Il nuovo ordine mondiale - 8 Francesca arriva nella nuova casa

Scritto da , il 2021-02-22, genere dominazione


Appena arrivata nella casa dei miei nuovi padroni fui affidata ad Elena che dopo una iniziale diffidenza si dimostrò accogliente e affettuosa. Mi resi conto che dopo quattro anni aveva bisogno di una compagna con cui confrontarsi e aprirsi. Aveva il compito di istruirmi sui miei miei compiti e spiegarmi le regole della casa. Usò però quei primi giorni anche per raccontare e farsi raccontare. Mettemmo a confronto le nostre esperienze e ci fu subito chiaro quanto fossimo simili. Entrambe avevamo reagito alle sfortune che ci erano capitate evitando vittimismo e autocommiserazione e con una certa dose di egoismo, opportunismo e cinismo. Elena mi disse della sua vita precedente, di come per colpa di suo marito era diventata una schiava e di come, lentamente, aveva iniziato a perdere la stima nei confronti di Marco, nonostante l'amore che aveva provato per lui. Questo non tanto perché l'aveva messa in quella situazione assurda ma soprattuto per come avesse immediatamente perso ogni dignità una volta che era diventato uno schiavo. Elena mi raccontò anche dei suoi periodici incontri con Guido, ma anche nei suoi confronti fu abbastanza critica "un bambino viziato forte solo con i deboli, essere però la sua pseudoamante mi garantisce dei vantaggi, e poi mi piace scopare" chiudendo la frase con un sorriso complice; non le sfuggiva ovviamente che io ero stata scelta da Guido e che molto probabilmente avrei potuto insidiare il suo posto o entrare in competizione con lei ma, come me, capì immediatamente che avremmo avuto più probabilità di successo da alleate che non da nemiche. Il suo giudizio più impietoso fu però su Chiara: "arrogante, perfida e presuntuosa. È convinta che tutto le sia dovuto" aggiunse però che lei era riuscita a conquistare le sue simpatie e questo le garantiva un certo grado di libertà. Elena continuò "Anche gli incontri che ho con Guido sono voluti da lei. Mi usa in un certo modo per controllare suo marito". Ci misi un po' a capire il rapporto che univa Guido a Chiara: puro e reciproco opportunismo, eppure, in qualcuna delle loro perverse attività, dimostravano una inattesa complicità. Dopo quel breve periodo di addestramento passai al servizio di Guido che in un primo momento apprezzò quasi esclusivamente il mio culo e il modo in cui gli succhiavo l'uccello. Con il passare delle settimane iniziò però anche a notare la mia capacità di organizzare le cose e di risolvere i problemi. Da parte mia cercai di capire il contesto, le relazioni e i corrispondenti rapporti di forza stando sempre molto attenta a cosa dire e come dirlo. La svolta avvenne un pomeriggio di settembre. Erano passati due mesi dal mio arrivo nella casa e io con la mia uniforme da cameriera, che a secondo dei punti di vista poteva essere definita sexy o trash, stavo pulendo lo studio di Guido mentre lui alla scrivania scriveva un documento al computer con un certo nervosismo. Quando era entrato gli avevo chiesto se preferiva che me ne andassi ma lui mi aveva detto di continuare. Sapevo che gli piaceva guardarmi mentre lavoravo, quando sul mio culo non c'erano le sue mani spesso ci si posava il suo sguardo, quel giorno era però troppo concentrato su quello che stava scrivendo, era evidente che non trovava le parole giuste. Dopo mezz'ora interruppe il silenzio con un perentorio "vieni qui". Pensai che come il solito volesse un pompino e così mi misi in ginocchio al suo fianco; invece di slacciarsi i pantaloni inizió però un discorso che mi stupí "faccio parte di un comitato dove ci sono tutte le persone più importanti, ricche e influenti del pianeta. Il luogo dove si discutono e indirizzano le principali decisioni del nuovo ordine mondiali. Nelle altre assemblee sostanzialmente ratificano le nostre decisioni. Per l'Italia siamo solamente in due. Dopodomani c'è l'assemblea generale a Parigi e io devo fare un cazzo di discorso in cui devo prendere posizione su alcune questioni". Era evidente quanto fosse preoccupato; in quel momento era lui quello debole, era il momento che stavo aspettando e non me lo dovevo far scappare: "se vuole il discorso lo possiamo rivedere insieme, io non conosco le questioni che dovete discutere ma sono molto brava a scrivere, e poi a volte uno sguardo esterno è utile" per la prima volta mi guardó con un certo interesse, ma dimostrando un banale preconcetto disse "ma non hai vinto un concorso di bellezza?"; pensai "maschilista di merda" ma senza far trapelare dal mio volto questo pensiero gli risposi "si ma ho anche una laurea in filosofia e un master in comunicazione e giornalismo politico. Ho analizzato e studiato i discorsi dei principali uomini politici dello scorso secolo, da Togliatti a Moro". Guido rimase un po' interdetto, il suo sistema di valori da bottegaio non poteva ammettere che una intellettuale potesse anche essere una gran fica, era però così preoccupato che si aggrappò alla mia offerta di aiuto e mi iniziò a leggere la bozza del suo intervento. Ascoltai con attenzione e lo trovai del tutto insufficiente, sia nella sostanza che nella forma. La sua proposta era quella di aumentare il numero di reati per cui si potesse perdere la libertà aumentando così il numero di schiavi a disposizione dell'upper class, concetto rappresentato con frasi abusate e con un lessico che con un eufemismo si potrebbe definire povero. Non mi aspettavo certo che ricorresse a espressioni tipo "convergenze parallele" o "equidistanza sbilanciata" che avevano caratterizzato una lontanissima stagione politica ma certo quello che ascoltai fu fortemente deludente. Se da un lato però trovai mortificante la consapevolezza di essere la serva di un uomo così povero di spirito, soprattutto pensando agli slogan del nuovo ordine che sbandieravano ed esaltavano il valore della meritocrazia, dall'altro vidi una crepa in cui mi sarei potuta insinuare, una sua debolezza che se ben sfruttata mi avrebbe potuto far conquistare un certo potere. La situazione era surreale, io in ginocchio ai suoi piedi iniziai a fargli una lezione che conteneva elementi di scienze politiche, storia, tecniche di comunicazione e retorica; il tutto cercando di non mortificare il suo ego. Gli spiegai quindi che gli schiavi sono improduttivi e che tenere in piedi le strutture per il loro controllo ha un costo non trascurabile che ricade su tutta la comunità. Per rafforzare il concetto enfatizzando il bisogno di consumatori gli accennai anche alle non sempre nobili ragioni degli stati del nord nella guerra di secessione americana. Gli feci poi notare che il rapporto fra upper class e schiavi era già di circa 1 a 100 e che aumentare ulteriormente questo rapporto avrebbe dato una utilità marginale minima a un gruppo che aveva ormai imboccato la parabola della decadenza (quel'ultima considerazione mi limitai a pensarla) a fronte di un costo per la tenuta sociale che sarebbe stato enorme. La stragrande maggioranza della popolazione apprezzava infatti la sicurezza, il relativo benessere economico e la mancanza di una competizione esasperata che caratterizzava la situazione attuale, e che per mantenere questo status accettava che una parte residuale e lontana della popolazione potesse perdere la libertà (non gli dissi che in realtà nessuno di loro era libero perché probabilmente non lo avrebbe capito). Inoltre conoscere o aver avuto rapporti con uno schiavo rappresentava uno stigma che andava nascosto. Si assisteva quindi a una sorta di rimozione collettiva che portava la popolazione a sottostimare largamente il fenomeno della schiavitù. Se però una quota significativa di persone avesse avuto il sospetto e il timore di poter scivolare al livello più basso della piramide sociale allora quella paura avrebbe creato due fenomeni opposti: qualcuno sarebbe stato ancora più sottomesso e obbediente alle regole del nuovo ordine, ma gli altri avrebbero sentito il bisogno di ribellarsi, e questo avrebbe fatto ripiombare il mondo di nuovo nel caos, in una sorta di eterno ritorno. Dieci minuti dopo avevo preso il controllo della tastiera per riscrivere da zero il suo intervento mentre Guido, seduto al mio fianco, guardava con malcelata ammirazione le frasi che si componevano sullo schermo. Era evidente che da quel momento il mio ruolo all'interno della casa si sarebbe significativamente trasformato.

per commenti laser657@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 1 8 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.