Il segreto della professoressa, parte V - Consapevolezza

Scritto da , il 2021-04-25, genere dominazione

Dopo aver salutato Matteo, Laura decise di prendersi una breve pausa dagli appuntamenti. Era la sua prima fine di maggio da professoressa, ed era anche peggio di come l'aveva vissuta da studentessa: temi da correggere, ultime lezioni da preparare, valutazioni da decidere, consigli di classe e riunioni tra professori... Aveva deciso di concentrare tutte le sue attenzioni sulla scuola, per poi godersi un'estate ricca di avventure.
Nonostante questo proposito, nel corso della settimana successiva al pomeriggio passato con Matteo, un paio di episodi rischiarono di mettere in crisi la sicurezza che Laura sentiva di avere raggiunto.
Il primo episodio ebbe luogo nella mattinata di martedì: Laura era sola in aula insegnanti, mentre correggeva pigramente gli ultimi temi di una sua classe. La stanza si trovava al secondo piano dell'edificio, e dava sul cortile della scuola. Laura era seduta al centro del lungo tavolo ovale che occupava la sala , con le spalle rivolte alla finestra spalancata, dalla quale una timida brezza tardo-primaverile entrava a portare un po' di fresco. Dopo aver posato l'ultimo foglio sulla pila dei compiti corretti, sorrise soddisfatta e decise di concedersi un premio: sarebbe andata sul sito e avrebbe cercato qualche profilo interessante da tenere d'occhio per futuri appuntamenti.
Proprio nel momento in cui il sito caricava i profili sub vicini alla sua zona, un collega di Laura, che insegnava storia dell'arte in una delle sue classi, piombò frettolosamente nella stanza. Con un gesto istintivo, lei abbassò con vigore lo schermo del portatile, che sbatté sulla tastiera. Il collega le rivolse uno sguardo a metà tra l'interrogativo e il divertito:
“Tutto bene?” le chiese ridendo.
“S-sì, scusami” rispose lei con una risata imbarazzata “Mi hai colto un po' di sorpresa, stavo sistemando alcuni voti e sai, credevo fossi uno studente, avevo paura potessi spiare qualcosa, ecco”
“La fine di maggio è un delirio per tutti” rispose lui cordiale mentre prendeva un libro dal suo cassetto “In un modo o nell'altro sviluppiamo tutti qualche forma di crisi nervosa o isteria. Con il tempo ti ci abituerai”
Quando fu uscito, Laura sospirò e si nascose il viso tra le mani, maledicendosi per la sua goffaggine. Si impose di non pensare mai più al sito mentre era scuola, non poteva rischiare di farsi sorprendere nuovamente in quel modo e di attirare qualche sospetto.
Il secondo episodio fu però la vera miccia che rischiò di minare alle fondamenta la serenità di Laura. Era il venerdì della stessa settimana, la campanella della ricreazione era da poco suonata e gli studenti si apprestavano a sciamare fuori dalla classe dopo la consegna dei temi corretti. Mentre Laura raccoglieva i fogli sparsi sulla cattedra, uno studente le si avvicinò per lamentarsi della valutazione che aveva ricevuto. Avevano già avuto una discussione nel momento della consegna: lui sosteneva di aver scritto un buon tema, ma Laura gli aveva elencato tutti i suoi errori, sia di organizzazione del testo, sia grammaticali, per giustificare il suo giudizio. Aveva poi passato il resto della lezione a lamentarsi con i vicini di banco, e con la coda dell'occhio Laura aveva notato come persino loro fossero infastiditi dalla sua testardaggine. Per questo, quando lo vide arrivare per l'ennesima polemica, era ormai al limite della sopportazione. Dopo un serrato e rapidissimo scambio di battute, durante il quale Laura tentò di mantenere il controllo, non riuscì più a trattenersi e urlò:
“Tu adesso chiudi quella cazzo di bocca perché qui i voti li decido io e qui comando io, è chiaro?!”
Il ragazzo rimase di sasso, gli studenti che si trovavano ancora nell'aula ammutolirono, mentre quelli che erano già nel corridoio si affacciarono curiosi per capire cosa potesse aver scatenato quell'attacco d'ira. Per un attimo tutto rimase sospeso, dall'aria che entrava dalla finestra al dito di Laura puntato fermamente verso il ragazzo e agli sguardi della classe inchiodati sulla professoressa; fu proprio lei a spezzare quel silenzio irreale, sussurrando con voce tremante:
“Scusatemi”
Scattò fuori dalla classe, e raggiunse spedita il bagno che fortunatamente distava solo pochi passi. Si chiuse all'interno e scoppiò in lacrime. Non si sarebbe mai sognata di rivolgersi a qualcuno in quel modo nell'ambito scolastico, e in generale era una persona che non perdeva praticamente mai il controllo, anche di fronte agli interlocutori più testardi. E poi quella frase: “qui comando io”. Cosa le era saltato in mente? Come poteva dire una cosa del genere dopo tutti i suoi discorsi alle classi sulla parità tra insegnante e studenti? Nella sua testa vorticavano pensieri confusi: pensò di aver sbagliato completamente, che non avrebbe mai dovuto cominciare a cercare incontri in quel modo, che la dominazione l'aveva completamente deviata, che ormai quel lato di lei stava prendendo il sopravvento. Ma era sicura di non essere davvero così? Forse era quella la sua vera natura: una persona aggressiva, che pretendeva di dominare in qualsiasi ambito della vita e non accettava le obiezioni di nessuno.
Si tirò uno schiaffo in pieno volto. Lentamente si alzò, si asciugò le lacrime e si sciacquò energicamente il volto. Si guardò nello specchio.
“Tu sai benissimo chi sei” disse piano, combattendo il nodo che le si era creato in gola “Smettila con queste puttanate, vai là fuori e dimostra di essere migliore di così”
Tornò in classe, dove gli studenti stavano discutendo animatamente di quanto appena successo, e quando la videro spuntare sulla soglia attesero silenziosamente che dicesse qualcosa.
“Vi chiedo scusa” cominciò Laura “Quelle che avete sentito sono parole che non avrei mai voluto pronunciare, dettate unicamente dallo stress. È un periodo difficile per me come lo è per voi, è il mio primo anno di insegnamento e ho ancora tantissime cose da imparare. Ma ho comunque lasciato che la stanchezza avesse la meglio, e mi scuso ancora perché è un errore imperdonabile per un'insegnante. Vi prometto che non succederà più”
Gli studenti si mostrarono pienamente comprensivi e la rassicurarono, dicendo che capivano il suo momento e si erano solo spaventati per lei, temendo fosse successo qualcosa di grave. Anche lo studente che si lamentava del voto aveva sepolto l'ascia di guerra, e dopo un breve confronto in privato Laura decise di regalargli un mezzo voto in più come gesto formale di scusa e per mettere una pietra su quella storia.
Quando tornò a casa, si lasciò cadere sul letto e affondò la testa sul cuscino. Si impose di non piangere di nuovo e di affrontare lucidamente la questione. Era stato solo uno scatto di rabbia, niente di più. Solo stress, non aveva niente a che vedere con il sesso. “Qui comando io”? Solo una frase per ribadire che lei era pur sempre l'insegnante. Ecco tutto. Nessuna deviazione. Niente di niente. Ecco...
Laura pianse di nuovo. La lucidità di pensiero che l'aveva sempre contraddistinta stava venendo meno, e le sensazioni che provava erano orribili. Non aveva mai lasciato che le due cose, il sesso e la vita professionale, potessero in qualche modo intrecciarsi, e si convinceva sempre di più che quel singolo, piccolo episodio fosse in realtà uno sconvolgimento totale per la sua vita sessuale.
“Avere rapporti soddisfacenti evidentemente non fa per me” pensò “Non sono in grado di gestirli”
In preda allo sconforto, chiamò Anna.
“Ho fatto una stronzata” le disse con la voce rotta dal pianto “Ho rovinato tutto”
“Tesoro” rispose lei “respira con calma e smettila di sparare cazzate, che conoscendoti avrai solo fatto scappare il presunto uomo della tua vita proponendogli un fisting”
Per la prima volta dopo diverse ore, un sorriso spuntò tra le guance rigate di lacrime.
“Magari” rispose ridendo “Domani sera sei libera?”
“Per te ci sono sempre”

Quando il fattorino del ristorante giapponese suonò il campanello, Anna era arrivata solo da un paio di minuti. Disposero accuratamente sulla tavola i vari pezzi di sushi, brandirono le bacchette e cominciarono a mangiare. Laura decise di conservare i suoi dubbi per dopo, e durante la cena raccontò dei due appuntamenti con Andrea e Matteo.
“Però!” commentò alla fine Anna ridendo “Direi che ci hai proprio dato dentro, eh?”
“Già” rispose Laura con un sorriso amaro.
Continuarono la conversazione parlando del più e del meno, e terminata la cena si spostarono sul divano. Anna si accomodò nell'angolo sinistro, appoggiò il braccio destro allo schienale e accavallò le gambe. Il top aderente e gli shorts le conferivano un'aria quasi adolescenziale.
“Dai, dimmi tutto” disse “Cosa hai combinato di così catastrofico?”
Laura sorrise, poi raccontò per filo e per segno quanto successo quella settimana.
“Ecco tutto” concluse “Adesso non so cosa pensare. Mi sono fatta trascinare ed è meglio che le mie scopate da mistress finiscano qua? È stato solo un momento di debolezza? Devo solo imparare a controllarmi di più? Non lo so, ho troppe idee e troppo confuse”
Anna si avvicinò a lei e la abbracciò con affetto.
“Lau, il tuo unico problema è che pensi davvero troppo” disse con un sorriso benevolo “Stai trasformando da sola un fatto assolutamente insignificante in una marea di preoccupazioni”
“Dici?” rispose Laura con aria incerta.
“Ma certo! Ammettiamo pure che tu abbia usato le parole sbagliate, e allora? Non hai detto 'mettiti in ginocchio e leccamela', è stata un'uscita scomposta ma che non ha lasciato trasparire nulla. Sicuramente gli ultimi appuntamenti ti hanno fatto a sentire più rilassata, magari troppo, perché no, ma è questo il punto: devi renderla un'abitudine. O preferisci diventare l'ennesima professoressa frustrata e scontenta?”
Laura rimase in silenzio. Le parole dell'amica erano come mattoni che, uno dietro l'altro, ergevano un nuovo castello di sicurezze, molto più solido e stabile del precedente, il suo tono rassicurante una calce che permetteva all'insieme di resistere a qualsiasi dubbio.
“Non ha senso rinunciare a tutto quello che hai conquistato nelle ultime settimane per un mezzo passo falso” continuò Anna, che sapeva benissimo quali parole usare per rassicurarla “Io ti conosco meglio di chiunque altro, Lau. Se sei determinata a raggiungere qualcosa, non ti lasci fermare da niente e nessuno. È parte del tuo carattere, ed è la parte che ti permette di dominare così bene, e sai meglio di me quanto ti faccia sentire bene. Non sopprimerla, ti prego. Magari devi imparare a contenerla, ma sono davvero dell'idea che si sia trattato di un incidente che nulla ha a che vedere con il tuo modo di essere a letto. Non rinunciare al tuo piacere, non adesso che stai finalmente ottenendo quello che ti meriti”
Laura si gettò fra le braccia dell'amica e sfogò nel pianto tutta la tensione che aveva accumulato nelle ultime ore.
“Mi sento così stupida” disse singhiozzando “Volevo mandare tutto a puttane per una stronzata”
“Shh” le rispose Anna carezzandole i capelli “Sei solo stressata, ecco tutto. Non colpevolizzarti, a volte abbiamo solo bisogno di qualcun altro per capire cosa vogliamo”
Dopo aver esaurito le lacrime ed essersi asciugata le guance, Laura disse:
“Grazie, davvero. Era esattamente quello di cui avevo bisogno”
“Figurati tesoro” rispose Anna “Come ho detto prima, ti conosco benissimo”
Laura si sdraiò e appoggiò la testa sulle gambe dell'amica, e guardandola dal basso sorrise.
“Dal basso sei ancora più bella” le disse.
“Scema” rispose lei ridendo e accarezzandole una guancia.
Si guardarono negli occhi. Senza riflettere, Laura si sollevò e premette le sue labbra contro le sue. Anna non ebbe nessuna reazione, e si lasciò subito coinvolgere da quel bacio lento e appassionato.
“I think I've seen this film before” disse piano Laura, citando Exile di Taylor Swift.
“But I actually liked the ending” concluse Anna, correggendo le parole del testo originale.
Si baciarono di nuovo, incrociando le loro lingue in una danza frenetica ed eccitante. Quando ne furono sazie, Laura chiese con una punta di incertezza:
“Ti andrebbe di...”
“Volentieri” rispose Anna con un ampio sorriso.
Seguì un attimo di silenzio, durante il quale le due amiche si guardarono felici negli occhi, un attimo pieno di tenerezza e carico di sensualità, interrotto dalla proposta di Laura:
“Andiamo di là?”

Quando Laura aprì gli occhi, il suo pensiero ancora inibito dal sonno corse subito al precedente rapporto con Anna, e temette che ancora una volta potesse essersene andata. Il suo timore fu però subito smentito dal peso che sentiva sul petto: la testa dell'amica, ancora immersa nel mondo dei sogni, giaceva infatti appoggiato a lei, con un'espressione tranquilla sul volto dormiente. Laura le lisciò i capelli con la mano, facendola svegliare dolcemente.
“Mhm” biascicò “Buongiorno”
“Ben svegliata” rispose Laura raggiante.
Per un paio di minuti rimasero a coccolarsi in silenzio, godendosi quell'intimità di cui entrambe avevano bisogno in quel momento.
“Per mezzo secondo ho temuto te ne fossi andata anche questa volta” disse poi Laura.
“Ti ricordo che ieri eravamo completamente sobrie” rispose Anna “E poi questa volta è stato molto più... naturale. Voglio dire, ce lo sentivamo entrambe con lucidità, e infatti onestamente penso di aver goduto il doppio”
“Tre orgasmi sono un numero notevole, in effetti”
“Non farmici ripensare, che mi sto già bagnando”
“E qual è il problema? Abbiamo ancora tutta la mattinata” replicò Laura, facendo scivolare una mano all'interno delle sue mutandine.
“Mhm, aspetta” rispose Anna fermando la corsa delle sue dita “Dammi almeno il tempo di svegliarmi come si deve”
“Scusami, hai ragione. È solo che anche per me ieri è stato qualcosa di incredibile”
“Quella cosa con il ghiaccio che hai fatto... mamma mia!”
“Ho avuto modo di testarne l'efficacia” rispose Laura con un sorriso malizioso.
“Ma soprattutto” continuò Anna “abbiamo dimostrato quanto sia sopravvalutata la penetrazione”
Laura scoppiò a ridere, seguita subito dall'amica.
“Hai ragione” disse poi.
“Sul serio! Né strap-on né dita, eppure abbiamo goduto lo stesso e ancora più dell'altra volta! Posso dire che è sopravvalutata o rischio di offendere la virilità di qualche povero ragazzo?”
“Qui non si offende proprio nessuno”
“Allora lo ribadisco: la penetrazione è sopravvalutata e senza penetrazione si gode molto di più!”
“In effetti la lecchi proprio da brava schiavetta”
“Vogliamo parlare delle tue dita fatate da mistress generosa?”
Non si capì bene chi saltò per prima addosso all'altra, ma un po' per gioco, un po' per l'incapacità di resistere ai richiami della carne, cominciarono a punzecchiarsi entrambe, e quasi senza accorgersene erano di nuovo nude e con le mani sul pube l'una dell'altra. I successivi dieci minuti furono uno spettacolo di mani che si muovevano leggere sul clitoride, per poi accelerare all'improvviso cogliendo di sorpresa l'altra, che non poteva fare altro che mordersi le labbra e interrompere momentaneamente la stimolazione per godersi quel ritmo frenetico. Ma subito dopo aver ripreso la concentrazione, partiva al contrattacco, e ognuna non risparmiava nessun colpo nel cercare il piacere dell'altra. In quella masturbazione reciproca c'era tutta la loro complicità, tutte le esperienze, sessuali e non, che avevano condiviso tra loro, la voglia di non imporsi etichette, di poter vivere quei rapporti con naturalezza, come parte della loro lunga e intima amicizia, per la quale Laura era capace di mettere da parte, per una volta, il suo bisogno di sentirsi dominante, e di godere anche di un rapporto alla pari. Tutto questo culminò in uno spettacolare orgasmo simultaneo, al termine del quale crollarono sul letto abbracciate l'una all'altra.
“Se avrai ancora dei dubbi” disse Anna dopo aver ripreso fiato “Ripensa a ieri sera e ripensa a questo. Non credo proprio che valga la pena rinunciarci”
“Hai ragione” rispose Laura stampandole un bacio sulle labbra.
“Imparerai a conoscerti fino in fondo” concluse Anna “è solo questione di tempo. E a quel punto riuscirai a sfogare a letto tutta la frustrazione che vorrai, e per mettere in riga qualsiasi studente ti basterà fulminarlo con lo sguardo”
Rimasero a coccolarsi a letto ancora per qualche minuto, finché Anna timidamente chiese:
“Ma se facessimo colazione? Gli orgasmi di prima mattina mi fanno sempre venire fame...”

Questo racconto di è stato letto 3 2 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.