Rossella 4: il tradimento

Scritto da , il 2021-05-30, genere tradimenti

Dopo la notte nel boschetto, mi sento sempre più confusa. Mi sento in colpa per Andrea e mi sento eccitata per Ale. Ripenso spesso a una poesia di Catullo, un poeta latino che ho studiato al liceo; la poesia tradotta recita: “Odio e amo. Forse chiederai come sia possibile. Non so, ma è proprio così e mi tormento!”. Mai come ora posso capire questi versi. Amo Andrea. Lo amo per come mi fa sentire quando siamo insieme, lo amo per come mi tratta e come mi fa sentire che sono la persona più importante per lui. Lo amo per come progetta il nostro futuro insieme. E non ci sarebbe problema se non avessi dentro questo tormento. Odio Ale. Lo odio per come sono impotente quando sono con lui. Lo odio per i sensi di colpa che mi fa venire. Lo odio per come mi fa sentire un oggetto nelle sue mani, per come si comporta con Clara e per il fatto che ci sia la biondina. Odio non essere l’unica a cui presta attenzione. Odio sentire quello che sento per lui. Odio il fatto che forse amo anche lui.
Non posso immaginare quello che sta per accadere.
È passata una settimana dalla notte nel bosco e da quando Ale si è portato a casa le mie mutandine zuppe come trofeo. Non si è fatto più sentire. Odio quando sparisce così. I giorni passano e io mi alterno tra scopate classiche con Andrea e ditalini incredibili pensando ad Ale nel boschetto. Ripercorro nella mia mente ogni momento, persino quando mi ha tirato il pelo facendomi male. E incredibile, me lo tiro da sola e mi eccito sentendo quel lieve dolore. La mia mente è un turbinio di pensieri. Mi chiedo cosa sono diventata. Io che ho sempre evitato ogni genere di perversione al punto di rifiutare i pompini al ragazzo, ora mi eccito per un po’ di dolore tirandomi il pelo. Faccio fatica a riconoscermi. E penso a quello che dovrei fare; probabilmente dovrei dire tutto ad Andrea. Sì, ho deciso. Racconterò tutto al mio ragazzo.
È sabato e, dopo giorni di silenzio, ricevo un messaggio di Ale: “Stasera, stesso ristorante e stesso outfit dell’altra volta!”.
Come la volta scorsa un ordine; nessun “Ciao, come stai?”, nessun interesse. Ordini e basta. Lo odio proprio; e lo odio ancora di più perché mi ha reso il tipo di donna che obbedisce e che si fa guidare dalla propria figa. Sono furiosa, perché è bastato un suo ordine per farmi eccitare e sentire la necessità di masturbarmi immediatamente. Cosa che provvedo presto a fare. Poco dopo ricevo una telefonata da Andrea che mi chiede di passare da lui al ristorante questa sera.
C’è il rischio che venga scoperta e non vorrei che accadesse, voglio essere io a raccontare tutto ad Andrea. Rispondo ad Ale chiedendogli di fare un'altra volta, ma lui visualizza e non risponde.
Andrò e correrò il rischio.
La sera arriva in fretta e la mia agitazione non accenna a diminuire. Inizio a prepararmi. Come sabato scorso sono andata dal parrucchiere per mettermi in ordine i capelli. Ho pensato di rasarmi il pelo sulla mia fighetta, ma poi ho ripensato a come ho goduto nel sentirmelo tirare e ho desistito; se non avesse gradito, Ale mi avrebbe sicuramente ordinato di tagliarlo. Mi metto un trucco leggero. Trovo un intimo abbinato, con il reggiseno bianco in modo che la mia quarta non sia messa in evidenza da sotto il color panna della camicetta che indosso. La gonna è scura e mette in risalto il mio culetto.
Sto per arrivare quando ricevo un messaggio da Ale. “Non entrare! Vai in fondo al parcheggio e sali sulla macchina rossa!”.
Chiudo la macchina e mi dirigo dove mi ha ordinato. Mentre cammino, scrivo un messaggio ad Andrea e lo avviso che farò tardi.
Cerco l’alfa dell’altra volta, ma c’è una sola macchina rossa nel parcheggio ed è un Fiat 500L.
Siamo lontani dal ristorante e in una zona del parcheggio isolata, dove non ci sono altre auto e tanto meno lampioni. Due grossi alberi ci riparano da possibili passanti sulla strada che passa qualche metro rialzata sopra il parcheggio.
Ho il cuore che batte fortissimo.
Sono vicina alla macchina quando lui scende e si dirige verso di me. Si ferma davanti al portabagagli. Lo apre. Vedo che ha tirato giù i sedili posteriori e che ci sono delle coperte stese.
Mi fermo a un passo da lui e lo guardo negli occhi. Castani bellissimi. Mi prende per un braccio e mi tira a sé, infilandomi la lingua in bocca. Mi bacia con passione e io mi sciolgo tra le sue braccia. Ricambio il bacio. La sua mano scende sul mio seno. Lo accarezza. Mi fa impazzire. Mi slaccia la camicetta. La toglie e la appoggia in auto. Sono in reggiseno nel parcheggio e sto baciando Ale. Mi slaccia il reggiseno e me lo toglie. La mia quarta senza più il sostegno dell’indumento è preda della gravità, ma riceve il sostegno graditissimo delle sue mani che la accarezzano. Mi gira. Mi fa salire dentro il bagagliaio e lo chiude. Entra dalla portiera posteriore. E riprende a baciarmi da dove avevamo finito. La sua lingua si fa strada nella mia bocca e danza con la mia Le sue mani vanno ovunque; sui miei seni, giocando con i miei capezzoli, la destra si insinua sotto la gonna e inizia a massaggiarmi da sopra le mutandine. Io nel frattempo slaccio i bottoni della sua camicia. Ha un fisico stupendo, addominali scolpiti frutto di allenamenti intensi. Massaggio il suo petto con le mani. Sono persa. Lo desidero più di ogni altra cosa al mondo e lui se ne accorge sicuramente, data la mia figa fradicia di umori. Faccio scendere le mani lungo l’addome e accarezzo il suo membro da sopra i pantaloni. Lo voglio in me. Ormai ho la certezza che da lì a pochi momenti tradirò il mio ragazzo.
La cosa incredibile è che non proferiamo parola. Ci capiamo alla perfezione senza dover parlare. Questo diventa evidente quando Ale mi slaccia la zip della gonna e con un solo colpo abbassa gonna e mutandine, lasciandomi completamente nuda ad eccezione delle scarpe col tacco. Guarda il mio boschetto e sorride. Io slaccio i pantaloni e gli libero il cazzo. Svetta sopra di me, bello duro. Depilato con delle bellissime vene che lo circondando per tutta la sua notevole larghezza. La mia mano si sposta sotto le sue palle, le accolgo nella mia mani. Salgo piano accarezzandole e poi passando all’asta. Lui mi fissa negli occhi. Sorride, ma non è arrogante questa volta. Con la mano mi allarga le gambe che non oppongono resistenza. Si sposta su di me, posizionando la cappella tra i peli che proteggono la mia fessurina. Mi bacia e quando le nostre lingue sono un tutt’uno, con un colpo secco mi penetra. Inizia a possedermi con un ritmo lento che via via si intensifica. Sento il suo cazzo farsi strada dentro di me. Le mie labbra lo circondano e la mia figa lo accoglie. Ci baciamo e il nostro respiro è sempre più affannato. So che è sbagliato nei confronti di Andrea, ma vorrei che questo momento non finisse mai. Non stiamo scopando, stiamo facendo l’amore. Ora ne sono sicura, amo anche lui. Ho due orgasmi prima che lui debba venire. Penso che voglia venire dentro di me, ma mi sbaglio. Quando è al limite, lo estrae da me, con mia somma tristezza, lo porta sulle mie tette e viene abbondantemente sui miei capezzoli turgidi. Si gira a prendere qualcosa, penso siano dei fazzolettini per ripulirmi, ma non è così. È il mio reggiseno. Me lo fa indossare con il suo seme sulle tette.
- Sarò su di te tutta la sera così! Ora vestiti e vai a cenare.
Mi bacia di nuovo e si riveste.
Entro nel ristorante dopo di lui. Vedo dei violinisti e un’atmosfera molto particolare. Vedo Andrea e la sua faccia felice. Io l’ho appena tradito e lui ha in serbo per me una sorpresa che mi spiazzerà.

Questo racconto di è stato letto 2 7 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.