Sculacciando mia sorella Simona (prima parte)

Scritto da , il 2021-03-07, genere incesti

Solo chi come me ha una sorella (un po rompiscatole) può capire cosa ha voluto dire passare due mesi chiusi in casa con lei. Se poi vivi anche in un appartamento all’ottavo piano dove quando ti affacci alla finestra non vedi null’altro che altre altri palazzi e finestre tutte uguali, alla fine, forse, puoi capire il motivo di questa storia.
Come ogni fratello e sorella che si rispetti anche io e mia sorella Patrizia abbiamo passato momenti in cui siamo andati d’amore e d’accordo e altri in cui non ci si sopportavamo. Vivendo poi “reclusi” per due mesi in un appartamento di circa 90 mq., senza poter vedere nessun altro al di fuori di mamma e papà (dovendo anche condividere con lei la stessa camera da letto), alla fine ci è mancato poco che scoppiasse in casa nostra la terza guerra mondiale.
Questo fino a quando un pomeriggio Patrizia ….
E’ un sabato pomeriggio, subito dopo pranzo. I nostri genitori sono usciti per andare a fare la spesa. Patrizia ed io siamo soli in casa. Mia sorella si eclissa in bagno, come fa abitualmente subito dopo pranzo. Rimasto in camera da solo (sapendo di poter trascorrere in santa pace almeno una decina di minuti) decido di mettermi davanti al computer per andare a guardare qualche sito porno.
Improvvisamente però (prima del previsto) compare alle mie spalle Patrizia. Patrizia notando che sto guardando un video porno al computer comincia a prendermi per i fondelli. -Sei il solito maiale! ….. Ci credo che poi devi sempre correre in bagno. Se guardi sempre quei video li … ecc.- Dopo l’ennesima battuta mi giro di scatto ed afferro Patrizia per i fianchi.
La giornata è abbastanza calda ed in casa anche l’aria (la temperatura atmosferica) inizia a essere pesante. Da alcuni giorni Patrizia ed io abbiamo iniziato a circolare per strada con il solo intimo addosso. Io in mutante e maglietta di cotone, Patrizia in mutande e reggiseno. A volte però anche lei invece del reggiseno indossa una maglietta di cotone bianco a maniche corte, proprio come la mia.
Quel sabato pomeriggio entrambi abbiamo indosso gli stessi indumenti.
Patrizia appena avverte le mie mani su i suoi fianchi cerca di divincolarsi, ma io sono più lesto di lei. Appena si gira di spalle per tentare di sfuggirmi la afferro per l’elastico dei suoi slip e li abbasso fino a metà sedere. A quel punto mia sorella Patrizia per cercare di non farsi tirare giù completamente le mutande da me si ferma un istante. Così facendo però fa il mio gioco. Grazie alla sedia con le rotelle della mia scrivania dove sono seduto mi avvicino a lei in un lampo, la afferro per i fianchi e la tir verso di me. Nonostante la sua corporatura (Patrizia è piuttosto grassottella) riesco per prima cosa a bloccarla poi a farla girare su se stessa, quindi a farla sdraiare con la pancia sulle mie ginocchia.
Prima di andare avanti è doveroso parlare dell’aspetto fisico di mia sorella. Come accennato mia sorella Patrizia è piuttosto grassottella. (Forse dovrei dire robusta, ma il termine non rende bene) Nella sua abbondanza mia sorella Patrizia è comunque ben proporzionata. Ha un bel sederone, due fianchi proporzionati, una quarta di seno, ed un viso tondo con delle belle guanciotte che io, di tanto in tanto, pizzico. Oltre ha questi dettagli del suo aspetto fisico c’è però una cosa di Patrizia che a me piace da morire. Sono i suoi occhi chiari. Sono segretamente innamorato degli occhi di mia sorella.
Per colpa del suo aspetto fisico Patrizia non ha molti amici. Soprattutto da quando circa un’anno fa alcuni ragazzi (ma anche ragazze), iniziarono a “bullizzarla”. Lei ha sofferto molto per questo motivo, ed in fondo, un po anche io. (Nonostante tutto lei è sempre mia sorella ed io le voglio bene).
Ma torniamo a noi. Patrizia sorpresa dalla mia mossa (forse anche per il timore che io le potessi strappare gli slip) non oppose alcuna resistenza lasciandosi adagiare dolcemente con la sua pancia sulle mie ginocchia. Una volta adagiata sulle mie ginocchia senza pensarci un solo istante abbasso gli slip a mia sorella fino sopra le sue ginocchia, quindi inizio a sculacciarla.
Mentre la sculaccio provo improvvisamente dentro di me un piacere mai provato prima. -Noooo smettilaaa !- esclama Patrizia ridendo. Mia sorella sembra più divertita che infastidita da quella mia punizione. La sua ripetuta esclamazione è condita dalle sue risate che mi inducono ad andare avanti in quel modo. Mentre sculaccio Patrizia (senza esagerare) lei ad un tratto per cercare di divincolarsi inizia a ruotare leggermente il busto da destra a sinistra e da sinistra a destra. Così facendo però mia sorella non si rende conto che io ora riesco a vederle sia il suo ano sia la sua fighetta ricoperta da una sottile peluria scura.
Proprio la visione improvvisa della fighetta di mia sorella (non gli vedevo i suoi genitali da quando ebbe le prime mestruazioni) mi porterà qualche istante dopo ad osare ciò che mai avrei immaginato di poter fare con lei.
Istintivamente sovrappongo il medio all’indice della mano sinistra, quindi con il palmo aperto della mano destra prima fermo il sedere di Patrizia poi dopo averle allargate le chiappe la penetro nella figa fino in fondo. Patrizia avvertendo le mie dita intrufolarsi nella propria intimità si blocca di colpo. Come una preda immobilizzata dal suo predatore Patrizia rimane immobile in attesa della mia mossa successiva.
Le mie dita scivolano dentro la figa di mia sorella come una lama di coltello in un panetto di burro. Patrizia emette un flebile gemito che avverto appena. Poi null’altro. Una manciata di secondi dopo averla penetrata nella figa con due dita avvicino il pollice della mano destra al suo ano e ne spingo dentro la prima falange.
Improvvisamente Patrizia emette un gemito molto più chiaro.
Come mia sorella Patrizia anche io rimango immobile osservando la scena come in un sogno. Poi improvvisamente mia sorella comincia a sollevare ed abbassare leggermente il sedere.
All’inizio è una cosa quasi impercettibile, poi con il passare dei secondi il suo sali e scendi diviene sempre più chiaro e ben visibile. E’ un sali e scendi ritmato che con il trascorre del tempo diventa sempre più veloce.
Incredulo, e piacevolmente stupido dall’atteggiamento di mia sorella decido di lasciarla fare.
Patrizia muove velocemente su e giù il sedere facendo scivolare leggermente dentro e fuori le mie dita dalla sua figa che improvvisamente gronda di umori femminili. Il ritmo che impone mia sorella a qual sali e scendi e scandito dai suoi mugolii e gemiti che fuoriescono dalla bocca. -Siiiii ! Mia piace così!- esclama ad un tratto.
Quelle sue improvvise, ma semplici parole, accendono per la prima volta in me il desiderio di fare sesso con mia sorella.
Stimolato dai suoi gemiti e da quella sua affermazione comincio a muovere piano dentro la sua figa ormai inondata le mie dita. Comincio con gesti delicati, un dentro e fuori ritmato dai gemiti di Patrizia, poi con il trascorrere dei secondi aumento sempre più il ritmo fino a stabilirne le regole.
Patrizia improvvisamente divarica le gambe andando ad appoggiare un piede sul suo letto e l’altro sul mio. Ora i mie occhi possono vedere ancora più chiaramente la sua figa completamente dilatata e grondante dei suoi umori. Improvvisamente Patrizia mi supplica di spingere ancora più a fondo le mie dita dentro la sua figa.
Per poterla accontentare decido prima di sfilare le due dita, quindi torno a penetrarla nuovamente con il solo medio, mentre con l’altra mano le dilato le grandi labbra.
-Siiiii, siii così spingi forte sto per venire !- Queste sono le ultime parole che mia sorella Patrizia esclama prima di raggiungere il suo primo orgasmo grazie alle mie dita della mano sinistra.
Sfinita, un istante dopo Patrizia adagiando delicatamente entrambe le ginocchia a terra solleva il busto e getta il suo sguardo dentro ai miei occhi. Patrizia ha il volto arrossato e sudato come quello di una ragazza che ha appena terminato una maratona. Poco prima nel scivolare con il busto all’indietro Patrizia aveva strusciato il suo braccio sinistro su i miei slip facendo fuoriuscire la punta del mio uccello all’esterno.
Improvvisamente Patrizia abbassa lo sguardo sulla mia erezione e dall’espressione del viso capisco che vorrebbe toccarlo. Con un gesto istintivo abbasso i miei slip fino sopra le caviglie poi invito mia sorella a prenderlo in bocca.
-Muoviti Prendilo in bocca !- le ordino. Patrizia senza nemmeno accennare un minimo gesto di rifiuto avvicina delicatamente la sua bocca già aperta al mio glande poi una volta posizionata perpendicolarmente sopra di esso socchiude delicatamente le sue labbra.
Improvvisamente vengo travolto da un brivido caldo che mi scorre lungo tutta la schiena. -Succhialo!- le ordino. Patrizia strizza delicatamente le labbra risucchiando il glande nella sua bocca. Dalla mia bocca fuoriesce un gemito di piacere.
Improvviso avverto dentro di me il desiderio di osare oltre, così senza nemmeno pensarci un solo istante prendo per i capelli Patrizia e la costringo ad infilarsi tutta la mia erezione in bocca.
Sorpresa dalla mia mossa a mia sorella Patrizia non resta null’altro che sperimentare con il sottoscritto il suo primo pompino. -Muoviti succhialo e leccami tutto l’uccello!- le ordino. Patrizia obbedisce ai miei ordini senza opporre alcuna resistenza. Succhia e risucchia tutti i diciotto centimetri della mia erezione. Di tanto in tanto fuoriesce dalla bocca il mio sesso per leccarlo partendo dai testicoli per arrivare al frenulo del glande. -Si così bravissima !- le dico di tanto in tanto continuando a tenerla per i capelli per guidare la sua testa e la sua bocca in quel dentro e fuori che mi sta facendo godere.
Patrizia continua a spompinarmi senza accennare ad un minimo rifiuto, e va avanti in questo modo fino a quando avverto dentro di me di essere prossimo all’orgasmo.
Avvertendo di essere vicino ad eiaculare lascio i capelli di mia sorella e l’avviso di essere prossimo a l’orgasmo in modo che lei possa sfilare il mio uccello dalla sua bocca.
-Sto per venire !- esclamo con un tono di voce liberatorio. Patrizia però decide di non mollare la presa. Con una mossa che mi sorprende (e non poco) mia sorella Patrizia afferra con la mano destra la mia erezione stringendola nel proprio pugno quindi con la bocca effettua un risucchio potente che mi porta qualche secondo dopo a venirgli in bocca.
Vengo così in bocca a mia sorella Patrizia con un urlo liberatorio.
Patrizia tiene stretto nel proprio pugno il mio uccello e tra le labbra il mio glande fino a quando non avverte più nessuno spasmo muscolare, poi lascia la presa, lascia scivolare fuori dalla bocca il mio glande e con le guance gonfie torna a guardarmi dritta negli occhi.
-Hai ancora tutto il mio seme in bocca ?- le domando. Patrizia fa un gesto affermativo con la testa quindi apre piano la bocca e mi mostra tutto il mio liquido seminale che ho appena eiaculato. -Mandalo giù!- esclamo. Il mio tono di voce questa volta non è imperativo. La mia non è proprio una richiesta, è una speranza di vedere mia sorella ingoiare il mio seme.
Patrizia torna a sorprendermi. Due secondi dopo la mia dolce sorellona socchiude le labbra ed inizia a deglutire. Patrizia deglutisce piano una, due, tre volte fino a quando ingoia tutto il mio seme. Nell’ingoiare il mio seme noto due sottilissimi “rigagnoli” di liquido seminale fuoriuscire dai lati dalla sua bocca.
Questa volta sono io a rimanere a bocca aperta.

Questo racconto di è stato letto 8 7 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.