, dandomi il merito della proposta.
Un ultimo bacio e si appresta con passo veloce verso i parcheggi. Rallenta, si volta verso di me ma seguitando a camminare piano all'indietro sempre nella stessa direzione. Ha l'espressione seria, come se avesse appena realizzato qualcosa di importante e sentisse il bisogno di mettere al corrente pure me. Mi comunica il suo pensiero, è una frase personale che riguarda me e solamente me. E' una di quelle frasi che se ascoltata da un altro potrebbe risultargli sciapa o insignificante ma che per me ha un certo valore, che ha un impatto piuttosto rilevante su quel muscolo che palpita all'impazzata dentro al mio petto. Un impatto tale da fargli perdere un tocco. Un battito che si perde nel tempo, sparisce nel nulla e nessuno si prenderà mai la briga di andare a cercare. E' una frase che resterà per sempre impressa nella mia mente per via di quel battito mancato. Sarà per sempre mia finché non avrò più un solo alito di respiro.
“L'ho sempre saputo che sapevi di albicocca!“
Gli sorrido mentre corre via, stringo le braccia sul mio petto pensando al suo abbraccio e dentro di me grido forte alle stelle: “Quello è l'amore mio!”
Forse... sento persino luccicare i miei occhi.

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.