Badante 1

Scritto da , il 2021-02-22, genere incesti

Mi chiamo Marta e sono stata assunta dalla famiglia Parodi ricchissima per gestire il nonno e il nipote dato che loro sono praticamente sempre in giro per il mondo,sono una bella ragazza di venticinque anni ben messa con solo un cruccio,ho la quinta di reggiseno,è esagerato ma non posso farci niente.
I ragazzi sono calamitati dalle mie tette e appena siamo soli le vogliono vedere e affondano la faccia e spesso anche il cazzo per farselo segare,a me piace e allora penso che queste due colline mi fanno bene.
Dopo una settimana che sto con i due mi chiedono di darci del tu cosa che faccio contenta,vuol
dire che mi hanno accettata ma specialmente il nonno quando stiamo insieme a parlare ha gli occhi sulle tette,a dire il vero non ci faccio caso e proseguo nel mio lavoro.
Una mattina lo vado a svegliare
“Sveglia Gianni il sole è alto e devi fare gli esercizi forza ti aiuto a alzarti”
“Eccomi cara ma oggi è il giorno del bagno accompagnami per favore”
Lo porto in bagno e preparo la vasca ,acqua tiepida e sedile per stare comodo,nel mentre Gianni si spoglia,io mi levo la vestaglia e tiro su le maniche della camicetta per non bagnarmi,si avvicina e,scavalca la vasca e si siede,lo sguardo và sul cazzo accidenti!!!!ha un signor cazzo bello grosso ma,data l’età,penzoloni,inizio a lavarlo e alla fine piglio in mano il cazzo e lo pulisco,arrivo anche a scappellarlo ma rimane floscio,peccato.
Mentre sono chinata sento la sua mano accarezzarmi una gamba e lentamente arriva alle mutandine
“Ma Marta porti le mutandine???”
“Ma certo cosa credi che sono una puttana!!!!???”
“Ma noooo casa hai capito adesso ti spiego,in gioventù ho avuto molte donne e quando si arrivava in confidenza chiedevo di sfilarsi le mutandine e andare in giro senza e dopo mi piaceva odorare la loro fighetta e indovinavo dove erano state.
“Ma dai non ci credo con quel cazzo che ti trovi odoravi solo!!!!????”
“Ma certo che dopo volevo i loro odori sul mio cazzo ma adesso basta dai aiutami a rivestirmi e andiamo”
Per tutto il giorno penso a quello che mi ha detto Gianni e il pomeriggio in camera mia decido di levarmi le mutande e girare a figa libera,è una strana sensazione perché sento l’aria che mi solletica e come massimo quando vado a pisciare non mi pulisco ma lascio che le gocce si asciugano sulla mia pelle.
Durante la settimana anche il nipote Luca inizia a guardarmi con insistenza esagerata le tette e la cosa non mi dispiace ma a fargliele vedere mi trattengo pensando che il nonno si incazza e mi cacciano a dire il vero controllare cosa ha sotto il nipote mi piacerebbe e se ha preso la stazza del nonno sarebbe piacevolissimo.
Una mattina sveglio il nonno e vado in camera del nipote,apro la porta e lo vedo con il cazzo in mano che lo stà menando a tutta forza e devo ammetter che ha un cazzo simile a quello del nonno
“Ma Lucaaaa cosa faiiiii menarti il cazzo ma non hai delle compagne che te lo menano??”
“Marta certo che ho amiche ma stavo pensando alle tue tette .le vorrei vicino al mio cazzo per riempirtele di sborra e poi leccartele tutte ahhhh dai lasciami sborrare e chiudi la porta”
esco pensando che una sborrata sulle tette mi piacerebbe ma poi se la racconto al nonno cosa succederà???? In ogni caso avere quel cazzo in mano e anche in gola non mi dispiace affatto e allora decido di raccontare tutto al nonno”
A mezzogiorno mentre mangiamo da soli,il nipote è a scuola, decido di dirgli tutto
“Sai cosa mi è successo questa mattina entrando in camera di Luca??”
“Immagino un casino totale e spero non puzza di sigarette”
“No Gianni l’ho trovato con il cazzo in mano che se lo menava e pensa a chi pensava!!!a me e sognava di lavarmi le tette cosa dici???”
“Cara la mia Marta se il mio cazzo reagirebbe sarei anch’io pronto a segarmi davanti alle tue magnifiche tettone beato lui che ha il cazzo in funzione sai cosa ti dico,solo per rimirarle e accarezzarle me le fai vedere?? Se poi hai seguito il mio consiglio di levarti le mutandine sarei ancora più felice se mi fai odorare la tua fighetta,dai non fare la ritrosa non credo tu sia una santarellina”
“Ma certo non sono una casa e chiesa ma farti vedere le tette a uno della tua età mi sembra di farle vedere a mio padre ma se vuoi solo vedere e non vuoi altro te le faccio vedere Ok farai il bravo??”
“Cara il mio cazzo di certo farà il bravo ma mi sembrerà di essere tornato giovane dai levati la camicia e il reggiseno”
Gianni mi fa sedere vicino a lui e mi abbraccia e io spinta dalla curiosità inizio a levarmi camicia e reggi tette e così le mie due bocce sono libere,le guarda come ipnotizzato e subito inizia a accarezzarle.
“Sono uno splendore Marta!!!!le vorrei tutte per me sono una favola”
Me le accarezza,mi strizza i capezzoli e le lecca, io inizio a scaldarmi e lo lascio fare quando con la mano si infila sotto la gonna e arriva subito alla figa
“Ahhhh hai seguito il mio consiglio sento la tua fighetta libera chissà che profumi avrà fammela odorare ti prego??!!”
Con la cura che dedica alle tette sono tutta un fuoco e così mi sollevo la gonna e gli presento la figa,smette subito di lavarmi le tette e mette la faccia nella figa ahhhh che piacere sentire la sua lingua leggerissima che mi solletica
“Ahhhh che buona allora cara poche ore fa hai pisciato sento il profumo ma questa mattina sei andata in un bar e ti sei seduta,sento l’odore di caffè e di una pisciata che non è la tua,probabilmente una donna o un uomo si sono seduti e la tua figa ha preso l’odore hai visto!!!come vedi non imbrogliavo”
“Gianni fra un momento ti vengo in bocca fammi accarezzare il tuo cazzo per favore voglio sentirmi un cazzo in mano”
“Marta è tuo non posso farti sfogare ma piglialo in mano e io se mi permetti voglio sentire non solo l’odore ma anche il sapore fammela leccare e bere tutta apri bene le gambe”
Gli apro la patta e impugno quel cazzo grosso ma floscio e nel mentre la lingua si infila nella figa,ahhhh che goduria la lingua si impossessa del clitoride lo succhia,lo mordicchia,lo lecca e io comincio a avere orgasmi a raffica
“Nonno!!!!mi fai morire come vorrei il tuo cazzo nel culo,vorrei riempirmi di sborra,basta mi mangi la figa fammi ingoiare il tuo tarello”
Si stacca e mi infila la lingua in bocca e accolgo tutti i miei umori in gola,quasi gli strappo il cazzo e inizio a menarlo,lo scappello e lo infilo in bocca,lo succhio e lo lecco ma purtroppo non reagisce.
“Ahhhhh Marta sei splendida come vorrei darti il mio cazzo da tutte le parti bastavano 20 anni di meno e ti avrei sbattuta ogni giorno,adesso basta rivestiti che arriva mio nipote e se ti vede così come minimo si sborra nelle mutande”
Da quella palpata e goduta ogni giorno il nonno,quando siamo soli, mi vuole con le tette fuori e si attacca a loro come un poppante e poi passa a lavarmi figa e culo e io inevitabilmente gli scarico in bocca tutti i miei umori e mentre mi lecca tira fuori il cazzo e se lo mena nella speranza di vederlo duro e dopo sono io che lo meno,lo metto tra le tette e gli succhio e lecco la cappella.
Dopo pochi giorni oltre alle tette libere mi vuole nuda e è lui che mi sistema i peli per farli diventare un triangolo che giornalmente lecca e odora.
Ormai gli concedo tutto,in effetti mi fa godere leccandomi e facendomi di tutto e io felice lo assecondo ma a dire il vero mi manca un vero cazzo che mi schianti figa e culo,il nonno mi ha proposto cazzi finti ma io spero sempre in uno vero e caldo.
Ma quello che mi ha chiesto durante il bagno mi ha fatto eccitare al massimo
Gli sto facendo il bagno con le tette libere e lui che le accarezza e le lecca quando:
“Marta ho un’idea,spogliati e vieni dentro a farti il bagno con me,non temere ti ho già vista nuda e sei bellissima dai vieni cara!!”
Lo accontento e mi infilo nella vasca insieme a lui che subito mi insapona tette e corpo
“Sai cosa facevamo io e la mia povera moglie???non nella vasca ma nella doccia,la facevamo insieme e spesso lei impugnava il cazzo e mi chiedeva di lavarla pisciandole addosso e quando iniziavo a lavarla anche lei mi inondava di getti dove poteva,che bello!!!!! Avevo il cazzo sempre pronto,Marta ti dispiace di prendermi il cazzo in mano ai ricordi mi viene voglia di pisciare”
“Ma Gianni cosa vuoi fare???vuoi pisciare qui??? Va bene ma voglio vedere il getto adesso ti sollevo il cazzo lo scappello e voglio vedere come pisci dai nonno!!!”
Non aspettava altro e subito una fontanella quasi mi lava le tette,io eccitata mi spingo in avanti e la piscia mi lava le tette,l’odore se possibile mi eccita al massimo e così per la prima volta con la lingua mi assaggio il getto,stupendo non immaginavo di essere così porca ma mi piace.



Questo racconto di è stato letto 1 5 5 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.