La mia iniziazione da schiava

Scritto da , il 2021-05-11, genere dominazione

Fu il mio fidanzato di allora a farmi entrare in quella casa. Lui era un importante imprenditore, asto nascente dell'azienda di famiglia, tuttavia aveva clamorosamente bisogno di chiudere un accordo con il Padrone. Mi disse che saremmo andati a Bangkook per qualche giorno, mi chiese di accompagnarlo in quello che doveva essere solo un incontro di lavoro, mi disse che mi avrebbe mostrato la città e saremmo tornati. In hotel, mentre il nostro taxi già ci aspettava di sotto, mi disse che l'uomo che stavamo per incontrare era una persona del tutto originale, mi disse che viveva in una casa con tante donne, non sapeva molto di più, se non che fosse un grand estimatore delle donne e del sesso. Mi pregò di flirtare con lui, di sedermici accanto e accettare di buon grado semmai avesse voluto toccarmi. Lì per lì, tutto si fece più chiaro, mi aveva comprato degli abiti molto succinti e dei tacchi molto sexy, gli urlai addosso che non ero la sua escort, che non poteva chiedermi certe cose. Entrammo in taxi e nessuno disse più una parola. Lui era in uno stato di profonda agitazione, sapevo che pensava soltanto al suo lavoro e ai suoi cazzo di soldi.
Non sapprei neanche descrivere la casa dall'esterno, ricordo un giardino enorme e curato, un portico in marmo, e un enorme portone scuro rifinito d'oro, quella fu la prima e l'ultima volta che lo vidi. Ci accolse una donna, era nuda, teneva addosso soltanto una tuta fatta di rete e delle scarpe molto alte, le fissai a lungo prima di realizzare che erano uguali alle mie. Giulio la guardava ossessivamente, io ero infastidita dal suo comportamento ma allo stesso tempo, cominciavo ad avvertire un inqietudine inspiegabile.
Ci fecero accomodare e subito ci offrirono champagne, ci dissero che dovevamo aspettare, il Padrone, non era pronto.
L'attesa durò un paio d'ore, nessuno mi rivolse la parola in questo intervallo di tempo, Giulio, anzi, evitava di guardarmi. Bevevamo champagne, io cercavo di rassicurarlo, dopotutto, ero molto fiera di lui ed ero ancora innamorata della sua ambizione. Credevo che il suo stato d'animo fosse dovuto all'ansia. Poi arrivò lui. Era accompagnato da altre ragazze, vestite nello stesso modo di quella che ci aveva accolto. Non era un bell'uomo, robusto, brizzolato. Era vestito con un completo elegante. Non appena potei guardarlo negli occhi e stringergli la mano, ne rimasi assolutamente affascinata. Mi aspettavo un uomo all'apparenza sporco, un vero maiale, invece era educato, colto, intelligente, parlava in un modo che avrebbe fatto innamorare chiunque. Giulio, infatti pendeva dalle sue labbra. A cena, io e Lui eravamo seduti vicino, cominciammo a parlare, si parlava di tutto tranne che di affari e la serata sembrava più piacevole di quanto mi aspettassi. D'un tratto, mentre Giulio era andato in bagno, lui mi condusse in una stanza e mi disse di sedermi sulla poltrona, lui sarebbe arrivato subito. Ero spaventata, certo, ma ero anche assolutamente affascinata, sentivo un brivido di trasgressione che non avevo provato da tempo. Ero eccitata come un'adolescente, e quell'aura di mistero, accresceva l'emozione ognni minuto di più. Aspettai almeno mezz'ora. Lui tornò. Dal tono con cui si rivolgeva a me, adesso, capii che qualcosa era cambiato. non cercava più di sedurmi come aveva fatto fino ad allora. Sembrava prendermi in giro, adesso. Per prima cosa notò le mie scarpe, con una risata, poi mi disse di togliermele, anzi, aggiunse, togliti tutto. Credevo ancora che quello fosse parte del gioco tra noi due, e allo stesso tempo cominciavo a sentirmi a disagio. Mi spogliai, d'altronde non avrei potuto fare altrimenti, il suo sguardo gelido mi inquietava.
Cominciò a toccarmi, commentava ogni parte del mio corpo, bei seni, ma non abbastanza sodi, bei fianchi, ma poco sinuosi, bel culo, troppo basso. Centrava le mie insicurezze e in poco tempo mi sentii umiliata. In ginocchio, eseguivo. Cominciò a spogliarsi con tutta calma, lentamente, ripiegava i vestiti e li appoggiava su un tavolin, completamente indifferente. La sua erezione era già notevole, in ogni caso, mi disse di aprire la bocca, di non muovermi. Andava avanti e indietro nella mia bocca, mi produceva a volte dei piccoli colpi di tosse, ma non se ne curava, continuava a scoparmi la bocca senza guardarmi. Girati, io non potevo che essere eccitata a quel punto, ero bagnata e una parte di me, desiderava solo che mi penetrasse. Lo fece, si era eccitato anche lui, la penetrazione fu intensa, vigorosa, io ansimavo, sudavo, credevo che da un momento all'altro sarei bruciata o esplosa. Era possente, come essere scopati da un dio, un dio privo di debolezze e di emozioni, che ti infliggeva una punizione e allo stesso tempo, non so come, ti premiava. Alla fine venne dentro di me. Io diedi un grido, questo mi terrorizzò, lui si staccò, non diede retta alle mie domande, alle mie urla, mi sentivo arrabbiata, quel silenzio mi sconcertava, mi alzai e andai verso di lui, lo presi per un braccio, appena lo toccai, mi diede uno schiaffo. Io caddi a terra e piansi. Lui si vestì, serafico e uscì. Un ora dopo, una ragazza vestita di rete mi porto un bicchiere con una pillola, prese i miei vestiti, lasciandomi le scarpe, mi diede una tutina fatta di rete e uscì.

Questo racconto di è stato letto 6 0 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.