Punizione esemplare

Scritto da , il 2021-02-23, genere dominazione

‌Sentiva pulsare dentro di lei l'eccitazione, quella che solo Carlo era capace di farle provare. Bastava che lui le dicesse qualche parola e lei era lì ai suoi piedi che lo implorava di voler godere. In qualche modo, anche se distanti, riuscivano a godere insieme di ogni fantasia. Continuavano a immaginare ogni volta perversioni sempre più spinte, sempre più sporche e sempre più strane. Si desideravano, Jasmine desiderava essere la sua schiava, voleva sentirsi umiliata da Carlo, e lui d'altra parte faceva di tutto per renderla la sua puttana. Le sputava la faccia, e con il cazzo sempre in tiro la schiaffeggiava sulle guance, la umiliava ripetendole di continuo di quanto fosse troia, puttana, la sua vacca da monta. E lei si eccitava, tutta quella violenza la rendeva particolarmente arrapata e vogliosa di cazzo. Sentiva pulsare la sua vagina, rossa e bagnata. Il fluido le scendeva fino alle labbra, bagnava il clitoride ed il pizzo del suo perizoma nero. Stringeva le gambe per mantenere quel calore che sentiva da dentro, si mordeva la bocca, sperando che Carlo quanto prima cominci a chiavarle la bocca. Le piaceva spompinarlo, e le piaceva quando lui, arrapato e porco, le teneva la testa per dettare il ritmo: gli piaceva spingerlo tutto in gola, gli piaceva sentire il conato di vomito e vedere le lacrime che scendevano sul viso per lo sforzo. La schiaffeggia sulla faccia, le dice di succhiare bene, come solo una puttana sa fare, e più la insulta più le spinge il cazzo a fondo. Le palle toccano le labbra, sbattono potentemente sul mento di Jasmine. È Carlo a decidere quando Jasmine può e deve godere, e Carlo sa che dovrà soffrire ancora molto prima di poter urlare di piacere. Dal tavolino di fianco a lui prende una corda, la apre e ordina a Jasmine di aprire le gambe. Lei, da brava schiava sottomessa, obbedisce. Ha paura, Carlo è solita punirla per la sua condotta, per tenerla sempre a bada, e per questo, una volta aperte le gambe, prende a frustarle la figa eccitata. È così nervoso che ad ogni frustata si sente un boato nella stanza, la sua puttana va punita, deve capire che non può decidere di testa sua. Tutto questo a Jasmine piaceva, voleva sentirsi così, un po' bambina e un po' donna, santa fuori e puttana dentro. Pian piano il dolore della frusta lascia spazio al godimento puro per quella punizione esemplare, e si lascia andare ad un gemito di piacere, che a Carlo non piace assolutamente. Le strappa le mutande di pizzo tutte fradice e gliele infila in bocca, le schiaffeggia il viso e le ordina di zittire. Va avanti ancora per qualche colpo, ogni tanto le sputa sulla fessa e per alleviarle il dolore le fa sentire il piacere del cazzo duro vicino alla figa: preme la capocchia sul clitoride e la struscia per un po' e non appena intuisce dal viso di Jasmine che questo le piace, si allontana. La stessa corda che le ha picchiato a sangue la figa, ora deve legare le braccia e le gambe per tenerla a cosce aperte. Il piano di Carlo è ancora lungo, e ora ha voglia di aprirla, di allargarle la fessa per riuscire a vedere dentro. Le infila dentro uno speculum: è importante che ora resti aperta. Da poco lontano e con il cazzo di marmo le piscia dentro, il piscio schizza anche sul corpo e qualche goccia le arriva in faccia. La fessa di Jasmine cola piscio caldo, è una fontana, ed è così calda e arrapata. Dopo averle pisciato nella fessa, è il momento di aprirla. Il pensiero di vederle fino all'utero non lo lascia in pace, vuole metterla a nudo di tutto, farla sentire come un verme, nuda e indifesa. Tira fuori di volta in volta oggetti con un diametro sempre maggiore: li infila nella fessa di Jasmine e poi li tira fuori, passando al prossimo oggetto. L'ultimo oggetto è un'asta di ferro doppia e tagliente. Jasmine si muove, vorrebbe liberarsi, prova dolore, ma a Carlo piace vederla mentre soffre e si dimena. Urla perché le fa male, ma più soffre, più Carlo si eccita. È come se lo incitasse a fare sempre peggio, sempre più a fondo e sempre più violento. Prima di togliere dalla fessa il tubo, le guarda dentro.È arrapato, ora vuole solo godere. Sfila di colpo il tubo, la fessa è aperta e lacerata. In tutto quel dolore Carlo allenta la corda, ma solo per metterla a 90, con la faccia sul tavolo e il culo da scopare. Non ce la fa più Carlo, sente la sborra risalire dalle palle, vuole sborrare e godere delle sue porcate. Si fa spazio con il cazzo duro e grosso, le spinge il cazzo nel piccolo buco e comincia a pompare. Anche Jasmine stavolta gode, le piace sentire le spinte di Carlo, le piace sentirsi piena. Carlo continua a chiavare con forza ancora per qualche colpo, poi l'orgasmo. Fiotti di sperma inondano il culo di Jasmine, il caldo della sborra, Carlo che geme e gode, con la sua voce roca e arrapata. Jasmine è esausta, chiude gli occhi e viene in un meraviglioso orgasmo: gode proprio come una puttana, come una troia. Si dimena e urla, geme, gode. A questo punto, Carlo pensa che la sua puttana sia stata punita a dovere e Jasmine sa che una buona schiava non deve mai sfidare il suo padrone.

Questo racconto di è stato letto 2 4 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.