Erotici Racconti

Pruriti inaspettati 2

Scritto da , il 2012-03-29, genere incesti

Quando mi svegliai mia madre si era già alzata, e mi preparai con calma cerando di immaginare il suo stato d’animo dopo quanto era accaduto tra noi nella notte. Il suo comportamento durante la giornata fu del tutto normale, anche se evitata di incrociare il suo sguardo con il mio, dimostrando un certo disagio. Al contrario io la scrutavo e la fissavo anche insistentemente, mentre lei era sfuggente. Tutta la giornata andò avanti così, finche arrivò l’ora di andare a letto e lei mi precedette dando a tutti la buona notte. Dopo circa mezz’ora entrai nella stanza, mi spogliai e mi coricai, mentre lei girata su un fianco non si mosse e non si voltò verso di me. Mi infilai sotto il lenzuolo e spensi la luce. Mia madre era immobile all’estremità del letto come a voler mantenere le distanze, ma io ero eccitatissimo e dopo un po’ mi feci coraggio e mi accostai a lei facendole sentire l’erezione sulle grosse chiappe. Sempre senza girarsi a guardarmi cercò di dissuadermi dicendo “Mario, quel che è successo ieri dobbiamo dimenticarlo. Non so cosa mi era preso. D’altronde non è la prima volta che dormiamo insieme, ma nella notte mi sono sviziatamente ritrovata a contatto con te, e…e…insomma…non so…” Senza staccarmi dal suo corpo, anzi stringendomi di più cercai di smorzare i suoi rimorsi “mamma, non devi certo vergognarti o avere rimorsi per quel che è accaduto, sei vedova da tanti anni ed è normale che ti possano venire certe voglie. Esattamente come sono venute a me. Anzi io le ho ancora”. E così dicendo le diedi un bacio sulla spalla. Lei ribattè “ma sei mio figlio…”, e io “e allora? Lo abbiamo voluto entrambi, non c’è stata forzatura e siamo belli grandi per decidere delle nostre azioni. Dai mamma, rilassati e lasciati andare”. Cominciai a baciarla sul collo e ad accarezzarle con dolcezza le enormi tette, e lei che evidentemente voleva solo essere incoraggiata mi lasciò fare. Quando sentii che si stava sciogliendo la girai verso di me, la strinsi e la baciai in bocca forzando con la lingua le sue labbra. Dopo una timida resistenza rispose al bacio e le nostre lingue si incrociarono con voluttà e passione, a quel punto andai giù con la testa, le sfilai le larghe mutande bianche, le aprii le gambe e cominciai a leccarle la fica. Mentre lappavo la sentivo mugolare di piacere, e più lei dimostrava di gradire quel trattamento più la leccavo con vigore. La sentii sussultare al raggiungimento dell’orgasmo, e solo allora salii su di lei, sul suo corpo abbondante e prosperoso, tra le sue coscione spalancate e glielo tutto dentro. In quella posizione poteva sentirlo meglio rispetto alla notte precedente, e reggendomi sulle ginocchia glielo facevo scorrere dentro. Mentre la sbattevo le baciai e leccai le guance piene, e poi le infilai la lingua in bocca. Mamma venne almeno un paio di volte e io di tanto in tanto mi bloccavo restando fermo dentro di lei per non venire. Alla fine fui sopraffatto dal crescente piacere, e aumentando il ritmo della scopata le scaricai dentro la pancia interminabili fiotti di sborra. Mi accasciai sul suo corpo restandole dentro e sentivo ancora le sue contrazioni vaginali. Restammo abbracciati, lei sotto di me e io che non avevo alcuna intenzione di sfilarmi dalla sua calda tana. Il risultato fu che di li a poco mi ritrovai di nuovo a fotterla. La stavo di nuovo scopando senza mai essere uscito da lei. Avendo già sborrato potevo gestire a mio piacimento quella seconda cavalcata, così me la faci mettere addosso e in quella posizione potevo godermi meglio le sue tette, che così penzoloni sembravano addirittura più grosse. Adesso era lei che si muoveva con il bacino dettando i ritmi nel farsi scorrere dentro il cazzo, mentre io palpavo, succhiavo e leccavo i più che generosi seni. Poi, attratto dai suoi fianchi larghi, portai lì le mie mani che accompagnavano i suoi movimenti. Afferrai le chiappone grosse e carnose e cominciai a palparle e stringerle, finchè intrufolai un dito nel buchetto posteriore. Mamma se lo lasciò infilare e allora inserii anche un secondo dito facendolo andare avanti e indietro simulando una doppia penetrazione che la fece mugolare di piacere come una troia. Ormai fuori di me mi sfilai e cercai di metterglielo nel buco del culo. Sulle prime non ci riuscii, ma poi fu lei stessa a prenderlo nella mano ed appoggiarlo sul buchetto, e così mi ritrovai con una buona metà della mazza ormai dura come l’acciaio, nel suo culo. Ma mia madre lo voleva sentire tutto dentro, così si mise alla pecorina e io standole dietro glielo infilai tutto fino alla base. Trovai il culo di mia madre già rotto, anche se abbastanza stretto, segno che era inattivo da anni e che porse poche volte lo aveva preso dietro. Come poi lei stessa mi confermò. La inculai con vigore facendo sbattere rumorosamente le palle sulle sue chiappe, e alla fine venni di nuovo sborrandole nel buco del culo. Esausti ma appaganti ci addormentammo abbracciati come due amanti….

Questo racconto di è stato letto 1 1 2 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.