Vado & Vengo 2: la sete di tradimento

Scritto da , il 2021-04-22, genere orge

27 giugno MATTINA

Giulia si svegliò con i postumi della sbornia della sera prima. È una ragazza mora e riccia con gli occhi verdi, terza di seno e un culetto ben allenato col nuoto, sua passione fin da bambina. Stava ora cercando di ricordare cos'era successo ma forse avrebbe fatto meglio a evitarlo. Ed ecco lì, in sequenza le immagini della sera prima: lei inculata mentre faceva un pompino. Ma con chi stava scopando in quel momento Giulia? Thomas era con lei o all'oscuro?

LA SERA PRIMA

Isabella vista la mia sborra colare dalle labbra di Giorgia, andò a baciarla e toglierle quel poco di crema bianca rimasta. Poi di scatto si girò verso me leccandosi sensualmente il dito e disse:
"Mmm che buona, sei un ottimo pasticcere. Vediamo se riesci a darmi altra crema?". E prima che avessi il tempo di risponderle, si avventò sul mio cazzo impugnandolo e iniziando una sega prima piano e poi a ritmo più sostenuto mentre con lo sguardo mi provocava e simulava una leccata da porca assidua. Tra le ragazze è quella che più mi piace, capelli castano chiari con qualchs tocco di biondo e gli occhi azzurri. Ma il suo culo allenato da anni e anni di pallavolo stuzzicavano in me ogni desiderio. E appena provai a infilarglielo dentro mi fermò dicendo "quello te lo devi meritare maialino". Alex intanto venne dentro la figa a Giorgia che urlò dal piacere e venne anche lei subito dopo di lui.

Intanto in camera Thomas e Giulia stavano scopando da mezz'ora quando entrò Chiara a interrompere. La coppia si coprì in evidente imbarazzo ma Chiara dopo essersi completamente spogliata lasciandoli a bocca aperta, si avvicinò a Giulia iniziando un bacio lesbo che fece tornare duro il cazzo a Thomas dopo l'imbarazzo di poco prima. Chiara era la classica ragazza che faceva arrapare i maschi: bionda e alta occhi verdi, due tette belle sode e il culo a completare l'opera d'arte, oltre al suo sguardo da porca navigata. Il ragazzo era pazzo delle tette di Chiara (una quarta) e le si avvicinò strizzando i capezzoli per poi stuzzicarli con la lingua. Giulia intanto scese a leccare le palle al fidanzato finché fu interrotta da Chiara: "Apri le gambe che faccio vedere al tuo ragazzo come si lecca una figa" disse prima di avvicinarsi alla ragazza. Alternava delle delicate leccate a un dito fatto entrare sempre più in profondità e con piacere notava le smorfie di piacere di Giulia.

Thomas intanto si piazzò dietro a Chiara e dopo averle leccato l'ano, appoggiò la sua cappella strusciandola su e giù per poi penetrarla lentamente. Chiara ondeggiava come una cagna in calore e Thomas iniziò a sculacciarla con forza urlandole contro "Ti sfondo troia, sei la mia cagna". Chiara tra un sospiro e l'altro rispose abbaiando in tono provocatorio. Thomas avvisò che stava venendo e sfilandosi il cazzo dalla ragazza, venne in bocca alle due che per l'occasione si erano messe con le labbra a sfiorarsi attendendo impazienti la crema. Sfiniti andarono a farsi una doccia.

In seguito ci ritrovammo tutti in salotto a ubriacarci a più non posso finché Thomas si senti girarsia testa e andò a dormire. Ma non Giulia che stava ballando scatenata con la birra in mano tra Alex e Marco che con piacere allungavano le mani approfittando delle grazie della ragazza e..ovviamente del buon Thomas addormentato. Giulia disse di dover andare in bagno e fece l'occhiolino ai ragazzi che poco dopo la seguirono. E qui sopra la rumorosa lavatrice avvenne qualcosa di inimmaginabile: a Thomas spuntarono due enormi corna.

Appena i ragazzi entrarono in bagno, Giulia saltò addosso a Marco iniziando una vogliosa e sensuale limonata mentre Alex era intento a segarsi e a toccarle le chiappe sode. Lei accese la lavatrice e chiuse la porta del bagno andandosi a sedere sopra la lavatrice dopo essersi spogliata completamente eccitando ancor di più i due ragazzi. "Chi me la lecca di voi due stalloni?" Disse Giulia ormai ubriaca e senza alcun freno inibitore. Alex le si avvicinò dandole delle forte leccate formando dei vortici immaginari intorno alle sue labbra e facendola gemere. Per fortuna le sue urla erano cancellate dal rumore della lavatrice che le stava dando ulteriore piacere vibrando. Ogni giro della lavatrice corrispondeva a un giro della lingua di Alex sulla sua patatina. E lei in quel momento iniziò a toccare il petto e gli addominali scolpiti dell'amico. Intanto Marco le ordinò di alzarsi e disse a Alex di sedersi sulla lavatrice per poi far sedere Giulia sopra di lui e infilarle il cazzo tutto dentro il culo. Marco intanto la penetrava di davanti e le strizzava i capezzoli tra una leccata di tette e un bacio appassionato. Alex le toccava i seni favorendo la leccata dell'amico. Giulia intanto godeva a più non posso, la prima doppia penetrazione per lei e la prima volta che stava tradendo il suo fidanzato. Forse nemmeno se ne rendeva conto mentre la sua terza di seno sobbalzava e i due le dicevano che era la loro troia. E lei venne copiosamente a quelle parole rispondendo: "Si sfondate la vostra troietta..ohhh Alexx quanto è grosso..aprimi il culo.. Marcooo ohhhh vengooo".
Marco la seguì poco dopo venendole tra le tette mentre Alex resistete per le ultime spinte forti fino a far crollare i muri e infine si arrese venendole dentro e infarcendola della sua crema bianca. Giulia sfinita guardava i due: Alex moro e carnagione scura, Marco biondo e carnagione Chiara. Erano come il giorno e la notte, belli come il sole e luminosi come la luna Due entità che non si incontrano mai, eppure lì dentro lei si sfiorarono, godettero e fecero godere la loro dea. Senza pensare a Thomas, senza pensare a nulla. Si scambiarono un ultimo bacio e poi si addormentarono, Giulia nuda in camera con Thomas mentre i ragazzi sul divano. Tutti sbronzi quella sera ma solo uno di loro con le corna.

MATTINA 27 GIUGNO

Giulia si girò verso Thomas che si stava svegliando e intanto pensava a quello che le stava tornando in mente della sera prima. Era sconcertata ma Thomas la riportò con i pensieri sulla Terra: "Buongiorno amore, ho fatto un sogno strano. Mi gira tanto la testa" disss il ragazzo. "Ci credo amore, hai bevuto come se avessi una cisterna" disse lei ridendo. "Ma cosa hai sognato?" aggiunse. "Come se due enormi corna mi stessero crescendo e non potevo fermarle, è stato un incubo" disse Thomas. "Ma tu sei pazzo" rispose lei pensando tra sé e sé "fosse solo un incubo". "Ma tu perché sei nuda e cos'è quella macchia bianca sul capezzolo?" disse il ragazzo non accorgendosi che lei sbiancò in quel momento. "Ma niente amore non ricordo, sarà stata panna, sai ieri ci stavo giocando con Chiara" cercò di smarcarsi Giulia ma Thomas avvicinandosi ad annusare capì cos'era e sconcertato e pieno di rabbia guardò Giulia negli occhi che iniziò a piangere..

To be continued..

SPOILER ALERT

Thomas "Quella troia non mi merita ma gliela faccio pagare"
Chiara "tranquillo che ci penso io alle tue palle"

Cosa succederà?

Questo racconto di è stato letto 2 8 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.