Culo rosso

Scritto da , il 2021-08-05, genere bondage

Ciao, mi chiamo Sara e ho 23 anni, sono alta 1.70, occhi verdi, castana, fisico normale e porto una quarta di seno, che è un pro e un contro, ma vabbeh..vi volevo raccontare di quella volta che ho scoperto il bondage/la sottomissione. Diciamo che mi hanno sempre attratto, ma erano solo pensieri, per provare quelle cose bisogna trovare il ragazzo giusto, e io ho avuto la fortuna di trovarlo.
Lavoro in una bottega che è come un supermercato, vendo di tutto, e un giorno è entrato Andrea, un ragazzo di 28 anni, biondo, altro poco più di me, un po’ fisicato, ma non palestrato. Ci siamo frequentati un periodo, siamo usciti e poi siamo finiti a letto.
Una mattina, dopo che abbiamo dormito insieme, apro instagram e vedo i post di una pagina bondage che seguo. Andrea si è accorto e ha iniziato a farmi le prime domande su quel tema e quando ha scoperto che mi attirava, è salito sopra di me bloccandomi. Ha aperto un cassetto tirando fuori un paio di manette (solo a vederle mi sono bagnata, mi eccitava la situazione) cercavo di liberarmi muovendo le gambe ma Andrea, vedendo che ci stavo riuscendo, mi ha legato anche quelle.
Un mio sogno si stava realizzando, pensai. Ha iniziato a stuzzicarmi baciandomi l’interno coscia, ero già bagnata prima, figuratevi adesso..quando stava per avvicinarsi alla mia patata, si è fermato ed è salito sul collo, ansimavo già io..poi è passato sulle tette, mi ha strizzato i capezzoli, me li ha morsi, e ci ha attaccato delle mollette. Hanno iniziato a farmi male, ma non qualcosa di insopportabile, anzi, era qualcosa di piacevole, mi sentivo sempre più una porcellina. Andrea nel frattempo prese un olio per il corpo, me lo mise sulle tette e sul suo cazzo, io non capivo più nulla..ha messo il suo coso tra le mie tette e ha iniziato una spagnola..lui godeva e io no, volevo anch’io qualcosa di più..allora ho iniziato ad urlare ma dopo poco mi ha bloccato la bocca con la ball gag e non contento mi ha infilato un vibratore nella figa a velocità media e costante. Io eccitata come non mai godevo, non avevo mai provato sensazioni così. Lui riprese con la spagnola e io sbavavo da quella ball. Ad un certo punto, sento dei fiotti caldi sul viso..era venuto. Nessuno mi aveva mai sborrato in faccia. Non contento, iniziò ad insultarmi e a schiaffeggiarmi il viso col suo cazzo. Cercavo di dirgli di smetterla ma non riuscivo.
“Adesso ti tolgo la pallina, devi ingoiare un po’, ma se urli, ti violento dopo” a quelle parole, restai scioccata e decisi di assecondare ogni sua richiesta. Mi levò la pallina e mi mise le sue mani sporche di sborra in bocca. Leccai con foga perché quella situazione mi eccitava. Il vibratore continuava a darmi scariche lungo il corpo, avevo voglia. Dopo essere venuta e aver perso il conto delle volte, Andrea mi slegò e vide che avevo lasciato un lago sulle lenzuola. Pensando di essere finalmente libera, mi prende e mi mise a 90 sulle sue gambe “dovresti chiedere perdono per questo lago lurida troietta” senza darmi il tempo di rispondergli, iniziò a tirarmi schiaffi sul culo. Lo implorai di smetterla e si fermò ma stavo cantando vittoria troppo in fretta..
“Ad ogni sculacciata dovrai dire il numero e grazie padrone” annuì e lui ricomincò, ma più forte di prima. Contavo, gli dicevo grazie, e lo pregavo di finirla. Arrivò a 20 e finalmente mi diede una tregua. Io però non ero a posto, volevo il suo cazzo dentro di me. Vedevo che era bello eccitato, e così lo spinsi sul letto, “adesso tocca a me” gli dissi, mi misi sopra di lui, mi strusciai un po’ per fargli capire la situazione, e feci sparire il suo cazzo dentro di me. Iniziai a muovermi su e giù, poi avanti e indietro..non volevo scendere dalla giostra. Era il mio momento, non mi ero mai sentita così presa ed eccitata. Continuai per un po’, ero in estasi, godevo come mai prima, mi sembra di essere in un sogno, e poco dopo infatti lui mi fece tronare coi piedi per terra..”sto per venire amore” mi disse. Gli tirai due schiaffi in faccia, non volevo finisse il tutto così, ma dopo poco sentì ingrossarsi il cazzo e riempirmi la figa. Continuai a muovermi un po’ fino a quando, contenta della mattinata, mi tolsi e andai in doccia con la figa grondante di sborra misto al mio liquido vaginale, e al culo rosso pieno di manate

Questo racconto di è stato letto 5 2 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.