Il colpo della strega

di
genere
tradimenti

La vita quotidiana è grigia e ripetitiva e finisce per annoiare. Ma talvolta serba delle sorprese inaspettate, incredibili.
Sposati da tre anni, io e mia moglie Viviana abitiamo sopra l'appartamento dei miei suoceri. Io faccio l'agente di commercio e, dato che sto in macchina tutta la santa giornata, ho seri problemi di schiena. Il dottore mi ha detto che, per compensare, devo fare palestra. Ma sono alquanto pigro e il sabato preferisco passarlo a riposare a casa e a scopare con mia moglie.
Lunedì mattina, però, la schiena si è ribellata. Ero partito da casa da cinque minuti e, come sempre, mi sono fermato a prendere un caffè al motel fuori città. M, proprio al momento di scendere dalla macchina, rimango lì bloccato con la schiena irrigidita. Un dolore boia. A malapena mi sono rimesso in macchina, non riuscivo nemmeno a cambiare marcia, chiamo al telefono mia moglie che è al lavoro. Arrivato a stento sotto casa mi raggiunge mia moglie e mi aiuta a salire a casa e a mettermi a letto. Viene il dottore che mi ricorda le sue vecchie raccomandazioni, mi dice che non è niente di tragico, è il classico colpo della strega, e mi prescrive punture di cortisone mattina e sera e riposo assoluto per tre giorni.
In casa le punture le ha sempre fatte mia suocera Amalia. E, difatti, mia moglie va e torna dalla farmacia, poi chiama la madre che, come una provetta infermiera, mi trafigge le natiche. La cosa si ripete la sera, e qualche effetto benefico comincio ad avvertirlo. Spero tanto mi passi presto, perché francamente stare a letto a casa tutto il giorno mi rompe.
La mattina dopo, terza puntura. Mia suocera arriva verso le 9, mia moglie è già al lavoro da un’ora. Lei intanto prepara tutto, si avvicina a me, mi abbassa i boxer, mi disinfetta la parte e, zac!, in un attimo ritira la siringa. Brava, ineccepibile, professionale. Ricotona tutto, mentre io cerco di girarmi dopo essermi rimesso dritto, lei si avvicina e mi va a chiudere le coperte. Poi mi chiede se ho bisogno di qualcosa e, sia pure con un po’ di imbarazzo, le chiedo di passarmi il pappagallo per fare pipì.
Lei lo prende e con grande disinvoltura me lo sistema, chiedendomi ulteriormente se ho bisogno di aiuto. Arrossisco e cerco di significarle che, con un po’ di sacrificio, forse riesco a farlo da solo. Accorgendosi del mio imbarazzo, mi risponde con ironia:
"Guarda che non hai motivo di vergognarti … che pensi che in 58 anni non ne abbia mai visto uno?".
Resto un po’ imbambolato, non so cosa risponderle. Ma lei, senza attendere la mia risposta, mette






la mano sui boxer e li abbassa, impugna il mio cazzo, avvicina il pappagallo e mi dice di muovermi. Superato il momento di disagio, libero una bella pisciata liberatoria. Lei me lo strizza per bene per farmi uscire fino all'ultima goccia di urina. Poi prende della carta igienica e me lo pulisce con premura. Alla fine sospirando mi dice:
“Complimenti per l'attrezzo che hai ….”
Curiosamente non lo lascia, continua a muoverlo e, nel giro di pochi secondi, con mio grande imbarazzo, mi ridiventa duro. Lei si mette a ridere:
"Mmmmm….. si è svegliato…. vedi com’è gagliardo …."
Poi, rivolgendosi direttamente al cazzo e parlandogli come ad un bambino, gli dice:
“Poverino …. stai un po’ in croce in questi giorni …. Dimmi, hai voglia di giocare un po’?”
Allora lei si abbassa e, senza battere ciglio, se lo prende tutto in bocca. Ero esterrefatto, mi sembrava di sognare. Ma il brivido di piacere che ho avvertito è stato tanto intenso e fulminante che le sono venuto in bocca e lei ha ingoiato tutto. Poi, con la stessa naturalezza, si pulisce quel poco che è colato dal labbro, pulisce anche me, poi mi guarda sorridendo ed esclama soddisfatta:
"Hai visto il poverino come voleva giocare…."
Sorride di nuovo, poi allontanandosi mi saluta e mi fa segno che torna più tardi.
Sono rimasto a lungo confuso, incredulo. Dopo un’oretta risento la porta di casa riaprirsi, è di nuovo lei. E’ su di giri, mi chiede allegra:
“Hai bisogno di qualcosa?”
“No, grazie”, rispondo balbettando.
“Io sì”, ribatte secca.
Si avvicina a me ancheggiando, toglie via le lenzuola, mi riabbassa i boxer, si china e se lo riprende in bocca.
Ma stavolta, appena lo sente svettare imperioso, lo rilascia, si spoglia, sale sul letto e si cala sopra di me a gambe larghe. Ero immobilizzato ed impotente, non potevo che sottostare alla sua iniziativa. Si impala sul mio cazzo e con movimenti lenti inizia a scoparmi.
Debbo dire che mia suocera Amalia, a dispetto dell'età che ha, è ancora una donna piacente, con un fisico di tutto rispetto, cioè rotondo nei punti giusti e non cadente. Sinceramente non avevo mai fatto pensieri su di lei e questo suo comportamento è per me assolutamente sorprendente.
Chissà quale molla è scattata nella sua testa, e nella sua fica! Certo è che si dimena sempre più come un’ossessa facendomi ballonzolare dinanzi agli occhi i suoi bei meloni, e, tra un gemito e l’altro, mi dice che non si sente una donna da buttare e che mio suocero da tempo ha incontrato la pace dei sensi.
Dai e dai, per quanto appena un’ora prima mi avesse svuotato i coglioni con il suo bellissimo pompino, la mia resistenza non poteva essere infinita. Appena percepisce che sto per venire, accelera il suo movimento e mi dice di sborrarle dentro. Vuole sentire il mio sperma nella sua fica.
Con un grugnito le schizzo dentro tre-quattro fiotti, lei stringe le cosce per trattenere dentro il mio seme. Poi, piano piano si alza, va in bagno a farsi il bidet, ritorna da me e con la bocca me lo ripulisce.
Sorridente e pimpante si riveste e mi saluta con affetto e malizia:
“Ci vediamo stasera per la puntura … domani mattina avrai una bella sorpresa”.
Una bella sorpresa? Ancora? Quel che mi era capitato in mattinata era stato per me un piccolo, sia pur piacevolissimo, trauma. Vai a capire cosa si muove nelle voglie tardive di mia suocera?
La mattina lei arriva puntuale alle 9 per la puntura. La guardo con curiosità, la vedo più zuccherosa del solito. Si avvicina e subito si sbottona il camicione mettendo in bella vista un intimo shock che rende il suo corpo generoso ancor più arrapante. Mi sembrava, al netto dell’età, una di quelle infermiere alla Edwige Fenech, che tanto ricorrevano nei film della commedia sexy di qualche decennio fa: reggiseno ridotto che lascia traboccare le zizze, slip che ricopre solo il triangolo pubico, calze e reggicalze nere che fanno risaltare il bianco morbido delle cosce e delle chiappe.
A quella vista il mio cazzo ha una reazione repentina; lei se ne accorge e, rivolgendosi sempre a lui, gli dice:
“Calma, calma, non essere impaziente! Prima la puntura!”
Mi fa girare a pancia sotto, mi massaggia, mi disinfetta e poi scarica la siringa nel gluteo. Poi, mentre mi cotona la parte, allunga l’altra mano nel solco delle mie natiche e mi infila un dito nell’ano. Mugolo di piacere:
“Ti piace, eh?”, mi sussurra con voce intrigante.
Poi mi aiuta a rigirarmi e, una volta supino, il cazzo rimbalza e si impenna ancor più, eccitatissimo.
“Il nostro puledro scalpita stamattina …”, osserva compiaciuta e, con due mosse rapidissime, si sfila gli slip e il reggiseno.
Risale sul letto ma stavolta mi dà le spalle e si cala sul mio cazzo imbizzarrito aprendosi con le mani le chiappe. Mi dà il suo culo. Stranamente il mio spadone entra senza troppa fatica. La sensazione di piacere è indescrivibile. Mi cavalca con grande foga agitando a più non posso le chiappe, io la tengo per i fianchi ammirando la magnificenza delle sue spalle.
Stavolta sono durato di più, alla fine le ho inondato tutto il canale, nessuna goccia è colata dall’ano. Lei si è rialzata, è volata in bagno a sciacquarsi, poi è tornata da me e me l’ha nuovamente ripulito succhiandomelo golosamente. Infine si è chinata verso di me e mi ha affogato il volto tra le sue belle zinne, mettendomi in bocca prima l’uno, poi l’altro capezzolo, e sussurrandomi con amore:
“Su bambino mio, ciuccia, ciuccia il latte della mamma!”
Poi, visto che il cazzo cominciava a ridestarsi, mi ha sgridato affettuosamente:
“Ehi, a cuccia! Non esageriamo …. Ora tienilo a riposo per un po’ ….. torno più tardi!”
Si è rivestita e, sculettando come mai l’avevo vista, è uscita di casa.
Sono ancora a letto, il colpo della strega dovrebbe essere riassorbito in un altro paio di giorni. Ma per il colpo della suocera quando ci vorrà?
scritto il
2012-04-09
1 2 . 7 K
visite
0
voti
valutazione
0
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.