Legata!

Scritto da , il 2021-03-03, genere bondage



L’ infinita complicità che ci legava, ci portava spesso a giochi di ruolo mentre si faceva l’ amore, il feeling e la completa fiducia, ci portava ad esplorare anche le più piccanti delle nostre perversioni. Si cominciava per caso o con intenzione, con la malizia che accendeva le nostre fantasie. Quel giorno dopo aver assistito estasiato al suo strip tease, presi la corda nera dal cassetto, non l’ avevano mai usata, e forse non sapevamo neanche il perché l’ avessimo comprata. Era spessa e morbida, molto lunga, mi avvicinai a lei, e le passai la corda dietro il collo, la sua pelle profumata mi eccitava ancor più del suo corpo nudo, delicatamente armeggiavo con la corda, la intrecciai sotto i suoi seni, passandola dietro le spalle, continuai con le braccia, i polsi, legati bene dietro la sua schiena, sfiorare la sua pelle e passare le dita lungo la corda, era molto meglio dei classici preliminari. La guardavo legata tra le mie mani, la mia eccitazione era alle stelle, il suo sguardo malizioso seguiva la mia erezione ancora nei pantaloni, le mie mani, iniziarono a cercare il suo piacere, a partire dalla sua bocca, finendo tra le cosce! Le mie dita frenetiche cercavano il suo clitoride, mentre le sue labbra carnose attiravano la mia lingua e la mia bocca, tra le cosce la mia mano iniziava a bagnarsi dei suoi umori, con la bocca cercavo il suo collo, poi un suo capezzolo, mentre con le dita cercavo si farla godere, ma la posizione non era comoda, è la sua impossibilità di muoversi mi spinse a cercare “aiuto” in un vibratore. Lei impiedi, legata con le braccia dietro la schiena, nuda, io al suo lato, ancora vestito, con in mano con in mano il vibratore, prima di accenderlo lo passai tra le sue cosce qualche volta lentamente, il suo sguardo quasi mi implorava di continuare, lo misi alla massima potenza, e con la punta cercai il suo clitoride. Quasi le cedettero le gambe, inizio ad ansimare dal piacere, io la cingevo dalla vita, mentre mi limitavo a tenere fermo il vibratore, il suo respiro accelerava, stava per raggiungere l’ orgasmo, ormai la reggevo completamente infatti cademmo entrambi sul letto mentre cercavo di assecondare i suoi spasmi di piacere col vibratore, che ormai aveva fatto il suo dovere.Pochi istanti per farle riprendere fiato, il gioco era appena cominciato, le sue occhiate di complicità bastavano a intenderci, senza neanche parlare, l’ aiutai a mettersi inginocchio sul letto, e sistemai la corda intorno hai suoi polsi. Ormai impaziente mi spogliai, lei capendo le mie intenzioni si piegò verso la mia erezione, il tocco delle sue labbra sulla mia cappella gonfia mi fece gemere di piacere, praticamente la reggevo per la testa, mentre la sua bocca mi dava il piacere tanto cercato, la sua lingua si muoveva lungo la mia asta eretta, mi muovevo dentro la sua calda bocca, avrei voluto abbandonarmi all’ orgasmo, ma non volevo finisse subito quel piacere, Volevo possederla, era li a 90 con le mani legate dietro la schiena, la voglia di penetrarla in quella posizione era alquanto ovvia, con molta foga passai all’azione, mi misi dietro di lei cercando subito la penetrazione, iniziai a muovermi dentro di lei tenendola per i fianchi, i suoi gemiti seguivano il ritmo delle mie spinte sempre più insistenti. In quel groviglio di lenzuola, ritrovai il vibratore, senza accenderlo. e senza smettere di penetrarla, le passai la punta del giochino sull’ano, lei protesto timidamente, ma le mie interazioni erano chiare, e lei lo sapeva. Mi fermai, feci cadere un po di saliva sul suo ano, la punta del vibratore iniziava ad entrare delicatamente, intanto con la cappella strusciavo il suo clitoride, il vibratore ormai era entrato quanto bastava, con il dito continuavo a lubrificarlo con la saliva, mentre lo muovevo piano dentro, mentre lei gemeva di un piacere, gemito che diventò un urlo al sentire anche la mia penetrazione, mi fermai per qualche secondo, poi iniziai a spingere contemporaneamente anche il vibratore. Con il giusto ritmo durammo poco in quella situazione, quella doppia penetrazione la porto poco dopo ad un abbondante orgasmo, il mio mi colse di sorpresa subito dopo, i miei schizzi di piacere misti ai suoi umori, furono il lieto fine del nostro gioco. Passarono dei minuti prima di riprenderci, pensando forse, al prossimo capitolo del nostro gioco preferito.

Questo racconto di è stato letto 3 8 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.