La microcar incidentata

Scritto da , il 2021-06-02, genere prime esperienze

Stavo chiudendo per la pausa pranzo officina La serranda a metà entra un ragazzo gli dico stiamo chiudendo si affaccia sulla porta dell ufficio occhi rossi di pianto Salve la prego non so a chi rivolgermi mio padre se lo viene a sapere mi ammazza di botte e mi mette in castigo esco a vedere la mini car e era tutta distrutta davanti la posso pagare a rate potrei scalare venendo a pulire officina sono disposto a tutto La prego mi aiuti ...Ok per il pagamento troveremo una soluzione lo chiamo avevo sistemato il mezzo sembrava nuova gli dico di passare per le 18,30 Arrivato di corsa tutto eccitato ha visto la vettura e ha iniziato a saltare dicendo che ero stato grande super meglio delle sue aspettative la porta fuori entra e gli dico devo abbassare la serranda se no arriva sempre qualcuno all ultimo momento e possiamo uscire da dietro .Lo guardo e gli dico come pensi di pagarmi ?Adesso sono a corto non so mi dica lei ha una proposta Un idea avrei vediamo se a te sta bene .Mi accarezzo il cazzo da sopra la tuta e gli dico alzati ora girati bene puoi saldare in due volte oggi mi fai un lavoretto di bocca e la prossima volta ti giri e ti pieghi e caccio il cazzo duro lo guarda diventa rosso nooooo mi dispiace è troppo grande ho paura ho la ragazza se non vuoi debbo chiederli a tuo padre Noooooo per carità mi ammazza di botte aspetti si avvicina allunga la mano e lo accarezza lo faccio piegare e quando vuoi appoggi le labbra e lo baci lo lecchi lo succhi dai provaci vari tentativi poi si è lasciato convinceremi guardava e ho visto che si masturbava mi sono alzato in piedi e lui lo piegato a succhiare e gli ho abbassato il pantalone e lo accarezzato tremava quando passavo la mano nel solco e toccandolo davanti aveva un bel cazzo duro allora ti piace porcellino mi sono abbassato e lo succhiato ingoiandolo tutto e tremava e ansimava e mugolava e agitava le gambe per i brividi ora tocca a te ho preso il cellulare ho ripreso poi lo tirato su e lo baciato in bocca il mio cazzone tra le cosce e gli stuzzicavo il culetto era stretto come infilavo il dito si ritraeva faceva smorfie di dolore lo steso sul divano a 69 ci siamo succhiati e poi prima lui mi ha scaricato il liquido caldo mugolando e poi io gli ho detto ingoialo poi baciami era sudato e rosso mi ha detto cazzo è stato bello meglio della mia ragazza quando me lo succhia mi fa sentire i denti abbiamo riso Mi chiami tu per la prossima volta si ma non qui voglio il meglio per quel culetto ...Organizzo per trovare un posto tranquillo Fortuna che Mia Madre va per tre gg dalle sorelle al Nord Ho casa libera quando puoi anche tarda serata fammi sapere .il giorno dopo mi risponde sabato esco con la mia donna metto una scusa e la riporto a casa e vengo mandami indirizzo ciao alle 22,30 arriva ci salutiamo gli offro da bere mi chiede qualcosa di forte e mi chiede se lo avevo già fatto e con chi gli racconto quando ho iniziato a lavorare in officina il proprietario mi disse che doveva licenziare un operaio tra me e un altro e cosa ero disposto per non farmi licenziare e mi abbraccio strusciandosi e quando ho cercato di scansarlo mi ha detto domani resti a casa non me lo potevo permettere e cosi ho accettato il ragazzo si alzato è venuto sedersi sopra di me e mi ha baciato siamo andati a letto e li nudi ci siamo goduti gli messo la crema e lo voluto guardare quando lo scopavo e ci è piaciuto lo ha voluto fare due volte ho preso un miniappartamento fuori siamo maschi e dentro siamo porci

Questo racconto di è stato letto 5 2 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.