Amore di mamma 2

Scritto da , il 2020-04-24, genere incesti

dopo quella volta era passato un po' di giorni,mamma non mi dava tanto spago,mi evitava,ero incupito arrabbiato,per quello che avevo fatto,ma di piu' per quello che non avevo fatto,ma lei non mi dava occasione,la sera non sedeva piu' sul divano,e quando si svestiva chiudeva la porta lasciandomi fuori,ma il caso gioco' a mio favore.C'era un panificio vicino casa,e il padrone del negozio ogni volta che mamma andava a comprare faceva il brillante e lei era sempre compiaciuta dei complimenti e rideva come una scema,anche il meccanico,che era amico di papa' ogni volta che mamma passava di la'le sbavava dietro,ma il panettiere faceva piu' colpo su di lei,si vedeva,e una mattina che tornavo prima da scuola la vidi nel pulmino di lui che la lasciava dietro il palazzo dove abitavamo,mi nascosi,lei scese ridendo, saluto l'uomo 'e scappo' via.Il sangue mi monto' alla testa corsi come un pazzo e salii a casa prima di lei,quando entro' la .Ti ho vista nel furgoncino di alfredo,cosa ci facevi,gridai,ma sei pazzo,disse lei non ero io.Mamma gridai eri tu ti ho vista,che ti fai scopare da quello?mi rifilo' un ceffone,sei uno stronzetto mi disse,per chi mi hai preso?e tento' di colpirmi ancora,mi ha dato un passaggio perche' avevo le borse,si?risposi allora quando viene papa' glielo dico vediamo che ne pensa.Eio gli dico che hai tentato di fare il porco con me?Bene risposi,vediamo a chi crede,risposi.Lei scoppio' a piangere"ma che vuoi da me,perche' mi tormenti,lo so che ho sbagliato a fare quel che ho fatto con te,ma l'ho fatto per proteggerti,perche' ho paura per te,non dovevo farlo,ma l'ho fatto,ti ho fatto passare lo sfizio non ti basta.NO risposi d'impeto perche' mi hai fatto solo una sega,e quelle me le so fare anche da solo,io voglio te le dissi ,lei rimase impietrita,io le andai vicino e cominciai a strapparle i vestiti da dosso.Calmati,disse stai calmo,,la tirai verso di me,stai calmo,ripeteva lei,io mi girai e la baciai sulle labbra,un bacio a stampo,si dice oggi,una,due tre volte e lei mi rispose mettendo la sua lingua tra le mie labbra,feci lo stesso e lei me la succhio'ero come impazzito,l'avevo spogliata quasi tutta le sganciai il reggiseno,le sue meravigliose zizze,le baciai a lungo le succhiavo,e con le mani attaccate al suo culo la tiravo a me,aspetta disse,sta calmo,mi porto' nel letto grande,mi sdraio' e si mise accanto a me,io le salii sopra,con calma,disse lei,con calma,apri' le gambe,prese il mio cazzo e lo guido' dentro di lei.La stavo chiavando,un brivido mi percorse tutto,la baciavo con la lingua e lei rispondeva.Muovi ti con calma mi disse fallo entrare tutto e poi tiralo lentamente fuori e rifallo,un vortice di passione incredibile la stavo chiavando,e stavo resistendo a non venire no so quanto tempo duro'non capivo piu' niente,mi ricordo solo che al momento opportuno lei si scosto' mentre stavo sborrando e le sporcai tutta la pucchiacca di sperma.probabilmente svenni,quando riaaprii gli occhi e lei si era' ripulita,e vestita,mi venne vicino,mi asciugo' il cazzo con una salvietta e mi disse di andare a lavarmi,Questa storia,l'ho raccontata per la prima volta,forse per liberarmi da un peso che ho portato chiuso come un macigno dentro si me per quarant'anni,non successe piu' niente dopo quella volta,mamma torno' a fare la mamma premurosa ma mi lascio' molta piu' liberta'Ora sei pronto.mi disse.

Questo racconto di è stato letto 9 4 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.