L'unica donna

Scritto da , il 2021-04-13, genere prime esperienze

ho 25 anni mi chiamo Valerio ho una storia da raccontare che risale a 10 anni fa,una storia che porto gelosamente rinchiusa nel mi cuore,che mi ha fatto diventare uomo.Ero un ragazzo un po' scapestrato,anche ribelle,,sessualmente "rattuso"come si dice a Napoli,un segatore allucinato.Non la facevo buona a nessuno,sorella mamma zie,ogni occasione era buona per strusciare,palpare,spiare,e poi via a lavorare di gomito,se e' vera la storia che le seghe ti fanno diventare cieco,dovrei esserlo da anni e invece..... Mia sorella era disperata lei e' piu' piccola di me di tre anni,tutte le amichette che portava in casa dovevano passare prima dalla dogana,cioe' io,palpavo tutte senza pieta' e senza ritegno.Mamma un po' ci marciava,basta che m teneva in casa faceva finta di non capire e non vedere.Aveva su di me una maniacale paura di farmi vivere una vita da adolescente libero,non avevo sfogo per vivere le esperienze che devono esserci a quell'eta'.I miei compagni di scuola avevano le loro occasioni con le coetanee,io non potevo,perche' appena uscivo di scuola se passavano 10 minuti e non ero a casa correva l'esercito a cercarmi.e quindi mi dovevo arrangiare.Giornalini con donne nude,e palpeggiamenti a chiunque mi capitasse a tiro,e tante seghe.E qui entra in gioco la nonna.Mia nonna era una bella donna di 60 anni circa.per l'eta che aveva era bella dura,formosa,i capelli neri corvini,le labbra carnose,e io ero il suo coccobello,guai a chi mi toccava,le litigate tra lei e mamma erano furiose,la nonna non ammetteva che io facessi il sepolto vivo,ma con mamma non c'era niente da fare,non mollava.L'unica cosa che mi era concessa andare dalla nonna,e pratiamente ero sempre da lei,e con lei mi aprivo,le raccontavo tutte le mie frustrazioni,le mie curiosita' sul sesso,e un giorno le confessai il mio peccato,le seghe.Non devi,mi disse sei pazzo?vuoi diventare cieco?Ecco nonna finche' non lo divento io continuo,risposi.Ma cos'e' che cerchi,cosa vuoi sapere mi chiese.Nonna piu' che sapere io voglio vedere,toccare,non vivere piu' nella mia fantasia,tutte le amichette di Teresa(mia sorella)non vengono piu' a casa, la zia ha detto che se non smetto di toccarle il culo,mi brucia le mani,a scuola e' inutile fare conquiste se non ho la liberta' di uscire,quindi mi adeguo.Lei non rispose mi guardo' con una dolcezza che non ho mai piu' riscontrtato nella mia vita,mi diede un bacio in fronte,si alzo' in piedi e sbottono' la vestaglia aprendola sul seno.Secondo te quindi io non sono degna delle tue attenzioni visto che con me non ci hai mai provato,e intanto che parlava lascio' scivolare via la vestaglia restando in reggiseno e mutandine.Aveva due tette alte e piene,due cosce slanciate avvolte in un collant nero lo slip bianco a pizzo.Ero a bocca aperta,la guardavo,era bellissima,bona da morire proprio il tipo di donna che sognavo,forse attraverso i giornalini o forse perche' inconsciamente era prorio lei il mio sogno ricorrente.Allora,mi disse,mi slacci il reggiseno?O vuoii sfilarmi le calze? Non reagivo,non rispondevo,ero tipo baccala',Lei si avvicina mi tende la mano,Oh mi dice,allora che si fa?e si gira facendomi segno di slacciare il reggiseno,a mani tremanti lo slaccio,lei mantiene le coppe con le mani,si gira e le lascia cadere.Che meraviglia quelle tette,grosse,ma sode,con una aureola scura larga e al centro un capezzolo appuntito,allungo le mani e stringo quelle zizze meravigliose,le soppeso,le stringo.Baciale dai,mi dice,mi immergo con il volto su di loro,avrei voluto avere mille mani,come una piovra,metto le mani sul culo e la spingo a me,le cosce le schiena tutto come un flash,Intanto il mio pisello comincio', dopo un attimo di debosciamento dovuto forse all'emozione,a dare segni di risveglio,e piu' affondavo le mani dappertutto piu'cresceva.Ehi disse lei,piano,mi stai "ammappuciando",(termine napoletano che significa mi stai maltrattando) non correre,sono qui stai rilassato,e mi prende il viso tra le mani dandomi un bacio leggero sulle labbra.Vuoi togliemi i collant?Le mie mani si infilarono nelle calze e le abbassai,accompagnando con lo sguardo e fermandomi all'altezza della figa,che attraverso gli slip bianchi risaltava in tutto il suo splendore Aspetta,disse la nonna,non e' ancora il momento,pero' era tardi perche' misi le mani sul culo e la tirai a me biaciando come un ossesso quella ficona succosa.Non si ritrasse,anzi mise le sue mani tra i miei capelli e con il ventre spingeva sul mio viso,la presi tutta in bocca attrverso lo slip,e le mie mani erano attaccate a ventosa sul suo culo morbido,misi le mani dentro la mutandina e cominciai a stringere la carne nuda e tosta del culo,le sue mani tra i miei capelli mi solleticavano la mia bocca sulla sua figa,sbavavo come un cane assetato.Mi fermo' lei,mi fece alzare,e mi mise seduto sul letto,lei all'inpiedi davanti a me si spoglio' del tutto,e rimase nuda.Toccami accarezza ogni parte del mio corpo,vedo che ti piaccio,mi disse facendo segno con gli occhi verso ll mio pisello che ormai stava scoppiando nel pantalone.Non si sdraio' ma rimase in piedi.La toccai dappertutto e quando misi la mano sulla figa rimasi folgorato,era piena di umori,una cozza favolosa,due labbroni coprivano il frutto proibito,divarico' leggermente le gambe ed entrai con le dita.In quel preciso istante la testa mi girava come una trottola,non mi trattenni e venni nei pantaloni.Lo immaginavo mi disse,vediamo come dobbiamo riparare dai,mi disse.Mi vergognai,Nonna dissi con voce tremante,tranquillo, disse,e' normale,che pretendevi,sembravi un ossesso,mi ribacio' legggermente le labbra ed io lasciai scivolare un pezzetto di lingua tra le sue,prima trasali'poi mi bacio'anche lei infilando la sua lingua nella mia bocca,le lingue si inrociarono,la succhiavo,era il primo vero bacio della miavita.Dopo si rivesti' mi fece pulire,mi asciugo' il pantalone,non successe piu' niente e tornai a casa.Quella notte non riuscii a chiudere un occhio,mi ritornavano in mente tutte le scene,il suo corpo nudo,e ancora una volta mi arrangiai da solo.Il giorno dopo appena uscito da scuola dissi a mamma che andavo a fare i compiti dalla nonna,feci le scale a quattro,avevo il cuore in gola,bussai,e appena apri'le saltai addosso.Non feci nemmeno in tempo a capire,mi rifilo'due schiaffoni che ancora mi brucia la faccia.Ma che cazzo fai,sei impazzito?mi disse.Ma...ma...nonna...io...Va' in cucina e fai i compiti,mi rispose.Si giro' e si diresse verso la cucina girandosi di spalle.Mi sedetti come un cane bastonato e aprii i quaderni,a non capivo niente,mi chiedevo il perche',la guardai didi nascosto,e qualcosa non mi tornava.Aveva indossato una vestaglietta piu' corta ben oltre il ginocchio,e non indossava le calze,aveva i capelli sciolti,era meravigliosa.Si inchino' in avanti come per pulire nel mobile e trasalii,non aveva le mutande,vidi perfettamente lo spacco della gnocca.Inghiotii piu' volte e sperai che era un preludio a qualcosa,finii i compiti a tempo di record,e attesi che lei si avvicinasse per mettere il piatto a tavola.Che c'e' mi disse,sei diventato muto?Nonna se mi rifili un altro ceffone come prima preferisco che sia tu a parlare per prima.Si sedette di fronte a me,cazzo come era sensuale,la fissavo,e lei"La smetti di guardarmi,dai mangia,cosa credi che sono diventata il tuo giocattolo,vieni,tocchi,ma chi ti da tutta questa confidenza?Lo diceva con un aria seriosa,ma non ero convinto,aveva un ghigno di sarcasmo dipinto in volto.Scusa nonna mi sono lasciato andare,sai stanotte ti ho sognata e allora....Ma dai non dirmi mi hai sognata,e che facevamo nel sogno?mi mettevi le mani addosso come un polipo? Figurati adesso che ti ho visto che sei senza mutande,risposi.Rise,si alzo' e si sedette sulle mie ginocchia.Successe tutto quello che avevo sognato,mi insegno'tutto la presi la penetrai e mi guido' in paradiso.Anche nei giorni a seguire,ormai le seghe erano un lontano ricordo,sono diventato uomo grazie a lei e nessuno avra mai' un posto nel mio cuore come lo ha lei


Questo racconto di è stato letto 6 9 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.