Lui non sporca - 2 - Mio marito cornuto pulisce tutto.

Scritto da , il 2021-05-18, genere tradimenti

Neanche poteva immaginare mio marito cosa gli sarebbe successo dopo avermi chiesto di chiamare il mio amico e farlo venire a casa.

Nella sua immensa ingenuità,non si rendeva proprio conto del mondo che si nascondeva oltre la porta di casa nostra.

Mi sembrava di essere stata piuttosto chiara quando gli avevo confessato che da anni oramai mi procuravo sempre nuovi amanti in grado di soddisfare la mia voglia di cazzo.

A quel punto,un dubbio mi assaliva,era davvero stupido o in fondo in fondo aveva un'indole di cornuto di cui lui stesso non era cosciente.

Per dare una definitiva risposta a quei miei dubbi,avevo pensato di telefonare a Marco col quale avevo già un appuntamento per il giorno dopo.

Marco era un bell'esemplare di maschio più giovane di me,di corporatura robusta e muscolosa grazie al lavoro di manovale edile che svolgeva.

Non era troppo intelligente ma con una buona dotazione tra le gambe che usava divinamente e per quanto ne sapessi,non ero l'unica moglie ad apprezzarne le qualità.

Era un po introverso e dal carattere piuttosto scostante ma,a saperlo prendere,a letto quei difetti potevano diventare veri stimolanti erotici.

La sua scarsa cultura e la limitata intelligenza lo inducevano a comportamenti istintivi che a letto lo trasformavano in un vero toro potente e instancabile mentre nelle ralazioni con gli altri,poteva assumere toni aggressivi ed autoritari.

Più di una volta mentre mi scopava (Divinamente!) mi diceva che gli sarebbe piaciuto chiavarmi davanti a mio marito.

Naturalmente gli rispondevo che non era possibile ma quella sera della lite con mio marito,chissà perché,avevo pensato di chiamare proprio lui.

Entrando in casa,senza degnare mio marito neanche di uno sguardo, mi aveva subito stretto a se con le mani sul culo e la bocca appiccicata alla mia.

Mio marito pareva impietrito di fronte a qull'inatteso comportamento.

Immaginando il suo smarrimento,avevo spinto Marco e staccandomi da lui gli avevo detto:

-Calma Marco...stai calmo.

Tu non sai che mio marito è un maniaco dell'igiene e non potrebbe mai accettare che qualcuno gli scopi la moglie senza essere preventivamente sterilizzato.-

Poi rivolgendomi a mio marito che aveva osservato la scena ed ascoltato le mie parole come se fosse in trance,gli avevo detto:

-E' vero amore che adesso ci aiuti tu a fare il bagno e spalmarci con una di quelle creme asettiche che hai tu e poi ci accompagni nel lettone con le lenzuola di lino sterilizzate del primo sabato del mese?-

-Si!-

Aveva risposto laconico con gli occhi fissi come spiritati.

A quel punto lo avevo preso per mano e mi ero diretta insieme a lui e Marco nel grande bagno in cui ogni cosa era accuratamente igienizzato attraverso un sistema che lui stesso aveva inventato.

Nell'antibagno ci aveva fatti spogliare,spogliandosi lui stesso e infilando gli abiti in uno sterilizzatore ad alta temperatura.

Incredibilmente,comportandosi come un'addetto di una SPA per incontri di coppia,ci aveva lavati entrambi nella grande Jacuzzi e subito dopo,ci aveva asciugati e fatti distendere sul lettino per massaggi dove ci aveva spalmati entrambi con un ungento profumato.

Per tutto il tempo,Marco,sbalordito da quel trattamento non aveva profferito parola esibendo tuttavia senza pudore,la verga in tiro sin dal primo momento.

Poi,mentre io e Marco seduti su una panca di legno avevamo iniziato a limonare,lui stesso si era sottoposto allo stesso trattamento chiedendo infine a me,di massaggiarlo dietro la schiena con la stessa crema usata su di noi.

Infine,ci aveva accompagnati in camera da letto e mentre Marco mi chiavava con la solita incredibile potenza,mio marito in piedi accanto al letto ci osservava in silenzio.

La notte davanti a noi si prospettava lunga e carica di sorprese ed io,oramai libera da ogni tabù,volevo capire sin dove potevo spingere mio marito usando i suoi stessi argomenti:

-Amore,hai visto questo porco come mi ha riempito di sperma la fica?

Credo che non sia il caso di pulirci con degli asciugamani che poi resterebbero sporchi per chissà quanto tempo riempiendosi di microbi....perché non ci pulisci tu con la lingua e poi finalmente,potrai indossare il preservativo ed avermi anche tu.

Ci aveva leccati e puliti con cura prima di sborrarsi in mano mentre cercava di infilarsi il preservativo.

segue

Questo racconto di è stato letto 8 5 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.