Il segreto della professoressa, parte III - Andrea

Scritto da , il 2021-04-08, genere dominazione

Laura picchiettava nervosamente le dita della mano sinistra sul volante, mentre con la destra teneva il cellulare, che controllava costantemente nell'attesa di un messaggio. Aveva preferito presentarsi nel parcheggio con qualche minuto di anticipo, ma l'uomo non era ancora arrivato. Sperava che non fosse in ritardo, perché per guadagnare tempo e non cenare troppo tardi aveva lasciato in forno il branzino. Essere una ragazza sola, vestita e truccata in maniera provocante in un parcheggio semideserto poi non la metteva decisamente a suo agio. Accese per un momento la luce interna e abbassò l'aletta parasole per controllare il trucco: aveva deciso di provare dal vivo l'effetto di quel rossetto arancione che tanto le era piaciuto una settimana prima, abbinandolo a un tocco di blush color pesca; un leggero ombretto dalle tonalità ramate completava l'opera. Assicuratasi che fosse tutto in ordine, spense la luce. Proprio in quel momento vide arrivare una macchina che si parcheggiò a qualche metro di distanza da lei. Poco dopo le arrivò un nuovo messaggio nella chat con l'uomo:
“Sono arrivato. Sei già qui?”
“Sì, ti ho visto arrivare. Sono alla tua sinistra” si affrettò a rispondere Laura.
Girò la chiave dell'auto, accendendo i fari. Subito dopo, un uomo con un elegante completo blu si avvicinò cautamente e sbirciò all'interno dell'auto. Si sorrisero e lui aprì lo sportello.
“Ciao” la salutò sorridendo.
“Ciao” rispose Laura ricambiando il sorriso, e si baciarono sulle guance.
“Per te” le disse, porgendole un mazzo di narcisi bianchi e gialli.
“Grazie, non dovevi” rispose lei quasi d'istinto, anche se i narcisi erano tra i suoi fiori preferiti e aveva decisamente apprezzato la scelta. Nell'altra mano l'uomo reggeva una bottiglia di vino dall'aspetto pregiato.
Mentre uscivano dal parcheggio, Laura gli chiese:
“Dunque, come preferisci che ti chiami? Submissive? Boss? Submissive boss?”
L'uomo rise di gusto, poi rispose:
“Chiamami pure Andrea. Se te lo stai chiedendo sì, è il mio vero nome. Per te Calipso può andare bene?”
Laura rise a sua volta.
“Ottima risposta. Io sono Laura”

Dopo aver parcheggiato, riuscirono a raggiungere l'appartamento senza incrociare nessuno, con grande sollievo di Laura: pur non essendosi trasferita da molto e non conoscendo praticamente nessuno all'interno del palazzo, il suo abbigliamento avrebbe sicuramente destato più di qualche attenzione e suggestioni decisamente poco lusinghiere; fortunatamente abitava solo al secondo piano. Un tubino nero senza spalline ed estremamente attillato, regalatole da Anna in occasione del suo ultimo compleanno, metteva in risalto le sue generose forme, oltre a scoprire le gambe ben sopra il ginocchio; ai piedi calzava eleganti sandali neri con tacco a spillo, che slanciavano la sua figura e scoprivano le dita tinte di nero. Quel look total-black le sembrava adatto a una dominatrice che non voleva rinunciare a essere seducente.
Poco dopo aver varcato la soglia, l'uomo chiese di poter usare il bagno, così Laura ne approfittò per terminare il lavoro ai fornelli. Il branzino si era cotto alla perfezione, così come le patate al forno. Sistemò il tutto sui piatti e li servì. Osservò l'organizzazione della tavola, la tovaglia rossa, i bicchieri per il vino e per l'acqua, i tovaglioli piegati con cura e le posate perfettamente allineate; era tutto in ordine. Respirò a fondo e si preparò al suo primo appuntamento da dominatrice.

“Posso chiederti il significato del tuo soprannome?” fu la prima domande che Andrea le rivolse.
“Mi piace la letteratura” rispose Laura “Ho pensato a una figura letteraria che potesse avere a che fare alla dominazione. Calipso mi è sembrata perfetta, perché di certo Ulisse avrebbe preferito tornare subito a casa, ma lei aveva decisamente altri piani”
“Hai intenzione di tenermi qui con te per sette anni?”
“Forse” replicò Laura con un sorriso e facendo spallucce “Ma in ogni caso prima o poi sarò costretta a lasciarti andare”
“Capisco. Ci tengo solo a dire che il tuo aspetto rende sicuramente onore al tuo nome da ninfa”
Laura arrossì per quel complimento così altisonante e dal tono quasi adulatorio, ma decise di prendere in mano le redini della conversazione.
“A proposito di cultura, la prima cosa che mi ha colpito del tuo profilo è stata la foto. Ti piace l'arte?”
“Molto” rispose Andrea “Ho fatto il classico, poi chissà come sono finito a ingegneria gestionale. Ma nonostante questo sono rimasto un grande appassionato d'arte. Casa mia è tappezzata di quadri, purtroppo non originali. Una volta un mio amico ha visto un quadro di Schiele e mi ha chiesto cosa fosse 'quella porcheria'” disse mimando le virgolette e scuotendo la testa ridendo “Il più grande genio dell'erotismo ridotto a una definizione del genere. Ho riso e gli ho detto che era troppo ignorante per capire”
Laura rimase colpita dalla sicurezza con cui parlava, e mentre sorseggiava il vino si fermò per un momento a osservarlo: i capelli castani di media lunghezza e l'assenza di barba gli donavano un aspetto giovanile, ma al tempo stesso gli zigomi pronunciati e la fronte leggermente alta conferivano alla sua figura il fascino dell'uomo maturo, esaltato anche dalla naturalezza con cui portava il completo. I penetranti occhi azzurri completavano il viso, che nel complesso era quello di una persona autorevole e sicura di sé. Laura non riuscì a trattenere la curiosità:
“So che è un'informazione delicata, ma posso chiederti che lavoro fai? Puoi tranquillamente scegliere di non rispondermi se ti mette in imbarazzo”
“Non preoccuparti” rispose Andrea “È una domanda che alla fine mi pongono in quasi tutti i miei appuntamenti. Sono il direttore di un'azienda, posso dirti solo questo. Ovviamente ti devo chiedere di mantenere la massima discrezione su questo, anche perché nel mio campo, nella nostra zona, sono abbastanza conosciuto, e proprio perché sul lavoro sono estremamente riservato una notizia del genere farebbe abbastanza scalpore”
“Certo, grazie della fiducia. Quindi è questo il senso del tuo soprannome?”
Andrea annuì.
“Mi piaceva il contrasto apparente che si crea con i due termini, ma in realtà sono proprio questo: un boss a cui piace essere sottomesso”
“In effetti ci si aspetterebbe che un capo voglia dominare anche a letto, o forse la saga di Cinquanta sfumature ci ha solo fottuto il cervello”
Andrea rise, poi rispose:
“No, ti garantisco che per molti è così. Mi è capitato di parlare con altri boss, o comunque uomini che rivestivano posizioni di rilievo, e la maggior parte è capace solo di articolare frasi su quanto sia bello farsi fare un pompino dalla segretaria. Frasi di una bassezza agghiacciante. Ci tengo a specificare che non ho mai approfittato della mia posizione in questo senso. Mi viene fatta spesso questa domanda e non voglio che si pensi questo di me. Ad ogni modo, altri sono più vanilla, ma nessuno si è mai esposto sull'essere sub, anche se sono piuttosto sicuro che non siano in pochi”
“E perché un uomo in una posizione di potere dovrebbe provare piacere a essere sottomesso? Non voglio provocarti, è solamente una mia curiosità”
“Domanda più che legittima. Vedi, essere un capo è un lavoro più stressante di quanto si possa pensare. Sei pieno di responsabilità, devi interagire con tantissime persone, i tuoi lavoratori ti vedono come un punto di riferimento e devi sempre cercare di soddisfare le loro aspettative. Le persone di cui ti parlavo prima si fanno quasi travolgere da questa ondata di responsabilità e pensano di dover avere il pieno controllo in qualsiasi aspetto della loro vita. Ho conosciuto persone gentilissime che appena hanno raggiunto posizioni importanti hanno cominciato a guardare tutti dall'alto in basso. Poi, come puoi immaginare, certe posizioni spesso non sono ricoperte propriamente da intellettuali, quindi la mentalità retrograda per cui è l'uomo a dover dominare circola con grande facilità. Fortunatamente io sono riuscito a tenermi lontano da tutto questo. E mi piace essere sottomesso proprio perché le responsabilità che ho al lavoro bastano e avanzano. Durante il sesso non voglio prendere decisioni, voglio che mi si dica cosa fare e voglio sentirmi ridimensionato e messo al mio posto. In un certo senso è terapeutico, mi aiuta a stare con i piedi per terra e non diventare uno dei tanti dirigenti spocchiosi che ci sono in giro”
“Posso farti un'ultima domanda? Hai i soldi, immagino ci siano prostitute specificamente mistress, perché non farlo con loro invece di cercare appuntamenti potenzialmente meno sicuri per la privacy e con persone meno 'specializzate'?”
“L'ho fatto, per un periodo. Ma presto ho sentito che mancavano di vera passione. A loro servivano i soldi, ecco tutto, e non voglio assolutamente condannarle per questo, anzi. Però avevo bisogno di qualcuno che lo facesse solo per passione, dover pagare direttamente la persona non mi faceva godere davvero il rapporto. Prenotare una camera d'hotel e ordinare un vino pregiato sono un'altra cosa, una forma di cortesia”
“Capisco. Grazie di tutte le risposte”
“Mi concedi di ricambiare la prima domanda? Anche a me piacerebbe sapere cosa fai nella vita”
“Insegno lettere al liceo” rispose Laura con naturalezza.
Andrea sollevò un sopracciglio.
“Fammi capire” disse “Ventisei anni, viso da brava ragazza, la professoressa di liceo che fa strage di cuori tra i ragazzi, passione per la dominazione. Pensavo di essere io quello dall'accostamento insolito ma tu mi fai decisamente concorrenza”
Laura sorrise, poi si sentì in dovere di ricambiare la spiegazione:
“Diciamo che la mia prima volta è stata abbastanza traumatica. Non è stato uno stupro, lo volevo, ma mi sono sentita usata e maltrattata. Da quel momento non sono mai più riuscita a fare sesso con un ragazzo senza che fossi io a dominare. Avevo troppa paura di sentirmi di nuovo così”
“Mi spiace che sia andata male, però ora hai una tua identità sessuale e sai benissimo cosa ti piace e cosa no. Molti si limitano a farlo senza mai raggiungere questa consapevolezza. E comunque” aggiunse abbassando la voce e avvicinandosi a Laura “se devo essere onesto, l'idea di essere sottomesso da una professoressa mi eccita da morire”

Quando i piatti di entrambi furono vuoti, Laura annunciò:
“Per finire, ho preparato un semifreddo al pistacchio e cioccolato”
Così dicendo si alzò ed estrasse dal frigorifero le due porzioni del dolce. Dopo averle sistemate sui piatti, li pose entrambi dal suo lato del tavolo, rimanendo in piedi a guardare Andrea.
“Uno dei due è per me, vero?” chiese quest'ultimo con aria divertita.
“Certo” rispose Laura “Però te lo devi meritare”
Con un movimento studiato e carico di sensualità, afferrò il bordo del tubino ai lati e lo sollevò fin sopra i fianchi, rivelando di non portare le mutandine. La prima parte del suo piano per la serata sembrava aver fatto colpo su Andrea, la cui espressione era un misto di sorpresa ed eccitazione.
Laura si accomodò sulla sedia a gambe spalancate, poi mentre affondava il cucchiaio nel semifreddo disse:
“Se vuoi il tuo dolce, mettiti in ginocchio, gattona fino a me, baciami per bene le gambe e leccamela a dovere. Mi raccomando, sono molto esigente”
Andrea non fece una piega: si pulì gli angoli della bocca con il tovagliolo, bevve un sorso d'acqua e sparì sotto il tavolo. Mentre Laura gustava il dessert, lo sentì partire con piccoli baci sui piedi, che lentamente risalirono lungo le gambe. Cercava di godersi il sapore del cioccolato e la freschezza del semifreddo, ma al tempo stesso dalla vita in giù il suo corpo era in preda a un fuoco incontrollabile, in attesa che la bocca di quell'uomo inginocchiato di fronte a lei arrestasse la sua salita e si posasse sul punto che più di tutti ardeva di desiderio.
Bastarono pochi secondi perché sentisse finalmente i baci giungere sulle cosce, e con determinazione avvicinarsi alla vulva perfettamente depilata. Dopo un bacio sul monte di Venere, Laura sentì le dita di Andrea scoprirle il clitoride, e un attimo dopo fu costretta a trattenere un gemito di piacere per non farsi andare un boccone di traverso. La lingua si muoveva con sapienza, alternando brevi colpetti con la punta a leccate più ampie ma comunque misurate. Di tanto in tanto dava un momento di tregua al clitoride per stuzzicarle le grandi labbra e l'apertura della vagina. Laura non aveva mai conosciuto un uomo tanto abile a leccarla.
Sfruttando i brevi intervalli concessi da Andrea, riuscì a terminare il dolce, e subito dopo afferrò la testa dell'uomo per fermarlo.
“Puoi tornare al tuo posto” gli disse cercando di rimanere impassibile.
Mentre Andrea si rimetteva a sedere, Laura si alzò, sistemò il vestito e gli porse il suo piatto. Poi gli sollevò il mento con un dito, invitandolo a guardarla negli occhi.
“Hai fatto un buon lavoro” gli disse altera “Ora mangia pure con calma, non appena hai finito raggiungimi di là”
Si voltò e si diresse a passo deciso verso la camera, chiudendo la porta alle proprie spalle.

Appena fu dentro, Laura allestì la stanza come aveva programmato: accese piccole candele profumate sul davanzale della finestra e sui mobili, creando la giusta atmosfera. Temeva che potesse risultare una cosa troppo romantica, ma l'effetto visivo suggestivo e sensuale l'aveva convinta. Sistemò sul letto una benda nera per gli occhi e due paia di manette. Queste ultime erano state un “investimento” che aveva deciso di fare per rendere l'appuntamento più intrigante. Infine prese un paio di preservativi e li posizionò sul comodino, a portata di mano. Controllò un'ultima volta il trucco in uno specchietto, poi si sedette sul bordo del letto e attese.
Quando Andrea aprì la porta, un'espressione sorpresa si dipinse nuovamente sul suo volto. Laura si alzò, andò alla scrivania e fece partire una playlist dedicata proprio alla dominazione che aveva trovato online. Dalla cassa bluetooth cominciarono a uscire le note di un remix dalle sonorità calde ed esotiche.
“Un po' di musica non fa mai male” disse, poi si sedette nuovamente sul letto e ordinò:
“Togliti la camicia”
Andrea si liberò della cravatta, poi sciolse rapidamente i bottoni e depositò i vestiti sulla sedia lasciata appositamente vicino alla porta da Laura. Quest'ultima si alzò e girò intorno a lui per osservare alla luce delle candele quel corpo ancora tonico nonostante l'età: nonostante i tacchi a spillo, era più alto di lei di almeno cinque centimetri, aveva spalle larghe e muscolose e un addome asciutto, frutto probabilmente della palestra. Fece scorrere una mano sul petto perfettamente depilato, arrestando la sua corsa proprio sull'apertura dei pantaloni, che poco più in basso presentavano un notevole rigonfiamento.
“Non ancora” disse con un sorriso guardando negli occhi Andrea.
Lo afferrò per un braccio e lo spinse sul letto di schiena.
“Non ti muovere” gli ordinò.
Con le manette gli legò entrambe le braccia alla testiera del letto, assicurandosi il completo controllo dell'azione, poi gli infilò la benda per gli occhi e sistemò un paio di cuscini per tenergli la testa sollevata. Infine sussurrò:
“Torno subito”
Si spostò rapidamente in cucina, prese un pezzo di ghiaccio dal freezer e tornò da Andrea. Appena il suo capezzolo sinistro entrò in contatto con il gelo del cubetto nelle mani di Laura, ebbe un sussulto. Si morse le labbra, poi emise un lungo gemito di piacere, mentre il ghiaccio percorreva tutto il suo petto, scendendo fino all'addome e poi tornando ancora su, fino a rinfrescargli il collo. Laura si eccitava a osservare le reazioni di quel corpo possente, legato e bendato, al suo lento gioco di dominazione. I capezzoli di Andrea si fecero estremamente turgidi, e non resistette alla tentazione di stuzzicarli con la lingua, facendolo impazzire di desiderio. Quando il cubetto si fu completamente sciolto, Laura si chinò sull'orecchio di Andrea e disse piano:
“Adesso mi spoglierò, ma tu non puoi ancora vedermi nuda. Mostrami di saperla leccare anche bendato e con le mani legate, e meriterai di godere anche tu”
Si sfilò così il tubino, lo gettò sulla sedia e slacciò i sandali, che rotolarono per terra. Si voltò e si accovacciò sulle labbra di Andrea. Anche in una posizione scomoda e senza poter guardare, la sua lingua sapeva destreggiarsi con abilità. Laura si protese in avanti, mettendosi a quattro zampe per fargli raggiungere più facilmente il clitoride. La verità era che non riusciva più a trattenersi dalla voglia di spogliarlo completamente e di cavalcare quel membro che pulsava sotto i pantaloni.
Proprio per questo, mentre ancora Andrea era intento a darle piacere, cominciò ad accarezzargli il pacco. Sentì il suo cazzo crescere sotto il tessuto, e incapace di resistere oltre slacciò il bottone, abbassò la zip e aiutata dai movimenti di Andrea riuscì a sfilare completamente pantaloni e boxer. Il membro frustò l'aria, già in buona erezione, e Laura lo accolse nella propria mano, cominciando a muoverlo con affondi decisi. Non era il più lungo che avesse visto, ma sicuramente era tra i primi cinque, e vantava anche una larghezza notevole. Ormai completamente coinvolta dal rapporto, lo avvolse con la lingua, cominciando un intenso pompino. Non li faceva spesso, riservandoli ai pochi che dimostravano di meritarlo con la loro docilità, ma in quel momento non ebbe nemmeno bisogno di pensarci. E poi lui rimaneva pur sempre ammanettato e sotto di lei.
Dopo qualche minuto di infuocato 69, Laura si alzò e rimosse la benda dagli occhi di Andrea.
“Sei stato bravo” disse “Meriti una ricompensa”
Si accucciò tra le sue gambe e riprese il pompino, questa volta senza la distrazione del sesso orale ricambiato. Quando si dedicava solo alla cappella senza spingere più a fondo il membro, guardava negli occhi Andrea, le cui espressioni di godimento erano impagabili.
Dopo un paio di minuti, Laura si sollevò e continuando a stimolarlo con la mano disse:
“Vuoi che lo metta dentro?”
“Sì” rispose lui ansimando e guardandola con sguardo supplice.
“Devi pregarmi” replicò lentamente con fare altero.
“Ti prego, mettilo dentro di te e scopami finché non verrai”
Laura non riuscì ad attendere oltre: afferrò il preservativo, lo scartò in fretta e con un colpo deciso lo fece scivolare lungo l'asta. Lanciò un ultimo sguardo ad Andrea, che sembrava come lei non lontano dal culmine, si inginocchiò alla giusta altezza e con l'aiuto della mano lo fece scivolare nella sua vagina. Subito iniziò a muoversi, appoggiando le mani sul petto di Andrea per facilitare il movimento. Sentiva quel membro grande e vigoroso spingere a fondo dentro di lei, i glutei sbattere ritmicamente sulle cosce. Nel frattempo dalla cassa proveniva una canzone dal ritmo incalzante. Laura guardava Andrea gettare la testa all'indietro, completamente inerme di fronte al fuoco travolgente di quella ninfa che si era rivelata una fiera amazzone.
Bastarono pochi minuti perché Laura cominciasse a sentire vicino il culmine del piacere, così spostò il busto all'indietro e continuando la penetrazione con una mano si stimolò il clitoride. Passò poco tempo prima che le sue cosce stringessero il membro di Andrea in una tenaglia e Laura esplodesse in un grido liberatorio e innaffiasse il copriletto con i suoi umori. Subito si sollevò, sfilò il preservativo e cominciò a muovere meccanicamente la mano per permettere anche ad Andrea di raggiungere l'orgasmo. Non aveva mai squirtato prima, e le servirono diversi secondi per riprendersi da quella sensazione così intensa. Andrea doveva essere rimasto altrettanto impressionato ed eccitato dalla scena, perché poco dopo venne copiosamente, macchiando a sua volta il copriletto. Laura lo liberò dalle manette e si lasciò cadere al suo fianco.
Per qualche momento nessuno dei due parlò: entrambi erano intenti a riprendere fiato. Il silenzio veniva riempito dalle note di una canzone lenta e avvolgente.
“So che non c'è molto spazio” disse Laura “Però mi piacerebbe davvero dormire con te stanotte”
“Molto volentieri” rispose Andrea sorridendo “Ha il suo fascino un po' intimo. Mi piace”
Si baciarono.
“Coccolarsi dopo un rapporto del genere è accettabile, vero?” chiese Laura.
“Assolutamente. Anzi, è la normalità in questo tipo di incontri”
“Bene. Prima però” concluse alzandosi “Credo proprio sia al caso di cambiare le coperte”

Questo racconto di è stato letto 4 1 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.